To Top
Hidden City

Albergo Diurno Venezia

La spa più antica della città, una decadenza che amalgama stupore e malinconia

In diverse occasioni ognuno di noi ha constatato come Milano possa meravigliare attraverso gioielli nascosti: angoli, cortili e palazzi, sconosciuti o celati. Ma forse pochi potevano immaginare che Milano nasconde tesori anche dove l’immaginario porta a collocarli, ovvero sottoterra.

Inaspettatamente, mentre scendete dalle scale che da piazza Oberdan vi accompagnano alla metropolitana, fermatevi tra una rampa e la successiva e alzate lo sguardo: alla vostra destra troverete una porta chiusa e un’insegna “Albergo Diurno Venezia”.

Grazie al FAI, in alcune occasioni questa porta si apre e questo luogo è visitabile. E quando si spalanca c’è da rimanere a bocca aperta…

Qui il tempo si è fermato, si è accolti da un ampio salone con meravigliosi pavimenti elaborati con decori di mattonelle. Ai lati di questo atrio troviamo dei banconi in boiserie che ci svelano, susseguendosi, una biglietteria ferroviaria – aerea e marittima – un fotografo, un ufficio informazioni, una coiffeuse per signore, un servizio manicure e pedicure con il relativo prezziario, un bar con un grande specchio dal piombo annerito e un elegantissimo barbiere con diverse postazioni, incorniciate da mattonelle bianche e nere, complete di una ampia specchiera e di poltrona girevole in pelle rosso rubino.

Albergo Venezia Diurno

Al cospetto di questa scenografia ci viene facile e immediato immaginare le scene che avvenivano in questo luogo e le persone che lo frequentavano. Vediamo davanti a noi eleganti signore che si fanno aggiustare l’acconciatura oppure rinfrescare il cappellino; commessi viaggatori che si concedono un servizio di barba e capelli; gentiluomini che si fanno lucidare le scarpe dopo una passeggiata ai Giardini o sui Bastioni; coppie di sposini che prenotano un biglietto ferroviario per la loro luna di miele.

Ci inoltriamo ulteriormente in questo sotterraneo e a seguito di uno scalino, che con il suo mosaico ci fa da promemoria dell’anno di inaugurazione del complesso termale che compare al nostro cospetto, troviamo due corridoi paralleli, ciascuno dei quali con un susseguirsi di porte che al loro interno conservano sale da bagno con enormi vasche e ampi lavandini, ognuna diversa e personalizzata con pareti a righe larghe bianche e nere, o tinta unita in tonalità pastello.

Travolti da una decadenza che amalgama stupore e malinconia, lo percorriamo fino in fondo e risalendo ci ritroviamo a emergere sotto la pensilina originale, in via Tadino, tanto è vasta l’estensione di questo luogo. Scopriamo anche che le due colonne di cemento che svettano sulla piazza, sono in realtà i condotti di scarico dei vapori delle terme stesse.

Albergo Venezia Diurno

Questa è una storia che inizia nei primi del ‘900, quando un imprenditore lungimirante di nome Cleopatro Cobianchi ebbe occasione di fare diversi viaggi di lavoro a Londra insieme a suo fratello Stanislao. I due portavano avanti gli interessi dell’azienda di famiglia, produttori di un certo Amaro Montenegro. Ebbene, egli rimase colpito dal successo che riscuotevano i bagni diurni adiacenti le stazioni metropolitane della città: ambienti puliti e ben curati, nei quali si dava la possibilità a viaggiatori e non, di usufruire di bagni pubblici, docce e servizi aggiuntivi quali coiffeur e barbiere.

Il signor Cobianchi comprese subito che una versione milanese, riveduta e corretta, sarebbe stata ottimale per la città, da sempre stata un crocevia di energia, di innovazione e un’anticipatrice delle esigenze della clientela. Oggi, all’inizio di questo secolo, così come all’inizio del secolo scorso.

Gli Alberghi Diurni milanesi non erano solo dei bagni pubblici per ovviare al problema dell’igiene, ma potevano essere definiti delle terme poiché dedicati alla cura del corpo e del benessere individuale, oltre che alla fornitura di servizi aggiuntivi. Vennero progettati luoghi eleganti e spaziosi, in stile liberty o art déco, ambienti arredati con mobili di pregio e dettagli ricercati: pavimenti in marmo, mosaici, rubinetterie in ottone, vetri colorati e ceramiche.

Furono subito un successo, utilizzati oltre che dai viaggiatori anche da molti milanesi. Il suo nome ufficiale era Albergo Diurno Metropolitano ed era aperto tutti i giorni dalle 7 alle 23. Venne progettato dall’ingegner Troiani, l’aspetto decorativo fu affidato all’architetto Piero Portaluppi e fu inaugurato nel 1926. Le terme furono successivamente chiuse nel 1985 e le attività si spensero una ad una fino a che l’ultimo barbiere lasciò l’albergo nel 2006.

In trepida e curiosa attesa su quei gradini ho incontrato un distinto signore, di una certa età e con un sorriso stampato. Mi ha raccontato che lui alle all’Albergo Diurno Metropolitano ci era stato qualche decennio fa, la mattina del suo matrimonio, per usufruire delle sale da bagno e imbellettarsi. E che anche lui e i suoi ricordi erano ritornati a visitare questo luogo magico.

Vi consigliamo quindi di tenere d’occhio il calendario del FAI e di prenotarvi per una visita… mettetevi in fila!

Ti potrebbero interessare anche...

Gucci Art Wall

Corso Garibaldi 79, 20121 Milano

Tra Garibaldi e Moscova, più precisamente in Largo La Foppa, sorge un murales un po’ particolare: il Gucci Art Wall. Alzando lo sguardo verso l’alto, nei pressi del Radetzky Café, è infatti possibile scorgere l’enorme tela urbana di 176 metri quadrati che da maggio 2017 racconta l’immaginario di Gucci: unendo al marketing l'arte contemporanea e regalando periodicamente ai milanesi nuove [...]

Il Duomo di Milano svela i suoi angoli nascosti

Il Duomo di Milano festeggia quest'anno i suoi 630 anni. Sei secoli più che intensi: tra bombardamenti, restauri e ricostruzioni. Sei secoli di arte e di architettura legati indissolubilmente alla storia della città. Da settembre a dicembre 2017, la Veneranda Fabbrica del Duomo farà un enorme regalo ai milanesi, ai turisti e agli appassionati che vorranno conoscere luoghi solitamente non accessibili [...]

Le Sirene di Parco Sempione

Parco Sempione, 20121 Milano

C’era una volta una città attraversata da un corso d’acqua che un genio deviò sapientemente allo scopo di farne proliferare il commercio e lo sviluppo. In questa città dimoravano anche delle sirene, che con la loro benaugurale presenza allietavano i giovani della città. C’era una volta questa città, ma le sirene ci sono ancora. Hanno [...]

5 Posti dove bere bene tra Buenos Aires e Centrale

To read this article in English, click here. Negli ultimi anni tutta la zona che va da Corso Buenos Aires fino alla Stazione Centrale, toccando ai suoi estremi il nuovo scintillante quartiere di Isola e la storica Porta Venezia, si è andata popolando di nuovi e ricercati cocktail bar che sono la meta d’elezione del viveur milanese. Ora che [...]

Kilburn Cocktail Bar

Via Panfilo Castaldi 25, 20124 Milano

Per gli amanti delle miscele più rare, la zona di Porta Venezia è come un cielo pieno di stelle. Tra le vie di questo quartiere bello e laborioso si consumano ogni giorno infiniti aperitivi, dovunque è un brulicare di vita e i tavolini all’aperto pullulano in ogni angolo. Fra tutte queste stelle una ne brilla la [...]

Flawless Milano è un progetto nato dal sogno di un gruppo di ragazzi, amici e compagni di università, oggi professionisti nei settori della moda, del lusso, della grande distribuzione e della finanza.

Bombardati quotidianamente da informazioni di ogni tipo trasmesse da un numero sempre maggiore di strumenti di comunicazione, a volte cerchiamo solo la semplificazione. Una guida.

Copyright © 2017 Flawless Living s.r.l. - Via dell'Orso 7/A - 20121 Milano - PI 08675550969