To Top
Lifestyle

Amo Milano

Dall’alba al tramonto, vi racconto perché amo Milano

To read this article in English, click here.

Amo Milano. Milano è giovane, Milano è bella, Milano è donna. Milano è sexy, è audace, Milano è nascosta, Milano è festa. Milano è tutte le città d’Italia insieme, è Nord, è Sud, è Centro. Amo il rumore dei primi tram che ricordano che la sveglia sta per suonare, amo riuscire a svegliarmi prima di loro e prima che suoni, però, la sveglia.

Amo Ferragamo

Faccio piano, non voglio disturbare il mio uomo ma lui mi sente sempre, allora lo bacio e poi mi fermo, aspetto un minuto. Dorme. In punta di piedi arrivo in cucina e lascio che l’odore di caffè inebri la stanza, fuori è ancora buio, tutti dormono, io sono sveglia.

Con la tazzina in mano esco in balcone e guardo Brera, fa freddo, il corpo si sveglia, i pensieri riprendono il loro corso. Una nuova giornata sta per iniziare, Milano tra poco tornerà al suo fervore, tra poco, non ancora.

Rientro. Doccia, capelli, trucco. Passo davanti all’armadio e sfioro abiti e maglioni. Oggi è una giornata speciale. Ogni giorno a Milano è diverso. Pieno. Ambizioso. Amo pensare che ancora non so cosa penserò questa sera di questa giornata. Dipende da me, dipende da Milano. Dipende da noi.

Amo Ferragamo

Prima di uscire, come una diva, amo guardarmi allo specchio e spruzzare il mio profumo sul collo, come fanno nei film, come fanno nelle pubblicità. Come se il solo gesto potesse arricchirmi di personalità, grinta, autostima. Visto che ci credo, lo fa. La gente mi chiederà di chi è il mio profumo, io sorriderò.

Le prime luci dell’alba dipingono il cielo del colore dei sogni, quelli belli, quelli che non dovrebbero finire mai. Qualche macchina e tram interrompe il silenzio di via Mercato a intervalli irregolari. C’è ancora tempo, ci sono ancora io.

Mentre cammino per le vie di Brera conto i bar aperti e quelli ancora chiusi. Penso a me seduta in ognuno di essi, leggendo, parlando, pensando, ascoltando. Magari tornerò in tutti. Magari no. Attraverso la Galleria Vittorio Emanuele e arrivo in Duomo. Il cielo ancora del colore dei sogni, ancora per poco, ancora quanto basta.

Amo Ferragamo

Tra poco aprirà la terrazza su in cima e io ci sarò, salirò per prima. Perché amo guardare Milano dall’alto e perché oggi è un giorno speciale. Più di ieri. Meno di domani. Ogni giorno è unico a Milano. Ogni giorno è follia. Ogni giorno è euforia.

Le guglie da qui sono diverse. Più belle. Più vere. Più forti. Mi avvicino e sbircio tra esse, guardando Milano che ormai è sveglia ed è già frenetica, accesa, veloce, sicura. Ho ancora un po’ di tempo. E allora penso al tempo, al suo valore, alle stagioni che passano. A quando ripenserò a oggi e a quello che volevo. L’ho ottenuto? Sì, no, forse. Non importa. È più facile ottenere una cosa che si brama, che si desidera, che si vuole. Amo ottenere quello che voglio.

Amo Ferragamo

La giornata al lavoro vola. Appuntamenti, riunioni, presentazioni. Nemmeno mi accorgo che è quasi ora di uscire. Sento ancora il mio profumo, sorrido ancora. Oggi voglio viziarmi. Andrò in centro, nella via della Moda ed entrerò nella mia boutique preferita. Proverò qualcosa, magari troverò le scarpe che mi servono, quelle che con il giusto vestito gli faranno brillare gli occhi appena mi vede. So che gli brilleranno comunque. Basterà il profumo.

Amo Ferragamo

Stasera Milano è vibrante. Sono di nuovo in Duomo ma lo vedo da un’altra angolazione mentre la candela illumina la nostra tavola. Milano è impeccabile nella sua bellezza imperfetta. Milano è contraddizione. Milano è elegante. Sono protagonista, attrice principale dello stesso sogno che è iniziato un attimo prima che suonasse la sveglia, un attimo dopo che finisse quello vero, di sogno.

Amo Ferragamo

Lo guardo, mi guarda. Guardiamo Milano. La stessa città che adesso è tirata a festa tra poco cambierà di nuovo, spegnerà un po’ di luci, non tutte, tutte mai. Qualcuno avrà fatto tardi e Milano lo accompagnerà a casa, Milano accarezzerà i suoi pensieri mentre cammina. Non è tardi per cambiare, penserà quel qualcuno. Milano è sola adesso, appena per un minuto, qualche sveglia sta già per suonare.

 

Nota dell’editore: è con orgoglio che ti informiamo che questo articolo è sponsorizzato da Ferragamo Parfums SpA e promosso da Flawless Milano. Ti ringraziamo per supportare gli sponsor che rendono Flawless Milano possibile. Clicca qui per conoscere la nostra politica editoriale.

Photo credit © Federica Santeusanio