To Top
Street Food

Burger Wave

Un vero hamburger australiano recensito da un australiano doc

Devo ammetterlo: da australiano ho esitato prima di provare Burger Wave. È quasi passato un anno da quando ho lasciato la mia casa a Sidney e un po’ per nostalgia, un po’ per la paura di restare deluso ho sempre evitato di provare i sapori di casa dall’altra parte del mondo.

Sono passato davanti a Burger Wave in San Marco – sulla strada per l’ufficio – così tante volte (il brand ha una rete di Franchising molto estesa: Navigli, Colonne, San Marco, Arco della Pace, Isola, Montenero e Assago) prima di decidermi a provarlo che non ne avete idea.

La mia riluttanza non era solamente legata alla paura di restarci male, anche se devo ammettere che questo elemento mi ha influenzato per un po’. È che tutti i loro ristoranti assomigliavano un po’ al video musicale di “Men at Work”. Non mi rassicurava affatto tutta l’attrezzatura da surf esposta e i murales “stile indigeno” sui muri. Mi dava l’idea di un’accozzaglia derivante dal più classico stereotipo totalmente privo di autenticità.

L’unico modo per capire se mi sbagliavo era testare il loro classico old fashioned burger “with the lot” (con tutto, come si direbbe qui). Il tipico “milk bar” burger australiano (hamburger del bar del quartiere). Da appassionato, ho assaggiato tanti buoni hamburger qui a Milano: Al Mercato, Madera e Morso Burger – solo per fare alcuni nomi – tutti davvero eccezionali. Ma un hamburger australiano? Credetemi, la differenza c’è, si vede e si sente.

Gli hamburger australiani “aussie” sono una vera bomba di sapori, un perfetto mix tra dolce e salato. Colpiscono ogni singola papilla gustativa senza alcuna discriminazione. Come? Con i “topping” ovviamente (condimenti). Tantissimi “topping”. Sapori così diversi tra loro che non direste mai che possano sposarsi bene insieme. Eppure – credetemi – lo fanno: carne, lattuga, pomodoro, cipolla, bacon, barbabietole sottaceto, ananas e uovo al tegamino. Tutto nello stesso, sofficissimo panino.

Quindi come sono fatti gli hamburger di Burger Wave? Sono autentici, genuini, veri blue Australian burger oppure solamente una scadente copia all’italiana?

Sono davvero sorpreso di dirvi che il loro “Ripper” (eccellente) burger è un vero affare. Un vero hamburger australiano nel cuore di Milano. Ma non è solo questo, è quasi più buono del classico hamburger di quartiere che trovereste in Australia, visto che viene utilizzata solamente carne macinata di Black Angus.

Merita sicuramente una menzione anche la lista di birre australiane presenti in menù. Cinque euro potrebbero sembrare troppi per una “stubby” (birra in bottiglia piccola) di Victoria Bitter ma vi assicuro che mandare giù il Ripper Burger con qualsiasi altra cosa, semplicemente non sarebbe lo stesso.

Mentre l’arredamento potrebbe sembrarvi uno scherzo, vi assicuro che gli hamburger qui sono una questione dannatamente seria!

Ti potrebbero interessare anche...

SorryMama

Corso di Porta Romana 79, 20122 Milano

Il concept è semplice e accattivante: SorryMama è la lasagna di mammà anche quando mammà non c’è. Da qui anche il nome del locale. Scusa Mamma, ti tradisco per un’altra lasagna! recita il sito. La location è molto piccola e funzionale ma l’atmosfera è accogliente. Le pareti raccontano la cura per l’ambiente, la passione per le materie prime di alta qualità [...]

Ten Grams

Via della Moscova angolo L.go La Foppa, 20121 Milano

Street è trendy, fast è milanese, truffle è gourmet. E tutto questo insieme è Flawless, in soli dieci grammi. Dove vogliamo arrivare? In via della Moscova, nella nostra Milano e, precisamente, da Ten Grams, che, definendosi “il primo fast food dedicato al tartufo”, dichiara, con orgogliosa ambizione, “Saremo sulla bocca di tutti”. Beh, sulla nostra, per fortuna, ci è finito. E ha anche lasciato un ottimo sapore. Qui, il [...]

Gialle & Co.

Via Alessandro Volta 12, 20121 Milano

Ha aperto poco tempo fa in Moscova Gialle & Co., un nuovo ristorantino specializzato in un ingrediente molto comune ma anche molto trascurato della nostra cucina: le patate. Il format è quello della baked potato anglosassone, conosciuto un po’ da tutti ma ancora molto poco visto in Italia, declinata in varianti originali. La prima questione che in fase progettuale [...]

5 panini unici nel loro genere a Milano

To read this article in English, click here. In pausa pranzo, a cena o nel pomeriggio un panino è sempre un’ottima idea. E se è vero che il panino è il più semplice pasto di tutti è anche vero che non tutti si accontentano di panini troppo semplici. In Italia, poi, con tutte le materie [...]

I 10 migliori street food di Milano

To read this article in English, click here. In questo periodo dell'anno la natura riempie l'aria di profumi e noi, ovviamente, tendiamo a stare all'aperto il più possibile, evitando di chiuderci in casa. Backdoor43 è stato uno dei primi a notare questo trend e lo ha messo in pratica con il concetto del cocktail da asporto. Drink e [...]