To Top
Ristoranti

Carlo e Camilla in Segheria

Cenare in un ambiente caldo, inebriante e sexy con i piatti di Luca Pedata e i cocktail di Filippo Sisti

“A cigarette that bares a lipstick’s traces…” Le note di Billie Holiday aleggiano nell’aria, mentre lo sguardo si perde cercando di mettere a fuoco i contorni di questo luogo insolito, fuori dal comune: Carlo e Camilla in Segheria.

L’atmosfera è da subito calda, inebriante e… sexy. Una piccola porticina si apre su un cancello scorrevole di metallo su via Meda 24, ma conoscendo il quartiere niente lascia presagire l’incanto che si cela al suo interno, non fosse per i racconti e le recensioni entusiaste di amici, colleghi e ovviamente della stampa.

Ci stupisci ancora, caro Carlo, e noi non possiamo che esserti grati. Per voi signori, la nuova perla del rinomato chef nostrano. Siamo da Carlo e Camilla in segheria, promessa già mantenuta dei nuovi indirizzi DOC del capoluogo.

Un gioco di contrasti immediati. Il primo: lo spazio. In una Milano sempre più affollata, qui ci si perde, guardando i soffitti altissimi e cercando di capire le dislocazioni degli ambienti, così diverse dallo standard.

Il secondo: il concetto. Due lunghi tavoli a “T” si intrecciano lungo la sala principale, invitando tutti i commensali ad accomodarsi l’uno a fianco all’altro, siano essi amici, compagni o semplici sconosciuti. Così attaccati alla privacy, d’impatto siamo quasi a disagio a sederci di fianco a chissà chi, sensazione subito rimpiazzata da un senso di protezione, da una disinvoltura che si prova in genere quando si esce con un gruppo di cui si conosce soltanto una persona. Quando puoi far finta di essere chi vuoi.

Il terzo: l’ambiente. Una ex segheria post-industriale. Muri scrostati e travi a vista sono miscelati a un arredo minimal, curato nei minimi dettagli dall’art director Tanya Solci, compagna di Cracco in questa avventura. E così, su un tavolo spoglio, senza tovaglie, spicca un fuori produzione entusiasmante di porcellane, Richard Ginori ovviamente. Teiere numerate, piatti, posate e porta vivande di ogni tipo si distendono lungo tutta la lunghezza. Adesso capisco come deve essersi sentita Alice, nel suo paese delle meraviglie, in una casuale cena con il Cappellaio matto. Ricchi lampadari di cristallo e sedute di A.G. Fronzoni e Jasper Morrison completano la scena mescolando le carte dell’insolito.

Poi c’è il bar, tempio sacro di Filippo Sisti, nome noto agli intenditori, che con le sue miscele rende uniche le sue creazioni “sfornando” cocktail da far invidia al più cool dei bar londinesi.

Il quarto: l’esterno. Uno spazio arredato secondo canoni rustici che riproduce situazioni d’altri tempi, di altri luoghi, di vite diverse.

Quinto, ma primo per importanza, nonché assoluto protagonista: il cibo. Sublime delizia. Ma su questo non avevamo dubbi. Luca Pedata, alla guida di una giovane squadra di cuochi entusiasti, crea meraviglie gustative che non vogliamo sminuire con improprie descrizioni. Ogni quarantacinque giorni potrete regalarvi un menù diverso e una scusa per tornare.

Convinti? Noi assolutamente rapiti!

Ti potrebbero interessare anche...

Bar Pasticceria S. Liviana

Via Francesco Hayez 14, 20129 Milano

Nella zona non troppo battuta, riservata e bohémien, tra Porta Venezia e Città Studi esiste da oltre trent'anni un locale che mantiene alta la bandiera della tradizione pasticcera e della genuinità, un gioiellino che è un vero punto di riferimento per gli abitanti del quartiere: il Bar Pasticceria da S. Liviana. Come entrate vi ritroverete accolti da un'atmosfera intima [...]

Olmetto

Via Disciplini 20, 20123 Milano

Il ristorante Olmetto si trova a due passi da via Torino e da piazza Vetra, in via Disciplini, dove sorge Palazzo Brivio Sforza, uno degli esempi più interessanti dell’architettura nobiliare milanese. Il ristorante ha sede proprio al suo interno e l’intero progetto di ristrutturazione e allestimento dello spazio ha giocato su un costante dialogo tra gli elementi [...]

Barmare

Corso Lodi 12, 20135 Milano

Il Barmare è un ristorante di pesce inaugurato a Maggio, in zona Porta Romana, che nasce dal sodalizio di tre giovani imprenditori appartenenti a Food Heroes, la comunità che coinvolge piccoli produttori, consumatori e ristoratori che condividono gli stessi valori di sostenibilità, etica e responsabilità nella produzione e nel consumo alimentare e mossi dalla voglia di aprire [...]

Manin Restaurant

Via Daniele Manin 7, 20121 Milano

La pausa pranzo è uno strano momento della giornata. Dopo una mattinata intensa l’unica cosa che si desidera è la soddisfazione di un pranzo leggero e veloce, ma bisogna anche trattarsi bene e tornare a lavoro dopo aver soddisfatto al meglio il palato. All'interno del Manin Resturant, il ristorante dell'hotel più antico di Milano,  tutto questo è possibile e in una sala decorata [...]

Karné

Via Zuccoli 6, 20125 Milano

Mai avuto voglia di un ristorante dall'atmosfera del tutto amichevole, silenzioso ed elegante, specializzato in carni alla brace ma dove potete mangiare virtualmente qualunque cosa che non sia pesce? Se è questo che cercate, andate a dare un'occhiata al Karné, un delizioso, rilassante spazio dai colori soft, dove si respira tranquillità allo stato puro. Il ristorante [...]

Flawless Milano è un progetto nato dal sogno di un gruppo di ragazzi, amici e compagni di università, oggi professionisti nei settori della moda, del lusso, della grande distribuzione e della finanza.

Bombardati quotidianamente da informazioni di ogni tipo trasmesse da un numero sempre maggiore di strumenti di comunicazione, a volte cerchiamo solo la semplificazione. Una guida.

Copyright © 2017 Flawless Living s.r.l. - Via dell'Orso 7/A - 20121 Milano - PI 08675550969