To Top
Lifestyle

I cocktail su misura del Barba

Un luogo di allegria e di creatività dove sentirsi a casa

To read this article in English, click here.

Vi avevamo già parlato del Barba all’inizio di quest’estate. Localino tranquillo tra Repubblica e Centrale, figlio cadetto della famiglia MAG dall’anima musicale. Ad averci incantato erano state due cose: la drink list, che era un gioiello di creatività, e l’aperitivo leggero ma ricercato, perfetto per chi cerca location con un po’ di anima e d’identità. E di anima e identità, il Barba ne ha da vendere.

barba-milano-esterni

Siamo tornati in questi giorni per vedere che novità aveva portato l’inverno e come se la passavano Andrea e Lele, rispettivamente a capo del bar e della cucina. Inutile dire che se la passavano alla grande. Siamo arrivati per l’aperitivo, i tavoli quasi tutti pieni e l’atmosfera anche più bella di quella della prima volta. Tra luci soffuse, playlist ricercate e clientela sofisticata siamo riusciti a chiudere la porta in faccia al gelo milanese e finalmente rilassarci un po’ nel calore del locale.

barba-milano-locale

La cosa che ci piace di più del Barba è che essendo un posticino quasi di nicchia, i mixologist hanno un proprio spazio di espressione e una piena libertà creativa. Secondo la filosofia del bar infatti ognuno di noi possiede un palato differente con percezioni differenti, quindi la cosa migliore da fare è rapportarsi al cliente, comprendere le sue preferenze e proporre il drink più adatto ai suoi gusti.

barba-mixology

Questa flessibilità e questa creatività danno ai cocktail del Barba quell’aura di prodotto unico, quasi artigianale, che fa diventare ciascun drink speciale. Anche i grandi classici della mixology, quelli a cui un po’ tutti siamo abituati, ricevono sempre un twist nuovo, un tocco proprio, orientato verso una maggiore eleganza, una riflessione e una ricerca su ciò che si sta bevendo. Sul menù, sempre a forma di vinile da sette pollici, abbiamo una bella lista dei sette signature cocktail ma rappresentano solo la punta dell’iceberg rispetto a tutto quello che il bancone può offrire.

barba-milano-cocktail

Due cocktail su tutti: il Torino-Milano via Novara che è una rivisitazione di uno dei drink italiani storici che vede sempre l’unione di Campari e Cinzano ma con l’aggiunta extra di bitter al pompelmo e sale al cacao amaro, davvero indimenticabile, e un altro più estivo, il Farmily Mule fatto con il Farmily, cioè il botanical spirit della famiglia Mag, unito alla ginger beer e con un float di Angostura Bitter. Il drink che abbiamo preso noi, invece, è un fuori lista (oltre che un fuori classe): abbiamo chiesto un gin tonic rivisitato e ci hanno portato una delizia dove, ai classici ingredienti, era aggiunto un tocco affumicato di Laphroaig e appena due gocce d’assenzio.

barba-milano-bancone-orizzontale

Ma veniamo al cibo. Due informazioni preliminari: il Barba copre tutti i pasti, dalla colazione alla cena passando per l’aperitivo e sul suo menù troverete una gran maggioranza di crudité di carne, di pesce e di tartare oltre che una decisa prevalenza dei cibi cotti in sottovuoto e a bassa temperatura, per preservare al meglio tutti i sapori delle varie pietanze e conferire una tenerezza unica alle carni. L’aperitivo è ovviamente il momento in cui la bellezza del Barba è al culmine. I drink portati al tavolo e i piccoli appetizer da abbinare a ciascun sorso sono la cornice perfetta per un po’ di conversazione post-lavoro. Qui torna in campo la flessibilità e versatilità del servizio che suggerisce gli abbinamenti migliori in base al drink che si è scelto.

barba-milano-vinili

Usciamo dal Barba per accendere una sigaretta digestiva e possiamo dire di essere soddisfatti. Dal servizio e da tutto il locale ovviamente, ma ancora di più dal senso di libertà che questo posto ci fa provare. Non un bar dove scegliere tra opzioni definite ma un luogo di allegria e di creatività che non dimentica mai la sua vocazione all’eccellenza. Senza dubbio, il Barba è uno dei nostri posti preferiti nell’intera città.