To Top
Stellati

Contraste

Un ambiente riservato, elegante che induce alle chiacchiere senza mai sentire i vicini di tavolo

Avanti, indietro. Avanti, indietro. “La tua destinazione è sulla tua sinistra”. Ops, sono andata troppo avanti… ma dov’è? Contraste inizia subito a stuzzicarmi. Anche se ho in mano l’Iphone e l’app di Google Map mi indica la strada, nulla, non si fa trovare. Finalmente mi accorgo di un citofono sulla porta e di una piccola deliziosa insegna che non urla la sua presenza ma aspetta sorniona al varco.

Contraste | Photo Credit: Guido de BortoliPhoto credit © Guido de Bortoli

Sembra proprio di entrare in una casa. Di fuori il giardino, curatissimo, sedie e tavoli bianchi che stimolano già una voglia di finger food e aperitivo estivo, dentro camerieri sorridenti (anche se sono in ritardo e avevo spergiurato puntualità) e una decina di tavoli tutti tondi e tutti con una nuvola di cotone e luci azzurre in mezzo. Una mis en place leggera ed elegantissima.

Contraste - Tavoli Nuvole | Guido de BortoliPhoto credit © Guido de Bortoli

La nuvola sarà l’altare degli stuzzichini pazzeschi preparati dallo chef Matias Perdomo – il già stellato di “Pont de Ferr” – come entrée. Saporiti, colorati, belli e, inutile dire, buonissimi… su tutti, una piccola melina morbida verde scintillante, due foglioline in cima e dentro: sarde in saor! Stupefacente. La nuvola sparisce quando si incomincia a fare sul serio, il menù degustazione mi aspetta e la gentilezza del cameriere mi ha consentito di cambiare una portata con un piatto del menù à la carte. Per chi avesse voglia di mettersi in gioco, c’è il menù specchio. Basta descriversi un po’, gusti e personalità e lo chef creerà un menù che vi rispecchi!

Contraste - Interni | Paulo Rivas PenaPhoto credit © Paulo Rivas Peña

Incomincio con “passeggiando fra i boschi”: una crema di funghi porcini guarnita con piccoli pezzettini di mela e nocciola. Se non avessi avuto quel minimo di dignità, avrei semplicemente leccato il piatto. Arriva l’ “Alunga in verde”: un pesce della famiglia del tonno, a me sconosciuto, cucinato a crudo con una salsa di capperi che mixa il sapore e lo esalta. Seguono “Il donut alla bolognese” (lasagna rivisitata) e “Gnocchetti con salsa affumicata di anguilla”, il “caciucco straordinario” (il brodetto mi dava la netta sensazione di essere in riva al mare, finte cozze ripiene di pesce paradisiache), “Filetto alla pizzaiola” e… il dolce. Sì ho ancora spazio per il dolce. “Pulp fiction”: proiettili di cioccolato fondente, sangue di barbabietola, petali di rosa e montagne di crema al cocco, impalpabile al palato ma di gusto delicato e persistente. Per concludere “Gerusalemme”, mattoncini di sesamo bianco, a simboleggiare il muro del pianto, cupola d’oro di zucchero lavorato come fosse vetro, ripieno di gelato, microsferizzazione di melograno, datteri e noci a completare.

Contraste - Pulp Fiction| Christian ParaviciniPhoto credit © Christian Paravicini

Il tutto in un ambiente riservatoelegante (soffitti dipinti e lampadari rossi a contrasto) che induce alle chiacchiere senza mai sentire i vicini di tavolo. Ottima atmosfera, ottimo gioco di illuminazione e ombre, ottimo cibo (nel mio caso anche ottima compagnia), ottimo servizio. Non c’è ancora nessuna stella… Scommettiamo che arrivano doppie? Sarebbero assolutamente meritate!

Contraste | Photo Credit: Guido de BortoliPhoto credit © Guido de Bortoli

Uscendo non si può che sbriciare in una gigantesca toppa nel muro: è una giocosa enorme serratura dove è obbligatorio guardare… Ecco a voi la brigata al completo che lavora, prepara e spadella i piatti. Adesso che lo conoscete, non andarci – culinariamente parlando – sarebbe il vostro errore più grande.

 

Photo credit cover picture © Guido de Bortoli

Ti potrebbero interessare anche...

10 ristoranti per la notte di Capodanno

To read this article in  English, click here. Il cenone di Capodanno. Temuto, atteso, è una delle occasioni più importanti dell’anno. Alcuni decidono di passarlo in casa con gli amici, è una delle tante opzioni, ma altri preferiscono non doversi mettere ai fornelli e andare semplicemente in un ristorante. In qualsiasi altra città il cenone al [...]

Chiedile scusa con l’appuntamento perfetto

To read this article in English, click here. È successo, diciamocelo, avete commesso un errore e ora la vostra lei è arrabbiata con voi. Può essere per un motivo più o meno valido ma una cosa è sicura: urge farsi perdonare. Bisogna sempre dimostrare a una donna quanto si tiene a lei. Quale migliore maniera [...]

Tokuyoshi

Via S. Calocero 3, 20123 Milano

Una stella Michelin appena presa, va bene, ma la curiosità è tutta per lui, Yoji Tokuyoshi, chef proprietario dell’omonimo ristorante con un passato importante. Nove anni da Massimo Bottura, di cui tre come sous-chef, non sono cosa da nulla. Le aspettative, quando si entra, sono abbastanza alte. Adesso, lo chef Tokuyoshi ha aperto il suo ristorante giapponese [...]

Giacomo Rosticceria

Via Pasquale Sottocorno 9, 20129 Milano

Tre parole per descrivere Giacomo: istrionico, energico, appassionato. Giacomo Bulleri è un ultranovantenne di origine toscana, trapiantato a Milano da tantissimi anni e che ha ancora oggi un’energia pazzesca, contagiosa e che lascia il segno. A Milano ha creato il suo piccolo impero gastronomico, oggi gestito perlopiù dalla figlia, dal genero e dai nipoti. “Piccolo Impero” [...]

Il Cavatappi

Via XX Settembre 10, 23829 Varenna

Micro, nascosto, segreto e davvero unico. Ecco i quattro aggettivi che meglio descrivono il ristorante Il Cavatappi, una delle perle enogastronomiche del Lago di Como, al civico 10 di via XX Settembre, a Varenna, alle porte di Lecco. Perfettamente conservato tra le mura del vecchio nucleo storico, il ristorante Il Cavatappi è un’osteria vera e [...]