To Top
Mostre

Alejandro G. Iñárritu – Carne y Arena

Un percorso nella realtà di un gruppo di rifugiati in viaggio

Il regista, produttore e sceneggiatore messicano vincitore di quattro premi oscar Alejandro Gonzalez Iñárritu, porta in scena un’installazione di realtà virtuale – “Carne y Arena – Virtually Present, Physically Invisible” – che guida lo spettatore attraverso un percorso estremamente suggestivo, incentrato sul tema dell’immigrazione. La mostra, che si terrà presso Fondazione Prada, è prodotta da Legendary Entertainment e Fondazione Prada e inclusa nella Selezione Officiale del 70° Festival de Cannes.

Il regista di Birdman e The Revenant utilizza la realtà virtuale per creare un grande spazio multi-narrativo con personaggi reali e immergere lo spettatore, tramite un percorso di 6,30 minuti, nella realtà di un gruppo di rifugiati in viaggio. In questo modo si riesce a entrare “sotto la pelle e dentro i cuori” dei soggetti in mostra, vivendo appieno la loro storia.

Iñárritu dice “ Nel corso degli ultimi quattro anni, mentre l’idea di questo progetto si formava nella mia mente, ho avuto il privilegio di incontrare e intervistare molti rifugiati messicani e dell’America Centrale. Le loro storie sono rimaste con me e per questo motivo ho invitato alcuni di loro a collaborare al progetto. La mia intenzione era di sperimentare con la tecnologia VR, per esplorare la condizione umana e superare la dittatura dell’inquadratura, attraverso la quale le cose possono essere solo osservate, e reclamare lo spazio necessario al visitatore per vivere un’ esperienza diretta nei panni degli immigrati, sotto la loro pelle e dentro i loro cuori”.

Avvincente è la storia personale dell’artista, che all’età di sei anni assiste al crollo finanziario della sua famiglia. All’età di 17 Alejandro si imbarca come mozzo in navi da cargo e nella sua terza esperienza attraversa l’ Atlantico e decide di fermarsi in Africa con pochissimi soldi in tasca. Da questa intensa esperienza di vita la sua visione artistica ne esce radicalmente modificata. Tornato in Messico inizia a studiare all’università comunicazione e nel 1984 inizia a lavorare in una radio messicana, di cui assume la direzione artistica dopo un breve periodo. Negli anni a seguire inizia a comporre colonne sonore e a lavorare con il famoso regista Ludwick Margules. Negli anni 90’ fonda la Z Film e nel 2015 vince il premio Oscar come miglior regista e sceneggiatura originale con il film Birdman.
 Nel 2016 vince il Golden Globe miglior regia e miglior film drammatico con il film Revenant.

Fondazione Prada ospita un progetto umano dai contenuti profondamente sinceri.

Ti potrebbero interessare anche...

Frida Kahlo a Milano

Dal 1 febbraio fino al 3 giugno, il Mudec di Milano ospiterà una delle mostre più complete della celebre pittrice messicana Frida Kahlo. Dopo molti anni, verranno finalmente esposte in un'unica sede tutte le opere conservate nelle collezioni del Museo Dolores Olmedo di Città del Messico e della Jacques & Natasha Gelman Collection, oltre a quelle appartenenti ad altri importanti [...]

“Dal Tunnel”: l’arte contro la violenza sulle donne

L’arte come testimonianza, l’arte come via di fuga e strumento di dialogo. Tutto questo è il progetto culturale “Dal Tunnel” che si propone di sensibilizzare  il pubblico sul delicato tema della violenza nei rapporti affettivi. Un gravissimo problema che affligge tante relazioni e spesso sfocia in esiti tragici. Dal 5 al 13 Dicembre, per un’intera settimana, e [...]

Milano e la Mala

Oggi Milano è sinonimo di business, design, innovazione, moda. Ma c'è stato un tempo in cui il viso scintillante del boom economico e del benessere sociale convivevano con gli aspetti più oscuri e pericolosi della vita urbana che hanno contribuito a scrivere la storia della Milano tra gli anni '60 e '80. Ed è proprio questa storia che verrà raccontata dal [...]

Lo sguardo di Narciso – The Flat

La nuova mostra "Lo sguardo di Narciso", al The Flat in via Paolo Frisi 3, racconta di un Narciso che fatica a trovare la sua immagine. Gli artisti internazionali invitati, utilizzando materiali o superfici specchianti, restituiscono figure beffarde che ci spingono a riflettere sulla nostra identità di spettatori. L’artificio degli artisti distorce, frammenta i riflessi e ostacola il rapporto [...]

L’Atlas – CRYPTOGRAMS

La Galleria Wunderkammern ospita, dal 23 Novembre al 21 Dicembre, una mostra personale di L’Atlas. Se siete esterni ai circoli d’arte è probabile che questo nome non vi dica niente, se invece vi tenete al corrente saprete di certo che si tratta di un parigino di trentanove anni, alto e bello con gli occhi chiari,che [...]