To Top
Art&Design

GAM – Galleria d’Arte Moderna

Un capolavoro dell’architettura: quando l’arte moderna sposa la bellezza classica

La GAM, Galleria d’Arte Moderna in via Palestro 16, è esattamente ciò che ti aspetti: un’affascinante villa di fine ‘700 con alti soffitti affrescati, statue classiche sulle balaustre e grandi finestrature che corrono in facciata.

Ciò che invece non ti aspetti è un meraviglioso parco tutt’attorno: un giardino all’inglese, il primo a Milano, dove una ricca vegetazione lascia affiorare antiche rovine e un laghetto, mai interamente visibile, che regala suggestive visioni al visitatore. Con la bella stagione il giardino è molto frequentato: si incontrano giovani distesi sull’erba a prendere il sole, famiglie con passeggini, anziane coppie alla ricerca di un riparo dal sole.

Una storia travagliata quella di Villa Belgiojoso, così anticamente chiamata, capolavoro del Neoclassicismo milanese: progettata da Leopoldo Pollock tra il 1790-1796 per il Conte L. di Belgiojoso, passa per un periodo nelle mani dei francesi, fino a divenire nel 1921 sede delle raccolte milanesi d’Arte Moderna.

La villa è di una bellezza classica e rigorosa: un ciclo di bassorilievi di carattere mitologico realizzati da G. Parini, ritma la facciata mentre trenta statue di divinità classiche svettano sulle balaustre dell’attico. Un impianto a tre piani, con le due ali più basse a creare una corte d’onore (l’ingresso alla Galleria): elegante e ricca di decorazioni sia in facciata, sia all’interno. Se il pian terreno risulta più sobrio, il primo piano ha un impianto decorativo, realizzato in periodo napoleonico, molto sfarzoso: nella sala da ballo e nella sala da pranzo troviamo porte scolpite, camini sormontati da specchiere, lampadari di cristallo e pareti cariche di elementi ornamentali bianchi e dorati che segnano la svolta verso il gusto enfatico del Neoclassicismo napoleonico.

Proprio al pian terreno della villa è possibile visitare, fino al 4 settembre 2016, la mostra “Sei stanze, una storia ottocentesca”, un percorso dedicato alle opere pittoriche inedite provenienti dalle Collezioni del Museo. Sei stanze accompagnano il visitatore alla scoperta delle raccolte d’arte e della loro formazione attraverso 62 capolavori mai esposti prima d’ora in un percorso di opere conservate nei depositi della Galleria d’Arte Moderna che vede come protagonisti Francesco Hayez, Vittore Grubicy de Dragon, Domenico e Gerolamo Induno, Mosè Bianchi, Filippo Carcano, Gaetano Previati e altri.

È a questa storia che l’esposizione intende dare testimonianza attraverso la ricchezza di un patrimonio nascosto e dei suoi nuclei più significativi tanto dal punto di vista artistico, quanto dei legami con le vicende della città, della sua evoluzione culturale e sociale. L’esposizione si articola in sei sezioni che indagano i temi più cari alla ricerca figurativa ottocentesca quali il Ritratto, la Veduta e il Paesaggio, la Scena di genere, la Natura morta, e infine un approfondimento dedicato alle correnti artistiche del Realismo e del Simbolismo.

La GAM rappresenta un capolavoro dell’architettura: è un’immersione nella bellezza classica, visitando la villa si respira storia, arte e cultura. Rimane un punto fermo di una Milano che cambia, si evolve, cambia scenari e modifica quartieri.

Ti potrebbero interessare anche...

Milano e la Mala

Oggi Milano è sinonimo di business, design, innovazione, moda. Ma c'è stato un tempo in cui il viso scintillante del boom economico e del benessere sociale convivevano con gli aspetti più oscuri e pericolosi della vita urbana che hanno contribuito a scrivere la storia della Milano tra gli anni '60 e '80. Ed è proprio questa storia che verrà raccontata dal [...]

Lo sguardo di Narciso – The Flat

La nuova mostra "Lo sguardo di Narciso", al The Flat in via Paolo Frisi 3, racconta di un Narciso che fatica a trovare la sua immagine. Gli artisti internazionali invitati, utilizzando materiali o superfici specchianti, restituiscono figure beffarde che ci spingono a riflettere sulla nostra identità di spettatori. L’artificio degli artisti distorce, frammenta i riflessi e ostacola il rapporto [...]

L’Atlas – CRYPTOGRAMS

La Galleria Wunderkammern ospita, dal 23 Novembre al 21 Dicembre, una mostra personale di L’Atlas. Se siete esterni ai circoli d’arte è probabile che questo nome non vi dica niente, se invece vi tenete al corrente saprete di certo che si tratta di un parigino di trentanove anni, alto e bello con gli occhi chiari,che [...]

Intervista a Luca Monterastelli

Luca Monterastelli, giovane artista emiliano-romagnolo nato nel 1983 a Forlimpopoli, ha studiato all'Accademia di Brera e ha già esposto alla biennale di Venezia, oltre che essere stato scelto dalla galleria milanese Lia Rumma.  Ciao Luca, prima di tutto ti ringraziamo moltissimo per aver accettato di effettuare questa intervista e ti facciamo i complimenti per il [...]

Purgatory Paintings – Dan Colen

La galleria Massimo de Carlo porta in scena l’artista Dan Colen con la mostra Purgatory Paintings a Palazzo Belgioioso. Le opere di Colen si soffermano sul valore trascendente della banalità, che viene elevata tramite l’astrazione della materialità del quotidiano. “Mi interessa utilizzare il mondo reale come materia e forza nel mio processo artistico. Mi piace il [...]

Flawless Milano è un progetto nato dal sogno di un gruppo di ragazzi, amici e compagni di università, oggi professionisti nei settori della moda, del lusso, della grande distribuzione e della finanza.

Bombardati quotidianamente da informazioni di ogni tipo trasmesse da un numero sempre maggiore di strumenti di comunicazione, a volte cerchiamo solo la semplificazione. Una guida.

Copyright © 2017 Flawless Living s.r.l. - Via dell'Orso 7/A - 20121 Milano - PI 08675550969