To Top
Hidden City

Giardini Pubblici Indro Montanelli

Un continuo saliscendi e un’ottima scorciatoia per attraversare la città

Va bene, vi precedo: in merito agli spazi verdi si dice sempre che Milano non sia New York e che nemmeno assomigli a Londra. Ma anche Milano ha i suoi parchi, tutti – o quasi – caratterizzati da storie antiche, che ci ricordano di quando la nostra città era un bosco. I primi Giardini Pubblici della città per oltre due secoli sono stati chiamati giardini di Porta Venezia o giardini di via Palestro, e sono meglio noti come il parco di Porta Venezia. Dal 2002 sono stati ribattezzati grazie al famoso giornalista e saggista che soleva trascorrere qui gran parte del suo tempo, meditando o lavorando. Dall’ingresso di piazza Cavour è possibile scorgere una statua che lo rappresenta. Stiamo parlando di Indro Montanelli.

Inaugurati nel 1784 dall’amministrazione asburgica, furono il primo parco milanese espressamente destinato allo svago collettivo. Nel XVIII secolo l’area era un appezzamento di terreno pianeggiante, di proprietà della famiglia Dugnani, suddiviso in orti da coltivare in affitto. Per questa funzione era attraversato da una rete di corsi d’acqua dei quali rimangono tracce visibili tutt’oggi nei laghetti e canaletti ancora presenti. Nella stessa area sorgevano anche due monasteri.

Giardini Pubblici Indro Montanelli Milano

Nel 1780 l’arciduca Ferdinando d’Asburgo-Este incaricò l’architetto Giuseppe Piermarini di trasformare l’area in un parco pubblico, inglobandovi anche gli spazi acquisiti dei due monasteri, entrambi con propri giardini. Il progetto – in pieno stile di un giardino alla francese – prevedeva aiuole geometriche e ampie prospettive di viali alberati e includeva una doppia scalinata monumentale che saliva ai Bastioni.

Nel 1881, in occasione dell’esposizione universale, vennero ulteriormente ampliati verso il lato di via Manin, seguendo la nuova moda del giardino paesaggistico all’inglese, con alture, ruscelli e laghetti artificiali, inglobando l’intera proprietà Dugnani, compreso il palazzo seicentesco che affaccia su via Manin.

All’interno dei Giardini Pubblici sorgono alcune importanti sedi attrattive: il meraviglioso Civico Planetario “Ulrico Hoepli”, progettato dall’architetto Piero Portaluppi nel 1929; il Museo civico di storia naturale, progettato nel 1888 da Giovanni Ceruti e il già citato Palazzo Dugnani, sede dei matrimoni milanesi celebrati con rito civile.

 

Giardini Pubblici Indro Montanelli Milano

Tra le varie destinazioni questo parco divenne anche la sede dello zoo comunale, protagonista della famosa canzone di Jannacci (“Vengo anch’io. No tu no”), definitivamente chiuso nel 1992 su protesta degli ambientalisti. Sul Monte Merlo, in un edificio in stile eclettico progettato nel 1863 da Giuseppe Balzaretto si trova il “Padiglione del caffè”, diventato una scuola materna dopo il restauro del 1920.

Molte le specie arboree presenti: abeti, aceri, il bagolaro, il falso cipresso sulle rive del laghetto, i cedri del Libano e dell’Himalaya, la metasequoia, con un esemplare monumentale, il faggio, il ginkgo biloba, un lungo filare di ippocastani, il liquidambar, la magnolia, gli olmi e i platani, il pruno, la quercia rossa, la sofora, lo spino di Giuda e il tiglio e chi più ne ha più ne metta. L’Associazione didattica museale organizza visite organizzate per un percorso botanico.

Ai cani sono riservati due spazi recintati per 10.600 metri quadrati. In estate qui si svolge la rassegna cinematografica all’aperto “Arianteo” ed è qui che si svolge la mostra mercato floro-vivaista di Orticola. E se voleste fare un invito equivoco a qualche fanciulla, potete sempre chiederle di vedere la collezione di farfalle nel padiglione “Oasi delle farfalle”.

Giardini Pubblici Indro Montanelli Milano

I Giardini hanno diversi accessi: da Corso Venezia, da via Palestro, dai Bastioni, da Via Manin. I Giardini Pubblici sono un habitat eterogeneo, caratterizzati da vialetti alberati, raggruppamenti di specie di piante diverse, laghetti e piccoli corsi d’acqua, fontane, scalinate e montagne artificiali che creano uno spazio mai monotono o noioso.

Ed è proprio questa diversità che li rende estremamente affascinanti nella stagione autunnale, la stagione con i colori più emozionanti. Quando al mattino presto il pianeggiante regala quella misteriosa nebbiolina che quasi ovatta anche i rumori della città.

Ai giardini è impossibile sia annoiarsi che non rilassarsi, a ogni età e per ogni preferenza: ci sono diverse aree giochi attrezzate per i bambini, i pony da cavalcare, il trenino sulle rotaie, la giostra. Ci sono gli affezionati del fitness che corrono e fanno esercizi improvvisando palestre all’aperto; ci sono cani che si ritrovano in ogni aiuola, annusandosi, correndo a “perdilingua” e i rispettivi padroni che fanno amicizia; ci sono organizzatori di picnic e festicciole nelle aiuole o nell’apposita area attrezzata con tavoli verso il lato di via Manin; ornitologi che osservano e sfamano le papere del laghetto; o semplici meditatori e lettori di quotidiani.

Il parco è un continuo sali e scendi, montagnette artificiali e sentieri in pendenza nonché è un’ottima scorciatoia per attraversare la città. Insomma, sono sicura che per un motivo o per l’altro sarà facile incontrarsi da quelle parti.

Ti potrebbero interessare anche...

Gucci Art Wall

Corso Garibaldi 79, 20121 Milano

Tra Garibaldi e Moscova, più precisamente in Largo La Foppa, sorge un murales un po’ particolare: il Gucci Art Wall. Alzando lo sguardo verso l’alto, nei pressi del Radetzky Café, è infatti possibile scorgere l’enorme tela urbana di 176 metri quadrati che da maggio 2017 racconta l’immaginario di Gucci: unendo al marketing l'arte contemporanea e regalando periodicamente ai milanesi nuove [...]

Il Duomo di Milano svela i suoi angoli nascosti

Il Duomo di Milano festeggia quest'anno i suoi 630 anni. Sei secoli più che intensi: tra bombardamenti, restauri e ricostruzioni. Sei secoli di arte e di architettura legati indissolubilmente alla storia della città. Da settembre a dicembre 2017, la Veneranda Fabbrica del Duomo farà un enorme regalo ai milanesi, ai turisti e agli appassionati che vorranno conoscere luoghi solitamente non accessibili [...]

Le Sirene di Parco Sempione

Parco Sempione, 20121 Milano

C’era una volta una città attraversata da un corso d’acqua che un genio deviò sapientemente allo scopo di farne proliferare il commercio e lo sviluppo. In questa città dimoravano anche delle sirene, che con la loro benaugurale presenza allietavano i giovani della città. C’era una volta questa città, ma le sirene ci sono ancora. Hanno [...]

Il Giardino delle Vergini

Largo Agostino Gemelli 1, 20123 Milano

A Milano esiste un luogo dedicato e riservato solo alle donne: il Giardino delle Vergini, anche detto Giardino di Santa Caterina d’Alessandria. Si trova presso l’Università Cattolica e vi si accede dirigendosi verso l’Aula Magna, in fondo al porticato centrale che separa i due chiostri. Un’ampia vetrata si affaccia su un scorcio di verde che incanta attraverso [...]

Le scacchiere di Sant’Ambrogio

Piazza Sant'Ambrogio 15, 20123 Milano

Tutti noi conosciamo la Basilica di Sant'Ambrogio, una delle più antiche basiliche romaniche di Milano, sia perché almeno una volta ci siamo passati accanto, sia per averla visitata durante qualche gita, sia per averla attraversata per non fare tardi alla lezione in Università se frequentiamo o abbiamo frequentato l'Università Cattolica. Tutti noi conosciamo la leggenda [...]

Flawless Milano è un progetto nato dal sogno di un gruppo di ragazzi, amici e compagni di università, oggi professionisti nei settori della moda, del lusso, della grande distribuzione e della finanza.

Bombardati quotidianamente da informazioni di ogni tipo trasmesse da un numero sempre maggiore di strumenti di comunicazione, a volte cerchiamo solo la semplificazione. Una guida.

Copyright © 2017 Flawless Living s.r.l. - Via dell'Orso 7/A - 20121 Milano - PI 08675550969