To Top
Art&Design

Mudec – Museo delle Culture

Un concentrato di culture internazionali, un vero e proprio incubatore di creatività e arte

Uno spazio di rottura all’interno di un tessuto fortemente industriale, una forma sinuosa e leggera che svetta oltre i tetti rigidi delle ex fabbriche attorno, una città della cultura: tutto questo è il Mudec, il Museo delle Culture. Il progetto, in via Tortona 56, si inserisce nell’operazione di recupero archeologico del comparto delle ex officine Ansaldo, costruite nel 1904 e acquisite dal Comune di Milano negli anni ‘90 con lo scopo di promuovere attività culturali e destinare gli spazi a laboratori e attività creative.

Mudec - Milano

Progettato dall’archistar David Chipperfield, che vinse il concorso ben 15 anni fa, in seguito ad alcune complicazioni burocratiche viene inaugurato nel marzo 2015. Tra volumi squadrati totalmente rivestiti di zinco-titanio si innalza una struttura in cristallo opaco dalla forma libera e organica che rompe la geometria e genera una piazza coperta illuminata anche di notte. All’interno dell’edificio si sviluppano diversi spazi che offrono al visitatore e alla città una molteplicità di proposte culturali e di servizi, distribuiti su 17.000 mq.

Mudec - Milano

L’edificio si sviluppa su tre piani senza un percorso rigoroso, ma con grande flessibilità di circolazione, sia verticale che orizzontale. Ad accoglierci all’ingresso un ampio spazio: sobrio e severo, rivestito da pannelli lignei sulle pareti, un soffitto a cassettoni e quattro ampi pilastri, con biglietteria e guardaroba. A catturare lo sguardo del visitatore è la grande scalinata centrale, realizzata in pietra nera, che conduce con grande stupore alla vera hall dell’edificio ideata come luogo di incontro fra le culture e la comunità: è lo spazio fluido e luminoso dell’Agorà, quasi onirico, inaspettato e coinvolgente, un corpo che richiama la forma di un fiore realizzato con una struttura in acciaio e rivestito da un vetro opalino che ovatta lo spazio.

Mudec - Milano

Oltre a un calendario fitto di esposizioni temporanee, dalle passate Gauguin e Barbie all’attuale mostra su Joan Mirò (visitabile fino all’11 settembre 2016), il Mudec offre al visitatore una collezione permanente (gratuita fino al 31 agosto 2016) ricchissima: oltre 7.000 opere d’arte, oggetti d’uso, tessuti e strumenti musicali provenienti da tutti i continenti. Il Mudec è attento anche ai più piccoli offrendo uno spazio appositamente dedicato: il Mudec Junior, con laboratori e postazioni multimediali.

Mudec - Milano

Un ampio bookshop, un design store, un auditorium ma anche un’elegante ristorante e un ricercato bistrot, arricchiscono il Mudec: un concentrato di culture internazionali, un vero e proprio incubatore di creatività e arte.

Photo credit: Oskarda Riz & Carlotta Coppo

Ti potrebbero interessare anche...

Milano e la Mala

Oggi Milano è sinonimo di business, design, innovazione, moda. Ma c'è stato un tempo in cui il viso scintillante del boom economico e del benessere sociale convivevano con gli aspetti più oscuri e pericolosi della vita urbana che hanno contribuito a scrivere la storia della Milano tra gli anni '60 e '80. Ed è proprio questa storia che verrà raccontata dal [...]

Lo sguardo di Narciso – The Flat

La nuova mostra "Lo sguardo di Narciso", al The Flat in via Paolo Frisi 3, racconta di un Narciso che fatica a trovare la sua immagine. Gli artisti internazionali invitati, utilizzando materiali o superfici specchianti, restituiscono figure beffarde che ci spingono a riflettere sulla nostra identità di spettatori. L’artificio degli artisti distorce, frammenta i riflessi e ostacola il rapporto [...]

L’Atlas – CRYPTOGRAMS

La Galleria Wunderkammern ospita, dal 23 Novembre al 21 Dicembre, una mostra personale di L’Atlas. Se siete esterni ai circoli d’arte è probabile che questo nome non vi dica niente, se invece vi tenete al corrente saprete di certo che si tratta di un parigino di trentanove anni, alto e bello con gli occhi chiari,che [...]

“Se ce l’ho fatta io”: la nuova mostra alla Pasticceria Cucchi

Tutti a Milano conoscono la Pasticceria Cucchi. Sia per chi vive qui da sempre, sia per chi è appena arrivato, Cucchi rappresenta un caposaldo della gastronomia milanese, una delle sue pasticcerie più antiche e rinomate. Da decenni parte della comunità, la Pasticceria Cucchi si è sempre interessata a far incontrare la propria arte dolciaria con [...]

Nan Goldin – The Ballad of Sexual Dependency

La "The Ballad of Sexual Dependency" (1981) di Nan Goldin è arrivata in Triennale. Nan Goldin, classe 1953, è un'artista originaria del Massachusetts, lasciò la famiglia dopo il suicidio della sorella, un evento così brutale da scioccarla per sempre, e frequentò la scuola del Museum of Fine Arts di Boston. Trasferitasi poi a New York, l’artista iniziò a documentare la realtà [...]

Flawless Milano è un progetto nato dal sogno di un gruppo di ragazzi, amici e compagni di università, oggi professionisti nei settori della moda, del lusso, della grande distribuzione e della finanza.

Bombardati quotidianamente da informazioni di ogni tipo trasmesse da un numero sempre maggiore di strumenti di comunicazione, a volte cerchiamo solo la semplificazione. Una guida.

Copyright © 2017 Flawless Living s.r.l. - Via dell'Orso 7/A - 20121 Milano - PI 08675550969