To Top
Art&Design

Osservatorio di Fondazione Prada

Il regalo di Natale della Fondazione Prada

Se gli impegni familiari vi costringessero a rimanere in città durante le festività natalizie, non preoccupatevi, avrete una sorpresa in più. Dopo la corsa a comprare il regalo dell’ultimo minuto per quell’amico di cui vi siete dimenticati e una visita ai parenti, potrete scoprire un regalo che darà lustro alla città di Milano e che contribuirà a renderla ancor più una vetrina luminosa agli occhi di turisti e appassionati. Il 21 dicembre apre infatti Osservatorio in Galleria Vittorio Emanuele II, lo spazio espositivo fotografico e di arti visive della Fondazione Prada.

Al quinto e al sesto piano della Galleria, affacciato proprio sull’ottagono (luogo simbolico di incontro, scambio e passaggio nel centro di Milano), viene allestito un ambiente di circa 800 metri quadrati che accoglierà mostre, eventiinstallazioni artistiche, fotografiche e visive. Questo spazio sarà interamente dedicato all’analisi delle nuove tendenze nel mondo della fotografia, costantemente interconnesso con altre discipline e soprattutto parte integrante della comunicazione digitale, contesto nell’ambito del quale si vogliono esplorare le implicazioni culturali riguardo all’uso delle immagini e loro relativa produzione.

Questo nuovissimo polo culturale e museale apre i battenti con un interessante “regalo natalizio” da parte di Fondazione Prada: “Give Me Yesterday” di Francesco Zanot. L’esposizione raccoglie opere fotografiche e visive di alcuni tra i più importanti artisti italiani ed internazionali.

Osservatorio Fondazione Prada - Give Me Yesterday

Esposizione: Give Me Yesterday

Un tassello in più per arricchire il panorama artistico e culturale meneghino, in una delle cornici più belle, storiche, vibranti e suggestive di Milano. Con Osservatorio, la Galleria Vittorio Emanuele si avvicinerà all’arte contemporanea: stucchi e intarsi ottocenteschi verranno affiancati da nuove forme artistiche creando un legame fino a oggi apparentemente distante e impossibile.

Come in un gioco di incastri, l’architettura delicata e imponente della Galleria e il modernismo di Osservatorio andranno a raccontare insieme la storia dell’arte nazionale e internazionale, aggiungendo un ulteriore frammento al già vivo mosaico artistico milanese.

Photo Credit: Agostino Osio, Delfino Sisto Legnani e Matteo Cappelletti.

Ti potrebbero interessare anche...

Milano e la Mala

Oggi Milano è sinonimo di business, design, innovazione, moda. Ma c'è stato un tempo in cui il viso scintillante del boom economico e del benessere sociale convivevano con gli aspetti più oscuri e pericolosi della vita urbana che hanno contribuito a scrivere la storia della Milano tra gli anni '60 e '80. Ed è proprio questa storia che verrà raccontata dal [...]

Lo sguardo di Narciso – The Flat

La nuova mostra "Lo sguardo di Narciso", al The Flat in via Paolo Frisi 3, racconta di un Narciso che fatica a trovare la sua immagine. Gli artisti internazionali invitati, utilizzando materiali o superfici specchianti, restituiscono figure beffarde che ci spingono a riflettere sulla nostra identità di spettatori. L’artificio degli artisti distorce, frammenta i riflessi e ostacola il rapporto [...]

L’Atlas – CRYPTOGRAMS

La Galleria Wunderkammern ospita, dal 23 Novembre al 21 Dicembre, una mostra personale di L’Atlas. Se siete esterni ai circoli d’arte è probabile che questo nome non vi dica niente, se invece vi tenete al corrente saprete di certo che si tratta di un parigino di trentanove anni, alto e bello con gli occhi chiari,che [...]

“Se ce l’ho fatta io”: la nuova mostra alla Pasticceria Cucchi

Tutti a Milano conoscono la Pasticceria Cucchi. Sia per chi vive qui da sempre, sia per chi è appena arrivato, Cucchi rappresenta un caposaldo della gastronomia milanese, una delle sue pasticcerie più antiche e rinomate. Da decenni parte della comunità, la Pasticceria Cucchi si è sempre interessata a far incontrare la propria arte dolciaria con [...]

Nan Goldin – The Ballad of Sexual Dependency

La "The Ballad of Sexual Dependency" (1981) di Nan Goldin è arrivata in Triennale. Nan Goldin, classe 1953, è un'artista originaria del Massachusetts, lasciò la famiglia dopo il suicidio della sorella, un evento così brutale da scioccarla per sempre, e frequentò la scuola del Museum of Fine Arts di Boston. Trasferitasi poi a New York, l’artista iniziò a documentare la realtà [...]

Flawless Milano è un progetto nato dal sogno di un gruppo di ragazzi, amici e compagni di università, oggi professionisti nei settori della moda, del lusso, della grande distribuzione e della finanza.

Bombardati quotidianamente da informazioni di ogni tipo trasmesse da un numero sempre maggiore di strumenti di comunicazione, a volte cerchiamo solo la semplificazione. Una guida.

Copyright © 2017 Flawless Living s.r.l. - Via dell'Orso 7/A - 20121 Milano - PI 08675550969