To Top
Art&Design

Osservatorio di Fondazione Prada

Il regalo di Natale della Fondazione Prada

Se gli impegni familiari vi costringessero a rimanere in città durante le festività natalizie, non preoccupatevi, avrete una sorpresa in più. Dopo la corsa a comprare il regalo dell’ultimo minuto per quell’amico di cui vi siete dimenticati e una visita ai parenti, potrete scoprire un regalo che darà lustro alla città di Milano e che contribuirà a renderla ancor più una vetrina luminosa agli occhi di turisti e appassionati. Il 21 dicembre apre infatti Osservatorio in Galleria Vittorio Emanuele II, lo spazio espositivo fotografico e di arti visive della Fondazione Prada.

Al quinto e al sesto piano della Galleria, affacciato proprio sull’ottagono (luogo simbolico di incontro, scambio e passaggio nel centro di Milano), viene allestito un ambiente di circa 800 metri quadrati che accoglierà mostre, eventiinstallazioni artistiche, fotografiche e visive. Questo spazio sarà interamente dedicato all’analisi delle nuove tendenze nel mondo della fotografia, costantemente interconnesso con altre discipline e soprattutto parte integrante della comunicazione digitale, contesto nell’ambito del quale si vogliono esplorare le implicazioni culturali riguardo all’uso delle immagini e loro relativa produzione.

Questo nuovissimo polo culturale e museale apre i battenti con un interessante “regalo natalizio” da parte di Fondazione Prada: “Give Me Yesterday” di Francesco Zanot. L’esposizione raccoglie opere fotografiche e visive di alcuni tra i più importanti artisti italiani ed internazionali.

Osservatorio Fondazione Prada - Give Me Yesterday

Esposizione: Give Me Yesterday

Un tassello in più per arricchire il panorama artistico e culturale meneghino, in una delle cornici più belle, storiche, vibranti e suggestive di Milano. Con Osservatorio, la Galleria Vittorio Emanuele si avvicinerà all’arte contemporanea: stucchi e intarsi ottocenteschi verranno affiancati da nuove forme artistiche creando un legame fino a oggi apparentemente distante e impossibile.

Come in un gioco di incastri, l’architettura delicata e imponente della Galleria e il modernismo di Osservatorio andranno a raccontare insieme la storia dell’arte nazionale e internazionale, aggiungendo un ulteriore frammento al già vivo mosaico artistico milanese.

Photo Credit: Agostino Osio, Delfino Sisto Legnani e Matteo Cappelletti.

Ti potrebbero interessare anche...

Frida Kahlo a Milano

Dal 1 febbraio fino al 3 giugno, il Mudec di Milano ospiterà una delle mostre più complete della celebre pittrice messicana Frida Kahlo. Dopo molti anni, verranno finalmente esposte in un'unica sede tutte le opere conservate nelle collezioni del Museo Dolores Olmedo di Città del Messico e della Jacques & Natasha Gelman Collection, oltre a quelle appartenenti ad altri importanti [...]

“Dal Tunnel”: l’arte contro la violenza sulle donne

L’arte come testimonianza, l’arte come via di fuga e strumento di dialogo. Tutto questo è il progetto culturale “Dal Tunnel” che si propone di sensibilizzare  il pubblico sul delicato tema della violenza nei rapporti affettivi. Un gravissimo problema che affligge tante relazioni e spesso sfocia in esiti tragici. Dal 5 al 13 Dicembre, per un’intera settimana, e [...]

Milano e la Mala

Oggi Milano è sinonimo di business, design, innovazione, moda. Ma c'è stato un tempo in cui il viso scintillante del boom economico e del benessere sociale convivevano con gli aspetti più oscuri e pericolosi della vita urbana che hanno contribuito a scrivere la storia della Milano tra gli anni '60 e '80. Ed è proprio questa storia che verrà raccontata dal [...]

Lo sguardo di Narciso – The Flat

La nuova mostra "Lo sguardo di Narciso", al The Flat in via Paolo Frisi 3, racconta di un Narciso che fatica a trovare la sua immagine. Gli artisti internazionali invitati, utilizzando materiali o superfici specchianti, restituiscono figure beffarde che ci spingono a riflettere sulla nostra identità di spettatori. L’artificio degli artisti distorce, frammenta i riflessi e ostacola il rapporto [...]

L’Atlas – CRYPTOGRAMS

La Galleria Wunderkammern ospita, dal 23 Novembre al 21 Dicembre, una mostra personale di L’Atlas. Se siete esterni ai circoli d’arte è probabile che questo nome non vi dica niente, se invece vi tenete al corrente saprete di certo che si tratta di un parigino di trentanove anni, alto e bello con gli occhi chiari,che [...]