To Top
Hidden City

Via Bagnera e il primo serial killer italiano

Il primo serial killer italiano e un vento gelido che non si sente solo a ottobre

In pochi sapranno dirvi dove si trovi via Bagnera, una strettissima viuzza anonima e isolata nel centro storico di Milano, tra l’Università Cattolica e Piazza Duomo. Il fatto che sia sconosciuta ai più, aumenta il mistero che avvolge questa stradina lastricata che si insinua tra le abitazioni vicino a Piazzetta Mentana.

Facendosi trasportare dalla storia, si disattiva Google Maps e ci si fa guidare dal sesto senso (o dagli spiriti?). Camminando per via Santa Marta, compare all’improvviso, come uscita dal nulla, questa viuzza apparentemente insignificante contrassegnata da una targa in pietra che ne riporta il nome “Via Bagnera”. Perché dedicare tanta attenzione a una strada? Perché è la via più stretta di Milano? Forse. Ma non solo.

Via Bagnera - Milano

Entrando nella via, ci si sente come inghiottiti dalle alte mura delle case che sembrano chiudersi sopra di noi. Il rumore caotico e la cacofonia del traffico milanese si attutiscono, il vento freddo delle giornate di ottobre ci avvolge immergendoci nell’oscura storia di questo luogo.

Milano 1860, in pieno dominio Asburgico. Un decoratore, Giovanni Murier, denuncia la scomparsa di sua madre, padrona di un caseggiato in via Santa Marta. Iniziò così un’intensa indagine che stava per essere chiusa dopo che l’inquilino Antonio Boggia mostrò dei documenti dove la signora Murier nominava il Boggia amministratore dello stabile. Ma qualcosa nelle dichiarazioni dei testimoni non convinse il Giudice Crivelli che decise di continuare a indagare.

Dopo varie ricerche, il cadavere della madre di Murier venne ritrovato seppellito nel caseggiato di via Santa Marta. E via Bagnera? Il Giudice, dopo l’arresto di Boggia, ordinò la perquisizione del suo studio e del magazzino situati in via Bagnera. Vennero così trovati documenti e lettere della signora Murier e di altre tre persone che nominavano Boggia esecutore di alcuni incarichi pecuniari.

Ma non vennero trovati solo dei pezzi di carta… Saltarono fuori anche i tre cadaveri di coloro che avevano stipulato contratti con il serial killer. Antonio Boggia venne processato e condannato a morte. Fu l’ultimo civile giustiziato a Milano durante la dominazione austriaca e il primo serial killer italiano.

Come Londra ha Whitechapel e Jack lo Squartatore, Milano ha via Bagnera e Antonio Boggia… Una leggenda racconta che, se camminando per via Bagnera avvertiste un vento gelido, potrebbe essere lo spirito di Antonio Boggia che si aggira ancora per quella strada… E forse, il vento sentito, non era quello delle fredde giornate di ottobre!

 

Photo credit: Spotted by locals, Milanobliqua.

Ti potrebbero interessare anche...

Le case-igloo al Villaggio dei Giornalisti

Via Lepanto, 20125 Milano

Fra Isola e Greco, alle spalle della stazione Centrale, si concentra un quartiere storico di Milano, la Maggiolina, che comprende la zona residenziale detta il Villaggio dei Giornalisti. Una passeggiata da queste parti vi farà immergere in un'atmosfera d'altri tempi. Per gli appassionati di architettura, di giardini nascosti, di piazzette e ville quattrocentesche questa è una delle zone [...]

Gucci Art Wall

Corso Garibaldi 79, 20121 Milano

Tra Garibaldi e Moscova, più precisamente in Largo La Foppa, sorge un murales un po’ particolare: il Gucci Art Wall. Alzando lo sguardo verso l’alto, nei pressi del Radetzky Café, è infatti possibile scorgere l’enorme tela urbana di 176 metri quadrati che da maggio 2017 racconta l’immaginario di Gucci: unendo al marketing l'arte contemporanea e regalando periodicamente ai milanesi nuove [...]

La Milano spettrale da visitare ad Halloween

To read this article in English, click here. Halloween non è esattamente una festa italiana ma ormai è un po’ come se lo fosse. Non siamo nemmeno troppo sicuri di come celebrarla nel Bel Paese, dato che il classico “dolcetto o scherzetto”, ambientato in un condominio fra sciure e studenti universitari, risulta vagamente indigesto alla [...]

Il Duomo di Milano svela i suoi angoli nascosti

Il Duomo di Milano festeggia quest'anno i suoi 630 anni. Sei secoli più che intensi: tra bombardamenti, restauri e ricostruzioni. Sei secoli di arte e di architettura legati indissolubilmente alla storia della città. Da settembre a dicembre 2017, la Veneranda Fabbrica del Duomo farà un enorme regalo ai milanesi, ai turisti e agli appassionati che vorranno conoscere luoghi solitamente non accessibili [...]

Le Sirene di Parco Sempione

Parco Sempione, 20121 Milano

C’era una volta una città attraversata da un corso d’acqua che un genio deviò sapientemente allo scopo di farne proliferare il commercio e lo sviluppo. In questa città dimoravano anche delle sirene, che con la loro benaugurale presenza allietavano i giovani della città. C’era una volta questa città, ma le sirene ci sono ancora. Hanno [...]