To Top
Hidden City

La Vigna di Leonardo da Vinci

"Un rettangolo alberato dove ancora resiste, come sfida al tempo, una antica pergola di vite, il residuo della vigna vinciana"

C’era una volta una sera di primavera abbastanza mite e dal cielo terso da poter scorgere un soffitto di stelle. Una sera nella quale per qualche caso fortuito riesci a varcare la soglia di un palazzo incantato, fatto di mattoni in cotto color dei tramonti, di quelli più caldi. E come i tesori più belli, al suo interno nasconde un cortile che sembra disegnato su misura per un sogno, una casa con le stanze che ricordano le ambientazioni delle favole e un giardino illuminato da mille candele e custodito da statue. Cammini fino in fondo al giardino, anche se oramai le mille candele sono alle tue spalle e scorgi la sagoma di un signore serio, vestito di scuro e tutto d’un pezzo. Costui ti bisbiglia, quasi per non disturbare, quasi per non spezzare la magia, che “no, non si può andare oltre: perché là c’è la vigna, la vigna di Leonardo da Vinci

Solo allora ti raccontano la favola, quella vera: in questo luogo è rinata la vigna di Leonardo da Vinci. Siamo in corso Magenta 65, dove più di cinquecento anni fa Ludovico Il Moro regalò a Leonardo un vigneto di circa 8.000 metri quadrati. Per rendere l’idea, si estendeva da qui a Porta Romana. Fu un gesto di riconoscenza per “le svariate e mirabili opere da lui eseguite per il duca” e la scelta di questo dono non fu casuale in quanto Leonardo proveniva da una famiglia di vignaioli e il vino rientrava fra i suoi molteplici interessi, come dimostrano svariati documenti rinvenuti, quali appunti o liste della spesa. Ciò avvenne proprio nel periodo in cui Leonardo risiedeva a Milano ed era impegnato a dipingere L’Ultima Cena nel cenacolo di Santa Maria delle Grazie.

Leonardo era molto legato a questo possedimento, un vincolo alla città di Milano, tant’è che non mancò di chiedere fermamente la sua restituzione quando gli venne espropriato dai francesi durante l’invasione della città e di destinarlo come ultimo lascito diviso in due parti eguali: l’una al suo fedele servitore Giovanbattista Villani, l’altra al suo allievo Gian Giacomo Caprotti, anche detto “il Salai”. Nei secoli che vennero, nonostante le trasformazioni urbanistiche, la vigna rimase miracolosamente intatta. Nel 1922 lo storico dell’arte Luca Beltrami la visitò e la fotografò pochi istanti prima che fosse smantellata per dei lavori di restauro previsti dall’architetto Piero Portaluppi. Resta un’immagine in bianco e nero avvolta nel tradizionale mantello della nebbia milanese. Portaluppi volle preservare nel giardino “un rettangolo alberato dove ancora resiste, come sfida al tempo, una antica pergola di vite, il residuo della vigna vinciana”.

Furono successive vicissitudini, quali un incendio e i bombardamenti del 1943 a ridurre e poi distruggere ciò che ne restava. Ma la buona stella che ha protetto l’Ultima Cena (ndr resistette miracolosamente ai bombardamenti avvenuti nella notte del 16 agosto del 1943) ha esteso la sua tutela anche alla vigna: le radici, sotto metri di terra, sono state recuperate e grazie a Confagricoltura, sono rinate nel rispetto dei filari e del vitigno originari. Il vitigno è stato identificato, si tratta di Malvasia di Candia Aromatica, uno dei più antichi, di origine greca, molto utilizzato nel Cinquecento.

Expo ha creato l’opportunità di accedere e visitare questo sito, ascoltandone la storia. Ho deciso di aspettare l’autunno perché più ogni altra è la stagione che regala i colori più belli. Un caldo e assolato pomeriggio di questo atipico ottobre mi do appuntamento con una cara amica per godere di questa magia. Semplicissimo prenotare online, gentilissimi gli addetti alla ricezione, gruppi di poche persone, cielo blu cartolina e raggi di sole completano alla perfezione. Il cortile assomiglia ad un museo a cielo aperto, con capitelli e statue e una bicicletta appoggiata con fare causale che aggiunge un tocco di quotidianità. Sulla destra si trova la porta dello studio dell’architetto Piero Portaluppi, protetta da un segugio in marmo e contraddistinta da una piccola casetta in ferro battuto appesa allo stipite. Era il battente della porta dell’appartamento nel quale egli viveva e lavorava ed è il simbolo dei suoi studi sulla casa. Da notare inoltre il simbolo del palazzo, una spirale composta da triangoli, che compare su cancelli e inferriate come stemma.

Entrando nel Palazzo degli Atellani si riescono quasi a immaginare occasioni ed eventi avvenuti tra queste mura, nella libreria e nella sala da pranzo.  Questo non è un museo ma una casa – a oggi ancora abitata – ed entriamo in punta di piedi nelle scene di vita familiare dei suoi abitanti. Il gatto che qui vive ci accoglie e ci mette ancora di più a nostro agio e ci adagia in una dimensione di intimità. Noi, con le nostre audio guide, passeggiamo fino al fondo del giardino, il Giardino delle Delizie, assaporando ogni profumo e ogni suono, accarezzando ogni sfumatura di colore e di materia. Siamo fortunate a poter ammirare il sole che tramonta alle nostre spalle e ne usciamo alleggerite, arricchite. Sempre più convinte che queste coordinate abbiano qualcosa di magico.

Ti potrebbero interessare anche...

La tua cena privata da Bistrò 96

To read this article in English, click here. Il Bistrò 96, in Corso Magenta, è un posticino piccolo e delizioso (mignon et joli, direbbe un francese) che ha fatto presto a entrare nella lista dei nostri favoriti. Oltre al suo mood da petit bistrot parigino, infatti, quello che ci aveva colpito di più del locale era la versatilità: in uno [...]

Le case-igloo al Villaggio dei Giornalisti

Via Lepanto, 20125 Milano

Fra Isola e Greco, alle spalle della stazione Centrale, si concentra un quartiere storico di Milano, la Maggiolina, che comprende la zona residenziale detta il Villaggio dei Giornalisti. Una passeggiata da queste parti vi farà immergere in un'atmosfera d'altri tempi. Per gli appassionati di architettura, di giardini nascosti, di piazzette e ville quattrocentesche questa è una delle zone [...]

Gucci Art Wall

Corso Garibaldi 79, 20121 Milano

Tra Garibaldi e Moscova, più precisamente in Largo La Foppa, sorge un murales un po’ particolare: il Gucci Art Wall. Alzando lo sguardo verso l’alto, nei pressi del Radetzky Café, è infatti possibile scorgere l’enorme tela urbana di 176 metri quadrati che da maggio 2017 racconta l’immaginario di Gucci: unendo al marketing l'arte contemporanea e regalando periodicamente ai milanesi nuove [...]

Il Duomo di Milano svela i suoi angoli nascosti

Il Duomo di Milano festeggia quest'anno i suoi 630 anni. Sei secoli più che intensi: tra bombardamenti, restauri e ricostruzioni. Sei secoli di arte e di architettura legati indissolubilmente alla storia della città. Da settembre a dicembre 2017, la Veneranda Fabbrica del Duomo farà un enorme regalo ai milanesi, ai turisti e agli appassionati che vorranno conoscere luoghi solitamente non accessibili [...]

Bistrò96

Corso Magenta 96, 20121 Milano

In Corso Magenta, tra Conciliazione, Sant’Ambrogio e Pagano, ha aperto un nuovo bistrot ispirato alla Belle Époque francese, Bistrò96. Pareti scure, bancone di legno, pavimento a motivi geometrici e decorazioni vintage caratterizzano gli ambienti caldi e intimi dall’atmosfera retrò, disposti su due livelli, uno più accogliente dell’altro. Giorgia e Simone vi accoglieranno in questo nuovo angolo di [...]