To Top
Cocktail Bar Drink

1930 Speakeasy

Il secret place meneghino ispirato agli speakeasy dell’America del proibizionismo

Un paio di avvertimenti, prima di iniziare: “Vi preghiamo di impostare il cellulare sul tono silenzioso” e “Vi chiediamo di non scattare fotografie e di non taggarvi sui social network. Contribuireste a far perdere l’incanto di un luogo senza tempo”. Eccoci dunque al chiacchieratissimo 1930 (stesso gruppo del Mag CafèBackdoor43, Barba e Iter), un club speciale, esclusivo. Il secret place meneghino ispirato agli speakeasy dell’America del proibizionismo.

1930 Speakeasy

Un mappamondo. Un pianoforte. Note che danzano scaldando l’atmosfera. Poltrone, sedie e divanetti. Un bancone essenziale, così deliziosamente anni ’30. Pezzi di arredamento unici che compongono la sala, con in mezzo, fra gli altri cimeli, il vero vestito che Alain Delon indossò durante le riprese di uno dei suoi film. Una raccolta di estratti di storie sulla Milano di un’altra epoca, di tempi diversi. Pochi posti per una chiacchierata tra amici, per gli “amici del MAG”, lo storico locale sui Navigli in Ripa di Porta Ticinese 43 e del Barba, di recente apertura in via San Gregorio 40.

1930 Speakeasy

In una città in cui non ci sono più segreti, in cui si rincorre il nome e la fama, lui lascia tutti sorpresi col suo misteroNon basterà infatti prenotare, già solo scovare l’indirizzo è difficile.. Per accedere dovrete farvi accompagnare da un socio oppure rassegnarvi piacevolmente all’idea di dover frequentare il MAG o il Barba, ed entrare nelle grazie dei proprietari.

1930 Speakeasy - Cocktail

La prima volta che ci siamo stati, ricordo di aver percorso la via, che conoscevo fin troppo bene, chiedendomi dietro quale vetrina, vista e rivista, si sarebbe svelata la famosa porticina. Il “locale copertura” maschera alla perfezione l’ingresso: una pizzeria d’asporto di pochi metri quadrati, a metà tra un ristorante cinese e un kebab. Il nostro collega mostra la tessera, un bigliettino bianco adornato dal solo, piccolo rilievo del logo 1930 con il suo nome – in pieno stile proibizionismo – scritto con inchiostro simpatico visibile solo agli ultravioletti. Ancora non ci credo. Eccoci qui, un cameriere estremamente chic ci mostra la strada e in men che non si dica siamo dentro.

1930 Speakeasy

Sono le 10:00 e abbiamo la fortuna di godere della quasi esclusiva del pianista ancora per un’oretta, prima che gli altri ospiti inizino ad arrivare. Ne approfittiamo per chiedere un paio di canzoni e per assaggiare qualcosina dal menù: il tartare burgerDelizioso. La scelta dei cocktail è sicuramente più difficile di quella del cibo, ma lasciarsi ispirare in un posto così viene naturale, per questo iniziamo con un giro sulle proposte di stagione.

1930 Speakeasy

Così come questo bar non è un semplice bar, il menu non è un semplice menu. È un libro, a dire il vero, una sorta di feuilleton a episodi che mescola le proposte drink a una storia ambientata proprio nello speakeasy. I cocktail, a tutta prima, lasciano esterrefatti. Probabilmente conoscerete solo la metà degli ingredienti ma l’unica cosa che serve davvero è affidarsi allo staff. Il Jungle Book, con le sue note di gin e i suoi aromi tropicali, è uno dei migliori. Nemmeno il Silk scherza, col suo odore di sake erbaceo e il suo calice avvolto in un drappo di seta. Ma anche gli amanti dei sapori forti avranno di che gioire: cocktail come il Caronte o lo Sleeping Beauty sono proprio quello che ci vuole per arrivare all’altro mondo.

1930 Speakeasy - Mixology

Le chiacchiere vengono da sé e i cocktail iniziano a scorrere. Di tanto in tanto si scende al piano inferiore, una taverna in perfetto stile inglese, con grandi scaffali di bottiglie allineate e solo poco più buia del locale superiore, per fumare una sigaretta. In men che non si dica guardiamo l’orologio e sono le due. Pensiamo tutti di comune accordo che vorremmo vivere nello stesso palazzo, al piano di sopra, per poter scendere tutte le sere a bere un bicchiere. Nel frattempo ci accontentiamo della bellissima serata e chiediamo il conto. Un consiglio ve lo diamo noi: fate carte false pur di arrivare alla tessera!

Noi no, per questo condividiamo ogni settimana le miglioni esperienze
di Milano e dintorni...

Ti potrebbero interessare anche...

5 Cocktail Bar a Milano da provare a Dicembre

Girare i migliori cocktail bar a Milano è già di per se un’esperienza memorabile, ma farlo quando la città si illumina e si addobba per le feste è davvero magico. Che sia per organizzare l’aperitivo aziendale prima delle ferie o per stupire il proprio partner con un suggestivo indirizzo segreto, la nostra guida vi propone 5 cocktail bar a [...]

Aperitivo in Porta Venezia a Milano: i migliori indirizzi

To read this article in English, click here. Per aprire la classifica su Google Maps, clicca qui. Porta Venezia non ha bisogno di presentazioni: è una delle zone più belle e vivaci della città. In quest’area frequentatissima i locali abbondano e, ovviamente, gli aperitivi non sono da meno. Anzi, in zona ce ne sono praticamente per [...]

Al MAG CAFÈ un viaggio tra i cocktail bar storici di Milano

Se c’è una cosa che il MAG Cafè è sempre in grado di fare è sorprendere. La novità e il cambiamento sono i suoi cavalli di battaglia e ancora una volta ce lo ha dimostrato. Ogni sei mesi la grande famiglia del MAG Cafè crea una nuova drink list da perdere la testa: questa volta però, nonostante sia stata - [...]

La nuova vodka di Farmily, una storia di famiglia

Una grande famiglia, un team affiatato di bartender si cela dietro al brand Farmily, un progetto nato nel 2016 che continua a crescere e a evolversi e che ha voluto creare degli spiriti “botanici”, dagli aromi erbacei, che sono frutto di accurate ricerche gustative di squadra. L’obiettivo è sempre stato quello di “bere meglio” (e, di conseguenza, [...]

Iter vola in Estonia

Punto di incontro: Via Fusetti 1, Milano. Destinazione: Aeroporto di Tallinn - Lennart Meri, Estonia. Questa volta l’aereo di Iter Airlines è atterrato nelle terre estoni, alla volta di contrasti cromatici, culturali e paesaggistici, in cui una Tallinn dalla doppia anima si scopre essere il centro dell’informatizzazione. Sapevate che l’Estonia è la terra natia di Skype? Poche sono le [...]