To Top
Bistrot

28 Posti

Passione, sperimentazione e un pizzico di estro: la cucina di Marco Ambrosino

Il 28 Posti è un luogo silenzioso. Apparso in via Corsico senza troppo scompiglio, è un locale minimalista e raccolto, con soli 28 posti a sedere e un dehors esterno che vede il Naviglio sullo sfondo. Un ristorante che sin dalla sua apertura nel 2013 ha fatto parlare molto di sé, sempre mantenendo un’aria di discrezione e nonchalanche.

28 Posti

Marco Ambrosino è il giovane chef di Procida che ha dato al locale la giusta dose di sperimentazione e avanguardia con la sua una cucina stagionale, dalle chiare origini campane. Proprio per questi motivi il menù cambia ogni due mesi mantenendo invariati alcuni piatti iconici dello chef. Di conseguenza la formula suggerita è quella di un menù degustazione a 5, 8 o 10 portate, cui si può anche abbinare una selezione di vini.

28 Posti

Quella di Ambrosino è una vera e propria sperimentazione in cucina, una pratica sofisticata che merita di essere provata in ogni sua sfumatura, spingendosi oltre i parametri tradizionali di gusto e scelta. Non mancano le affumicature, le alghe e i sapori intesi dati da ricci e ostriche, tartufi, plancton, polveri, aromi e spezie. C’è da rimanere stupiti dall’apparente semplicità di un piatto come “verza fermentata, tartufo e bergamotto”. Un tripudio di gusto, consistenza e aromi. Buonissimo. La palma però va a “Chiajozza – omaggio a Procida”: tartare di gamberi, crudo di canocchie, gelato ai ricci di mare, cavolo cappuccio, olio al pino marittimo e sabbia al nero di seppia. Un piatto ricco di gusti, dal sapore equilibrato e avvincente.

28 Posti

È d’obbligo provare l’ormai più che conosciuto “agnello presalé”. Un animale allevato in prossimità delle zone marittime e quindi abituato a nutrirsi dell’erba di prati costieri. L’identità della materia prima la si ritrova anche nel piatto, poiché l’agnello – cotto alla perfezione – è accompagnato da una salsa di ostriche, cavolo di mare e fitoplancton. Anche in questo caso è un boccone che confonde, dove il sapore marcato dell’agnello si scontra con una nota marina precisa ma perfettamente in grado di conferire equilibrio e valore al piatto. Tra una portata e l’altra non mancano le delizie della cucina che tengono alta l’attenzione: macarons alle acciughe, spicchi di mela e alghe, girella al tè verde e pane fatto in casa con burro affumicato e polvere di funghi.

28 Posti

Dedicate una sera al 28posti con l’idea di abbandonarvi a un percorso ricco di gusto, molto variegato e spesso in grado di riportarvi a sapori primitivi, essenziali e forti perché puri, invasivi e sconosciuti. Un luogo in cui portare una pancia affamata ma più che mai la testa, con cui analizzare, assimilare ed esplorare ricette e abbinamenti. La prossima volta non mi farò sfuggire i famosi tagliolini con porro fondente, polvere di cappero e limone candito. Grazie chef Ambrosino!

 

Photo credit © 28 Posti

Ti potrebbero interessare anche...

Fuorimano OTBP

Via Roberto Cozzi, 3 20125 Milano

Una gita fuori porta, senza abbandonare la città. Un luogo dove la frenesia milanese è bandita e la parola d’ordine è relax. Un nascondiglio “fuori dal sentiero battuto”, come si legge all'entrata. Tutto questo è Fuorimano OTBP, location insolita e allo stesso tempo estremamente apprezzata dagli avventori, che una volta conosciuta, difficilmente l’abbandoneranno. Nei pressi di [...]

Frida

Via Antonio Pollaiuolo, 3 20159 Milano

Scrivere di Frida è difficilissimo. Innanzitutto perché è un’istituzione, un locale che ha cambiato la storia del quartiere in cui si è insediato, Isola. Per la precisione via Pollaiuolo, civico 3. Una zona che ormai associamo alla dinamicità, all'evoluzione e alla grande varietà di bistrot che la popolano. Eppure oltre 10 anni fa, quando Frida ha aperto le [...]

Huan

Ripa di Porta Ticinese, 69 20143 Milano

Huan è un locale fusion in tutte le possibili accezioni del termine: fusion nel senso che fonde insieme il ristorante e il cocktail bar di livello; fusion nel senso che la cucina, anche se guarda soprattutto alla Cina, fonde l'ispirazione orientale alle materie prime e creatività occidentali. Si tratta insomma di uno di quei posti che dovrebbe essere già [...]

Bulk Mixology Food Bar

Via Aristotele Fioravanti, 4 20154 Milano

La definizione ufficiale del Bulk è quella di “mixology food & bar”. Per me, è  una vera oasi di pace e tranquillità nel cuore di Chinatown. Un locale avvolgente e accogliente - cozy, direbbero gli anglofili - dove a tutte le ore è possibile gustare cocktail d'autore accompagnati da piatti sfiziosi e curatissimi. Si trova all’interno dell’Hotel Viu, 5 [...]

Tenoha

Via Vigevano, 18 20144 Milano

2.500 mq in via Vigevano, uno spazio polifunzionale, 4 aree tematiche e un concept forte: questa la formula con cui Tenoha si presenta sul panorama milanese. Un mix di minimalismo estetico e intensità di gusto, contrassegnati da un’impronta filosofica forte, traina il progetto che sigla l’approdo dello spirito nipponico all’ombra della madonnina. Il concept store è ospitato all’interno di un [...]