To Top
Classifiche

5 Mostre a Milano da vedere a Dicembre

Uno sguardo alla Bellezza artistica tra percorsi sensoriali innovativi e opere classiche senza tempo

Se la frenesia dei regali natalizi last-minute, la brulicante folla impazzita che invade il centro con le feste alle porte e l’ansia degli ultimi task da concludere prima della chiusura aziendale vi stanno notevolmente stressando, prendetevi una pausa e dedicate del tempo a voi stessi e al vostro bagaglio di conoscenza personale. Allora, per non rischiare di “prendere l’arte e metterla da parte” e lasciarvi così scappare delle esperienze culturali uniche e irripetibili, prendete nota della nostra selezione delle 5 mostre a Milano da vedere a Dicembre

Sospendete momentaneamente tutti i vostri impegni e concedete a voi stessi la possibilità di rimanere affascinati davanti a una collezione d’arte newyorkese, essere attratti dal lavoro di geniali stilisti di moda, costruire le vostre città ideali con mattoncini assemblabili, sentirvi per un attimo dei registi cinematografici e riflettere su quanto la creatività umana possa spingersi oltre ogni limite del pensabile

Non resta che aprire gli occhi e la mente davanti alla bellezza artistica e staccare per un attimo la spina dalla frenesia cittadina perché, anche per l’ultimo mese dell’anno, Milano sa come farvi sognare!

Guggenheim, La collezione Thannhauser. Da Van Gogh a Picasso

Palazzo Reale | Piazza del Duomo, 12

La straordinaria collezione di Thannhauser, donata nel 1963 al Guggenheim di New York, si trova per la prima volta in mostra in Europa e Milano rappresenta la terza e ultima tappa del suo viaggio, dopo la quale farà ritorno a New York. Dal 17 ottobre al 1° marzo 2020 a Palazzo Reale potrete ammirare circa quaranta capolavori dei grandi maestri impressionisti, post-impressionisti e delle avanguardie del primo Novecento, tra cui Cézanne, Renoir, Degas, Gauguin, Manet, Monet e, ovviamente, Van Gogh e Picasso. 

Accenti di Stile

Armani/Silos | Via Bergognone, 40

Dopo la temporanea chiusura, Armani/Silos ha riaperto in tutto il suo splendore il 6 novembre 2019. La collezione permanente che mostra la selezione di oltre quarant’anni di creazioni del genio Giorgio Armani accoglierà nuovamente i visitatori, mentre dal 15 novembre al 2 febbraio 2020 è possibile assistere alla mostra “Accenti di Stile”, curata personalmente dallo stilista, una retrospettiva degli accessori donna di Re Giorgio: borse, calzature e bijoux, oltre a proiezioni di campagne pubblicitarie e redazionali. 

I Love Lego

Museo della Permanente | Via Filippo Turati, 34

Dall’11 ottobre al 2 febbraio 2020 il Museo della Permanente ospita la mostra I love Lego che, con oltre 1.000.000 di mattoncini assemblabili, incanta bambini e adulti e racconta la straordinaria trasformazione di quello che, da giocattolo comune e amato da tutti, è diventato nel corso degli anni una vera e propria opera d’arte. I mattoncini colorati andranno a creare città moderne, monumenti antichi, paesaggi medievali e risalenti all’Antica Roma: interi mondi in miniatura pronti a sorprendervi.

MIC – Museo Interattivo del Cinema

Manifattura Tabacchi | Viale Fulvio Testi, 121

Primo museo del cinema in Italia dove lo spettatore può interagire direttamente con dispositivi e applicazioni create ad hoc, il MIC è dedicato a tutti coloro che desiderano avvicinarsi a questo mondo o che vogliono approfondirlo. I visitatori potranno realizzare un doppiaggio cinematografico, sonorizzare un film, modificare un manifesto cinematografico e scoprire i set dei film girati a Milano. Il percorso museale prosegue nella sala cinematografica  del museo, dove visionare le proiezioni programmate. 

Jean-Paul Goude. In Goude We Trust!

Palazzo Giureconsulti | Piazza dei Mercanti, 2

Dal 15 Novembre al 31 Dicembre 2019 sarà possibile entrare attraverso il mondo “ridisegnato” di uno degli image-maker più geniali e poliedrici di sempre: Jean-Paul Goude. La mostra “In Goude we trust!”, presentata da CHANEL, esplora le sue opere inedite in una scenografia ideata dell’artista stesso in cui si ripercorrono i legami che hanno unito, per più di trent’anni, l’artista con la grande maison francese. Un vero e proprio viaggio nella moda, nel disegno e nella danza suddiviso in tre parti e integrate dalla visione di So Far So Goude, un film di 90 minuti che offre una panoramica a 360° della carriera artistica del genio francese.