To Top
Lifestyle

Addio a Giacomo Bulleri: Milano non ti dimenticherà

Da lavapiatti a icona della Gastronomia Italiana, dal 1958 ad oggi

“The man who cooked for Italy”: così Giacomo Bulleri, simbolo della ristorazione italiana, era stato definito dal New York Times nel 2017. Nato in Toscana nel 1925 e trasferitosi a Torino da giovanissimo per apprendere i segreti della cucina italiana, nel 1958 apre il suo primo ristorante a Milano, la Trattoria Da Giacomo, in Via Donizetti. L’impatto nella grande città non è facile e ci vogliono otto mesi per capire cosa potrà riservargli. 

giacomo-bulleri-milano-4

La sua idea è quella di rappresentare la buona cucina italiana, di matrice toscana, e con la sua energia e la sua passione conquista personalità internazionali di passaggio in città, come la Callas, Mondadori, Versace, Montanelli e, più tardi, Madonna, Woody Allen e Maradona. Il ristorante di via Donizetti, dagli anni Novanta nel nuovo locale di via Sottocorno col nome di Ristorante da Giacomo, è solo la prima delle sette meraviglie di Bulleri. L’ultima arrivata è la Rosticceria aperta nel 2017 che, insieme al ristorante, al Bistrot, alla pasticceria e alla Tabaccheria ha reso nota via Sottocorno per la concentrazione di bontà culinarie firmate Giacomo.

giacomo-bulleri-milano-2

Gli altri due locali, Giacomo Caffè e il ristorante Giacomo Arengario, si trovano invece rispettivamente a Palazzo Reale e al Museo del Novecento. L’attività è diventata negli anni una vera e propria impresa a gestione familiare sotto la rassicurante guida della figlia, Tiziana Bulleri, e del genero, Marco Monti. La passione e l’impegno di Bulleri non sono, però, rimasti privi di riconoscimenti ufficiali: nel 2015 ha ottenuto l’Ambrogino d’Oro e attualmente il Ristorante da Giacomo si trova nell’elenco dei Negozi Storici della Regione Lombardia. Nonostante questo, Giacomo Bulleri è sempre rimasto con i piedi per terra, preferendo la praticità e la concretezza ai riflettori. Amava infatti affermare “Il mio regno è la cucina, il mio pubblico sono i clienti”. 

giacomo-bulleri-milano-1

E da pubblico completamente conquistato, non possiamo che salutarti come meriti, con i tuoi locali pieni dei nostri ricordi e tanta voglia di ricordarti come quel “cuoco di sostanza a cui piace offrire odori e sapori autentici”.