To Top
Trattorie

Al Garghet

Un gioiello senza tempo di un’autenticità invidiabile

Che decidiate di andarci sotto Natale con mille lucine, il camino acceso e l’accompagnamento del pianista, o in estate, occupando uno dei tavoli in pietra del suo splendido giardino, Al Garghet resta un gioiello senza tempo.

Siamo a sud di Milano, in un edificio del XXIII secolo, nell’antica Gratum Solum – l’odierna Gratosoglio – un tempo vissuta da innumerevoli colonie di rane. Proprio dal loro gracidare prende il nome il ristorante e seppure il territorio sia stato investito da massicce trasformazioni, l’identità di Al Garghet è rimasta intatta.

Sembra di essere catapultati sul set di un film d’epoca: per una sera si vive la vecchia Milano, come si parlava, quali profumi si riversavano nelle strade. Qui si percepisce ancora il ritmo lento scandito dalla passione e dalla dedizione verso il proprio mestiere: con venticinque anni di attività alle spalle, Al Garghet preserva ancora un’autenticità invidiabile sotto molti punti di vista.

Sala Piano - Al Garghet

Sala Piano

L’edificio si compone di più parti, all’interno ci sono sale e salette di stili differenti: il cottage inglese, dove regnano il verde, il rosso e le tovaglie scozzesi; la saletta di Botero o petite chambre, dove una serie di vetrinette raccolgono ninnoli di vario genere tra cui delle bellissime ricostruzioni della vita delle case di ringhiera di un tempo. La saletta più piccola è quella chiamata “della musica” ma la mia preferita resta il chiosco, una sorta di ampia veranda lignea in stile provenzale che affaccia a 360 gradi sul giardino. Qui le tovaglie sono rigorosamente floreali.

Sala Chiosco - Al Garghet

Sala Chiosco

Quando l’aria si fa più tiepida e le giornate si allungano, optate per un pranzo in giardino in uno dei freschissimi tavoloni in pietra sotto il pergolato o un po’ più nascosti. Vi è anche una terrazza, più areata e con una vista a cavallo tra due epoche: il panorama sulla città che cresce e, alle vostre spalle, la campagna rigogliosa del Parco Sud.

Il menù di Al Garghet è rigorosamente in dialetto – con una magnanima traduzione appena sotto – e scritto a mano in calligrafia elementare nei quaderni a righe di scuola. La tradizione impazza fin dagli antipasti: nervetti, lardo con crostini e paté di fegatini, gnocco fritto e salumi, fiori di zucca fritti. Tra i primi – di produzione propria, nemmeno a dirlo – risotto ai funghi, alla milanese (gustabile anche nella combinazione ossobuco con risotto), al salto, ravioli di grano saraceno, tagliatelle di farina di castagne, gnocchi di patate. I secondi ancora più trionfali: dall’orecchia di elefante – una delle più grandi in zona – alla Cassoela, senza farsi mancare mondeghili, rognoncini e le animelle di vitello. Dolci fatti in casa.

Più o meno romantici che siate, non fatevelo sfuggire!

Photo credit: EFFIGE 2.0

Noi no, per questo condividiamo ogni settimana le miglioni esperienze
di Milano e dintorni...

Ti potrebbero interessare anche...

Spica

Via Melzo 9, 20144 Milano

Il locale che mancava. In una Milano invasa da ristoranti etnici di ogni genere avevamo proprio bisogno di qualcuno che selezionasse per noi i piatti migliori di tutto il mondo, riunendoli in un unico menù fatto di viaggi e passione. Ci ha pensato Spica, proponendo una cucina globale e cosmopolita: piatti provenienti da ogni continente, [...]

I migliori ristoranti all’aperto a Milano

I raggi di sole scaldano, - forse troppo -, le strade meneghine e le giornate vengono scandite dall’alternarsi di lunghe ore di luce e tramonti accesi - che in questo periodo, ammettiamolo, si preferirebbe osservare magari da una spiaggia sabbiosa o da un mirador spagnolo. Quando il caldo estivo si fa sentire, le architetture meneghine stanno [...]

Becho

Via Savona 17, 20144 Milano

In Via Savona, a pochi passi dalla movida di zona Tortona, ha aperto Becho, un “Cosmopolitan Bistrot” - come si definisce - che caratterizza la sua offerta con proposte sostenibili, strizzando l’occhio alla cucina internazionale. La filosofia di Becho ruota attorno alla parola “scelta” che definisce il desiderio di costruire un menu sulla base di prodotti che non [...]

Locanda Carmelina

Via Cadore 2, 20135 Milano

Milano è una città insonne, instancabile, veloce. È proprio la sua frenesia la chiave di lettura ideale per cogliere gusti, tendenze, novità: nella moda, nell’arte e nella ristorazione. Il filo conduttore delle nuove aperture food più vincenti degli ultimi mesi sembra essere la partenopeità. Arriva in via Cadore la Locanda Carmelina, una moderna trattoria napoletana dove potrete assaggiare [...]

The Fisher

Viale Bianca Maria 8, 20129 Milano

Ci sono molti posti che sento definire spesso “più bello che buono”, e in una città come Milano, in cui lo stile e il design giocano un ruolo fondamentale, è facile cadere in questo tranello. Fortunatamente da The Fisher le cose sono molto diverse: come il nome stesso suggerisce si tratta di un ristorante di [...]