To Top
Trattorie

Al Garghet

Un gioiello senza tempo di un’autenticità invidiabile

Che decidiate di andarci sotto Natale con mille lucine, il camino acceso e l’accompagnamento del pianista, o in estate, occupando uno dei tavoli in pietra del suo splendido giardino, Al Garghet resta un gioiello senza tempo.

Siamo a sud di Milano, in un edificio del XXIII secolo, nell’antica Gratum Solum – l’odierna Gratosoglio – un tempo vissuta da innumerevoli colonie di rane. Proprio dal loro gracidare prende il nome il ristorante e seppure il territorio sia stato investito da massicce trasformazioni, l’identità di Al Garghet è rimasta intatta.

Sembra di essere catapultati sul set di un film d’epoca: per una sera si vive la vecchia Milano, come si parlava, quali profumi si riversavano nelle strade. Qui si percepisce ancora il ritmo lento scandito dalla passione e dalla dedizione verso il proprio mestiere: con venticinque anni di attività alle spalle, Al Garghet preserva ancora un’autenticità invidiabile sotto molti punti di vista.

Sala Piano - Al Garghet

Sala Piano

L’edificio si compone di più parti, all’interno ci sono sale e salette di stili differenti: il cottage inglese, dove regnano il verde, il rosso e le tovaglie scozzesi; la saletta di Botero o petite chambre, dove una serie di vetrinette raccolgono ninnoli di vario genere tra cui delle bellissime ricostruzioni della vita delle case di ringhiera di un tempo. La saletta più piccola è quella chiamata “della musica” ma la mia preferita resta il chiosco, una sorta di ampia veranda lignea in stile provenzale che affaccia a 360 gradi sul giardino. Qui le tovaglie sono rigorosamente floreali.

Sala Chiosco - Al Garghet

Sala Chiosco

Quando l’aria si fa più tiepida e le giornate si allungano, optate per un pranzo in giardino in uno dei freschissimi tavoloni in pietra sotto il pergolato o un po’ più nascosti. Vi è anche una terrazza, più areata e con una vista a cavallo tra due epoche: il panorama sulla città che cresce e, alle vostre spalle, la campagna rigogliosa del Parco Sud.

Il menù di Al Garghet è rigorosamente in dialetto – con una magnanima traduzione appena sotto – e scritto a mano in calligrafia elementare nei quaderni a righe di scuola. La tradizione impazza fin dagli antipasti: nervetti, lardo con crostini e paté di fegatini, gnocco fritto e salumi, fiori di zucca fritti. Tra i primi – di produzione propria, nemmeno a dirlo – risotto ai funghi, alla milanese (gustabile anche nella combinazione ossobuco con risotto), al salto, ravioli di grano saraceno, tagliatelle di farina di castagne, gnocchi di patate. I secondi ancora più trionfali: dall’orecchia di elefante – una delle più grandi in zona – alla Cassoela, senza farsi mancare mondeghili, rognoncini e le animelle di vitello. Dolci fatti in casa.

Più o meno romantici che siate, non fatevelo sfuggire!

Photo credit: EFFIGE 2.0

Ti potrebbero interessare anche...

Apollo Club Milano

Via Giosuè Borsi, 9/2 20143 Milano

Un club esclusivo. Un segreto al sapore di whisky e America anni '20.  Questa la prima impressione che si ha dell’Apollo Club Milano appena varcata la soglia: si viene letteralmente ipnotizzati dal bancone in legno scuro, dai divani in pelle, dai lampadari di cristallo e dal pianoforte a muro. L’ambiente è scuro ma non risulta pesante: [...]

I Mori

Via Archimede, 5 20129 Milano

All’angolo tra via Cellini e via Archimede, dove un tempo sorgeva lo storico ristorante “Al Cellini”, c’è un locale che sta per spegnere la prima candelina e che con la sua cucina è riuscito a ridar vita ed eleganza a questo bellissimo angolo di Milano. Stiamo parlando del ristorante I Mori, che porta in tavola con [...]

Kowa

Via Benvenuto Cellini 14, 20129 Milano

Dopo mesi di attesa, all'interno dell’ hotel 5 stelle Fifty House, ha aperto Kowa, ristorante che rispecchia appieno lo stile dell’albergo: internazionale, moderno e cosmopolita come la città che lo ospita. Kowa è stato definito panasiatico da Andrea Reitano, il suo ideatore, giovane imprenditore che ha trovato il successo a Londra ed ora vuole conquistare anche Milano. Garanzia che sia [...]

Saigon

Via Archimede 53, 20129 Milano

Saigon, come il fiume che nasce nei pressi di Ho Chi Min. È questo il nome del locale vietnamita di Luca Guelfi, proprietario di vari ristoranti sparsi per l'intera città. Tutti particolarissimi, ricercati, modaioli, di quelli da fotografare per arricchire il proprio profilo Instagram. Ma Saigon è un posto davvero speciale, quello dall'atmosfera più unica. [...]

Nishiki

Corso Lodi 70, 20139 Milano

Nishiki è l’esempio lampante di come un ristorante giapponese fusion di quartiere possa trasformarsi nel tempo in un punto di riferimento cittadino, ottenendo un meritato successo, grazie al lavoro sodo e alle ottime materie prime. Quando Nishiki ha aperto, ormai più di dieci anni fa, abbiamo iniziato a frequentarlo in modo costante sia per la sua posizione strategica che per l'ottima qualità delle sue proposte. Siamo [...]