To Top
Hi-Tech & Mobility

Apple Store

Un tripudio di design e socialità che fa rivivere piazza Liberty

Milano città del futuro, almeno in Italia. Dove tutto sta evolvendo a ritmo frenetico nel pieno rispetto delle sue storiche e fiere origini, diventando un punto di riferimento per chi guarda da fuori: elegante ma dinamica, viva ma raccolta. E tra i simboli che stanno rivoluzionando la bella Milano spicca la tanto attesa e desiderata apertura del nuovo Apple Store, punto di riferimento per i turisti, sicuramente, per i milanesi, certo, ma anche per tutti coloro che sognano una Milano dai contorni più internazionale.

Apple Store - Milano

Dopo i rumors iniziali e le impalcature coprenti, finalmente spicca in piazza Liberty il nuovo store della Mela che prende il posto, con fierezza e con rispetto, dello storico cinema Apollo, e che è un tripudio non solo di architettura, design e hi-tech, ma anche di socialità. Se infatti, a catturare l’attenzione di curiosi e i like su Instagram è la fontana (o il Portale, come viene chiamata) a forma di parallelepipedo alto 8 metri da cui scorrono 56 getti d’acqua, e la scalinata imponente che ricorda un anfiteatro romano, a sorprendere è l’approccio delle persone che ri-vivono la piazza, che si trasforma in un vero punto di incontro e ritrovo, dove fare una pausa e scambiare due chiacchiere tra un po’ di shopping e un caffè in centro, quasi a ricordare l’idea del fondatore Steve Jobs che aveva come scopo ultimo, in ogni suo progetto, l’arricchimento della vita delle persone. 

Apple Store - Milano

A sottolineare questo elemento fondamentale per comprendere lo store, la piazza sarà luogo di concerti e proiezioni cinematografiche, mentre l’Apple Store ospiterà periodicamente sessioni di arte e fotografia gratuite. Lo store ha un concept simile a quello di New York in 5th Avenue: un’ architettura geometrica in vetro che si sviluppa poi sottoterra. Il negozio vero e proprio, infatti, dove far man bassa di iPhone, Apple Watch, iPad, Mac e accessori, si raggiunge scendendo di un paio di piani e rispecchia e ricorda in tutto i classici store della Mela, con i tavoloni in legno, gli addetti ai lavori con le t-shirt blu e il logo bianco e le non-casse.

Apple Store - Milano

Austero nella sua grandezza fatte di fontane e scalinate, l’Apple Store piace anche ai più convinti milanesi perché rispecchia lo spirito meneghino e il contesto in cui è stato inserito: nel cuore della città, come train d’union tra corso Vittorio Emanuele e il quadrilatero, ma defilato e composto, come la Mela è solita fare. Pur essendo la struttura importante, non fa rumore ma si incastona alla perfezione nell’architettura circostante, grazie anche all’uniformità cromatica e i materiali utilizzati (la pietra Beola Grigia).

Apple Store - Milano

Il progetto, che porta la firma del britannico Norman Foster, è in realtà una celebrazione dell’italianità, con più di 200 aziende che hanno partecipato all’impresa, a sottolineare la volontà di far trionfare la bellezza tutta italiana in una piazza che è un simbolo per la città e che si appresta a tornare a essere tra i nuovi punti più visitati e sharati della nuova Milano che piace tanto, a tutti.

 

Noi no, per questo condividiamo ogni settimana le miglioni esperienze
di Milano e dintorni...

Ti potrebbero interessare anche...

Raw – Cabinet de Curiosités

Corso Magenta 10, 20123 Milano

In Corso Magenta, incastonato tra i bellissimi palazzi del centro storico meneghino si trova Raw, un cabinet de curiosités - come cita l’insegna - dove riscoprire l’ispirazione decor per la propria casa o semplicemente perdersi (per poi ritrovarsi) in uno scenario fatto di oggettistica e complementi di arredo da mille e una notte. Il concept nasce da Costantino [...]

Un giorno da star con REVEST

Indirizzo fornito su appuntamento Milano

“Che ne dici, un diamante? No, dammi solo un armadio gigantesco” rispondeva Carrie Bradshaw a un Mr. Big innamorato ormai qualche anno fa, svelando definitivamente al mondo il vero sogno di ogni donna. Se anche voi siete tra quelle che Sex and The City lo guardavano più per i look di Sarah Jessica Parker che [...]

ottod’Ame

Via Solferino 1, 20121 Milano

Il Made in Italy di ottod’Ame è puro e gioca tra sete, lane e cotoni, pizzi e pelle miscelati e rivisitati con cura e creatività. Iniziamo dal nome piuttosto evocativo che si presta a diversi significati: come dice la stessa Silvia Mazzoli, ideatrice e stilista delle collezioni, è un marchio con un doppio sapore, che unisce un lato italiano a un [...]

Galleria Rossana Orlandi

Via Matteo Bandello 14/16, 20123 Milano

In origine era la Fornace Candiani, poi una fabbrica di cravatte, oggi è uno dei punti di riferimento per il design contemporaneo internazionale a Milano. Galleria Rossana Orlandi nasce nel 2002 in via Matteo Bandello 14/16, trasformando oltre 2.500 mq di spazi dismessi in un susseguirsi di scenari quasi onirici, dove ogni stanza è un [...]

Clori Home and Flowers

Via Santa Croce 21, 20122 Milano

C’è chi dice che le piante siano un po’ come i gatti: inizi con una, ne vuoi un’altra, e poi ti dici, perché no, potrei prendermi cura di un’altra ancora. Ed è solo l’inizio di una verdissima famiglia… Ecco, a Milano il posto giusto dove iniziare questa infinita storia d’amore è Clori, nella bellissima e [...]