To Top
Cocktail Bar Drink

BackDoor43

Il bar più piccolo del mondo che ha portato a Milano il concetto di "Drink-Away"

I ragazzi del MAG se ne sono inventati un’altra: il Take Away. Ripa di Porta Ticinese 43: piccolo, piccolissimo, il più piccolo del mondo. Ma allo stesso tempo grande. Con il suo concetto di Drink-Away il BackDoor43 (stesso gruppo del Mag Cafè1930 Speakeasy e del Barba) ha fatto del naviglio un enorme bar a cielo aperto. Sottrarsi alle costrizioni di una sedia, appropriarsi della città, bevendo cocktail di qualità. Ecco la rivoluzione che questi 4mq di intuizione portano a Milano.

Backdoor 43

Flawless Milano ha passato una notte dietro le quinte con Mr. V., il creatore dei cocktail. È stato bellissimo vedere, da dietro lo spioncino, le espressioni affascinate dei clienti che stanno scoprendo questo nuovo concetto di MAG DriveStupiti, incuriositi, ammaliati dalla tecnica di preparazione del mixologist dietro la maschera. Una notte a ridere delle interazioni tra il mixologist mascherato e i frequentatori in attesa dei loro drink. Dialoghi improbabili, scambi divertenti, ironia, sfottò, sarcasmo.

Backdoor 43

Mr. V. è davvero simpatico, ma se non leggi attentamente le regole del gioco affisse alla sua parete, potresti farlo arrabbiare. Ha una maschera, sì. Ma zero peli sulla lingua. Ti dice tutto quello che pensa. Alcuni clienti acuti lo stuzzicano, ma ha sempre una risposta pronta. La vocazione a sbalordire non finisce con questa trovata geniale e divertente, che, oltretutto, ci rende la vita più semplice quando abbiamo sete: dietro la finestrella un regalo per i suoi avventori. La sensibilità del suo pubblico avrà l’occasione di percepire anche l’interno. Una di quelle auto a pedali anni 30’: una due posti a rallentatore che sembra frenare il tempo.

Backdoor 43

Mentre scrivo, seduto sulla ripa, ordino più di qualche drink. Posso resistere a molte tentazioni, ma la provocazione di un #WiskeySour800 a 6€ mi costringe a cedere. Ripenso alla mia esperienza nella dimensione dietro quella porta. Cerco di approfondire le ragioni del successo di un Drink-Away a Milano. Intuisco alcuni degli ingredienti: un pizzico di imprevedibilità, qualche goccia di genio creativo, capacità di prevedere il futuro a volontà e una spolverata di passato conservato con autenticità. Famoso prima di essere nato. Annunciato in modo insolito. Migliaia di libri dispersi per la città rivelavano la sua apertura tramite degli indizi. I fortunati ritrovatori dei testi che nascondevano le tracce per trovare il locale, per mesi hanno cercato di risolvere l’enigma (leggi l’intervista dedicata all’inaugurazione).

Backdoor 43

Ora che abbiamo scoperto dov’è, dalle 19:30 alle 3:00 potremo vivere il lusso della contemplazione di ogni piccolo particolare di questo ambiente, in cui il bagno è più grande del locale stesso. La carta all’interno si rinnova ogni mese. Potrete portarla a casa con voi in ricordo della serata. A fine anno componendo il puzzle avrete la vostra personale tela firmata BackDoor43. Consiglio Flawless: fate in modo di scoprire il cioccolato fondente all’interno del salotto. Andate in due, chiedete a Mr.V una degustazione dividendo ogni cocktail in piccole quantità. Assaporerete più capolavori, sarà il delirio dei sensi.

Backdoor 43

Se non siete già in Ticinese – e state ancora leggendo – ultimo consiglio Flawless: attrezzatevi per scattare una bella foto del locale e pubblicatela sui social con l’hashtag #BackDoor43, la più bella vince un premio molto invidiato. La canzone del Backdoor43 indovinatela voi. Un indizio? Hans Zimmer, l’autore della colonna sonora di Sherlock Holmes.

Noi no, per questo condividiamo ogni settimana le miglioni esperienze
di Milano e dintorni...

Ti potrebbero interessare anche...

I migliori cocktail bar di quartiere a Milano

Per aprire la classifica su Google Maps, clicca qui. In Porta Venezia l’eccentricità del social district si riflette in quei suoi locali incorniciati tra architetture liberty; a qualche chilometro di distanza, invece, una vitalità super cool riempie Brera/Moscova. Intanto, a sud, gli affollatissimi dehors dei Navigli vengono spalleggiati dall’eterogeneità di Porta Romana, che vuole accontentare [...]

Il catering tailor made firmato MAG Cafè Fa(r)mily

To read this article in English, click here. Quella del MAG Cafè è una famiglia davvero allargata che conta tanti fratelli: il 1930, lo speakeasy in stile anni ‘30 dove ci si accede solo con una tessera esclusiva, il Backdoor 43, il bar più piccolo del mondo, Iter, l’aeroporto gastronomico di via Fusetti, e anche Barba, l’ultimogenito innamoratissimo della musica [...]

The Backdoor43 Magazine

To read this article in English, click here. Davanti a un grosso pentolone, intenti a studiare e a dosare gli ingredienti giusti da versarci dentro, per poi mischiare e farne venir fuori qualcosa di eccentrico e inusuale, - come accade sempre. Ce li immaginiamo più o meno così Flavio Angiolillo e la sua crew ogni volta che [...]

Rita’s TIKI ROOM

Ripa di Porta Ticinese 69, 20143 Milano

E’ stato Ernest Raymond Beaumont Gant ad aprire il primo tiki bar tra le pieghe degli anni ‘30, sotto il sole di Los Angeles e di un’America disillusa che si lasciava alle spalle il Proibizionismo. Don The Beachcomber (così si faceva chiamare), ha per primo condito la sua proposta di ristorazione con l’esotismo raccolto nei lunghi [...]

Fratelli Ravioli

Via Casale 3, 20144 Milano

Una vetrina che si affaccia su Porta Genova, una lavagnetta fuori ad indicarne le proposte. All'interno un bancone stretto e lungo, che separa l'ipnotica cucina a vista dove gli chef appianano continuamente la pasta, dosano il ripieno e richiudere il tutto sapientemente, con efficienza totale e dedizione assoluta. Varcata la soglia si viene avvolti da un'atmosfera esotica che catapulta la clientela dall'altra [...]