To Top
Drink

Bar Basso

Gli inventori del Negroni Sbagliato e il primo locale a proporre l’aperitivo al grande pubblico

A Milano, si sa, l’aperitivo è un’istituzione e i locali dove sorseggiare un buon drink prima di cena non mancano di certo in città. Ma per vivere questo rito in un ambiente unico, ricco di tradizione, che traspira storia e storie, nessun posto può eguagliare il Bar Basso, vero monumento di milanesità.

Fu il primo locale milanese, alla fine degli anni ‘60, a introdurre al grande pubblico l’aperitivo, fino a quel momento prerogativa esclusiva dei lounge bar dei grandi hotel internazionali, e da allora ha servito da bere a tre generazioni di clienti.

Già da fuori l’insegna rossa in neon, che pare scritta a mano, promette un’atmosfera vintage. Una volta entrati ci si sente catapultati in un’altra epoca: bancone in legno e oro, lampadari di cristallo, luci calde, camerieri in livrea con tanto di cravattino e sui tavolini quelle tovagliette rosa che fanno subito anni ‘80.

Non aspettatevi buffet da happy hour o cacofoniche quanto dozzinali “apericene”. Qui l’aperitivo è come vuole la tradizione nonché l’etimologia stessa del termine: drink (e che drink!) accompagnati da noccioline, olive e patatine per stuzzicare l’appetito senza rovinarlo.

I cocktail sono i protagonisti indiscussi, primo su tutti l’ormai leggendario Negroni Sbagliato, che nacque proprio qui nel 1968, quando lo storico proprietario e capo barman Mirko Stocchetto usò per sbaglio lo spumante al posto del gin. Lo servono con un unico blocco di ghiaccio oversize e una fettina d’arancio in bicchieroni giganti alti 31 centimetri, progettati dallo stesso Stocchetto e prodotti su misura da un’azienda veneziana. Questione di stile.

D’altra parte il Bar Basso ha sempre avuto un legame privilegiato con il mondo del design. Frequentato dai grandi designer fin dagli anni ‘60, ancora oggi è molto amato da architetti e artisti. Un luogo da non perdere durante i giorni del Salone del Mobile, quando giovani creativi da tutto il mondo affollano il locale e il dehor, ma anche in ogni momento in cui si ha voglia di un aperitivo “come una volta”.

Ti potrebbero interessare anche...

Apollo Club Milano

Via Giosuè Borsi, 9/2 20143 Milano

Un club esclusivo. Un segreto al sapore di whisky e America anni '20.  Questa la prima impressione che si ha dell’Apollo Club Milano appena varcata la soglia: si viene letteralmente ipnotizzati dal bancone in legno scuro, dai divani in pelle, dai lampadari di cristallo e dal pianoforte a muro. L’ambiente è scuro ma non risulta pesante: [...]

La primavera da Cantina Piemontese

To read this article in English, click here. Le attività commerciali storiche di Milano sono molte. Una in particolare possiede centodieci anni di storia e una titolare non da poco, che festeggerà quest’anno i suoi vent'anni di attività. Un anniversario importante, che segna il coronamento di un lavoro indefesso e il successo di un ristorante [...]

Il Capestrano

Via Gian Francesco Pizzi 14, 20141 Milano

Il Capestrano è un luogo dove la cultura e la passione per la cucina, arricchita dall’antica tradizione abruzzese, vengono portate in tavola dal primo all’ultimo piatto. Classico format a conduzione familiare, ingredienti di provenienza abruzzese rigorosamente organici al 100%, e tanta tanta dedizione. Roberto Babbo, chef e titolare del ristorante, realizza praticamente tutto con le sue mani: dalla pasta all’uovo, [...]

Chinese Box

Corso Garibaldi 104, 20121 Milano

Dopo aver brillato di luce riflessa grazie alla fortuna della location, proprio di fronte allo storico Radetzky, due anni e mezzo fa circa Chinese Box si è rinnovato e si è ingrandito diventando una delle principali ragioni per bere un cocktail come si deve nella di Moscova, contemplando la bellezza dei murales del Gucci Art Wall, nel pieno della [...]

Sentirsi in Provenza da Tibi

To read this article in English, click here. Indie è una parola inglese nata nel mondo della musica e del cinema per definire tutte quelle realtà lontane dagli establishment delle grandi case di produzione. Indie come indipendent, appunto. Col tempo la parola ha iniziato a designare un mood particolare: l’estetica autoriale sincera e genuina, il gusto dell’artigianato di qualità. E in [...]