To Top
Home Decor Profumerie

British Box

Un angolo di Londra nel centro di Milano

Siete ancora alla ricerca di ispirazioni per gli ultimi regali natalizi? Avete ormai esaurito l’elenco del già fatto, già visto e vorreste qualcosa di ricercato? Ma soprattutto siete alle prese con il luogo comune “fare regali agli uomini è sempre più complicato”? Perfetto, abbiamo il posto che fa al caso vostro e in più vi regalerà uno shopping londinese senza dover prendere l’aereo: British Box.

british-box-milano-ingresso

British Box è una boutique nata più di un quarto di secolo fa e da allora punto di riferimento per l’eccellenza dei prodotti Made in England: profumi, articoli da toeletta, tè, marmellate, agende in pelle, gemelli, piccola pelletteria, stampe su tela.

Da Penhaligon a Leathersmith, da Murdock a Neal’s Yard Remedies, solo per dirne alcuni. Qui troverete la Marmite, il Lemon curd e i cioccolati di Prestat. O le rarissime hangover drops (chi può dire di non averne bisogno con tutte queste cene e aperitivi di auguri?).

In esclusiva per Milano, British Box vende anche le borse Launer, ovvero quelle conosciute universalmente come “LE” borse della regina Elisabetta. Per rendere l’idea, stiamo parlando di quella famosa borsa che la sua grintosa bis-nipote, Mia Tindall, stringe con tenerezza ma caparbietà nel ritratto di Annie Leibowitz in occasione del novantesimo di sua maestà.

british-box-milano-tea

La vera chicca della boutique è la ricca selezione di tè: verde, bianco, nero aromatizzato o classico, e confezionato in diversi formati. Un consiglio: prendetevi il vostro tempo e perdetevi nei racconti poetici e dettagliati delle caratteristiche dei vostri acquisti che vi regaleranno i titolari… Ne rimarrete affascinati e arricchiti!

Insomma, con una visita qui risolverete regali per papà, fidanzato, mamma, colleghi, la zia, l’amica e via a seguire! Attenzione: questo luogo crea dipendenza per tutto il resto dell’anno.

Noi no, per questo condividiamo ogni settimana le miglioni esperienze
di Milano e dintorni...

Ti potrebbero interessare anche...

My Style Bags

Corso Garibaldi 71, 20121 Milano

Un brand tutto milanese voluto da Lorenza e Giuseppe Bellora che insieme a Stefano Donadel Campbell hanno deciso di rivoluzionare il mondo del lifestyle meneghino attraverso la personalizzazione e l’utilizzo di tessuti di alta qualità. Un brand che ruota attorno all’accessorio da viaggio o da tempo libero, adattandolo al proprio stile come l’insegna del negozio [...]

Il giardino segreto della Casa di Gaia

To read this article in English, click here. La Casa di Gaia è quel genere di indirizzo che solo gli intenditori conoscono: nascosto in un cortile di via Vincenzo Monti, racchiude al suo interno tessuti, tendaggi e carta da parati, ma soprattutto idee. Perché Elena, la padrona di casa, architetto di formazione, ma creativa per vocazione, accoglie [...]

Gucci Décor

Via Santo Spirito 19, 20121 Milano

Ceramiche dipinte a mano, carte da parati in seta, paraventi ricamati e tappetti eclettici degni di zia Mame: ogni particolare incarna l’estetica onirica e raffinata di Alessandro Michele, direttore creativo di Gucci dal 2015. Gucci Décor, un irresistibile scrigno delle meraviglie, ha aperto le sue porte in Via Santo Spirito 19 in occasione del Salone [...]

La stagione delle cerimonie inizia da REVEST

To read this article in English, click here. È un salotto nascosto tra le vie del centro, e vi si accede su appuntamento. Un ambiente dai colori tenui, che compone una palette dai toni rosati, verdi e dorati. Velluto e pareti affrescate, ambienti ariosi dove accomodarsi e scoprire cosa scaturirà dall’armadio delle meraviglie: ci troviamo [...]

forte forte

Via Ponte Vetero 1, 20121 Milano

Di recente ho avuto l’ennesima prova dello stretto legame tra arte e moda: un connubio che finisce quasi per diventare identitario. Passeggiavo in via Ponte Vetero, nel cuore di Brera, in una delle zone di Milano che preferisco: quella sorta di piccolo borgo dall'aria romantica; mi sono fermata davanti alle vetrine della boutique forte forte e quasi inevitabilmente [...]