To Top
Ristoranti

Ça Va Sans Dire. Gourmet easy-eating

Un brunch alla francese

Per restare in tema linguistico, Ça va sans dire, una delle novità gastronomiche più interessanti e originali di Porta Romana, è un piccolo bijoux sia per come appare sia per la qualità e la bellezza dei piatti che propone. Ça va sans dire si definisce “gourmet easy-eating” che si può riassumere in ottimo cibo da gustare in totale relax, in modo casual, in un’atmosfera ricercata ma, appunto, “easy”.

Ça Va Sans Dire - Milano

Il tocco provenzale non manca: ambiente piccolo ma allo stesso tempo arioso, stipiti turchesi (così come il bancone del bar), fiori colorati al centro di ogni tavolo e piatti decorati che, oltre ad apparecchiare i tavoli, sono appesi anche alla parete principale e sembrano richiamare la forma di un’onda (o un arcobaleno per chi avesse un’immaginazione più fervida). Colori e sapori si ritrovano in tutto il menù a partire dalle mise en buche – gli assaggini – che spaziano dai salumi, alle polpette di carne o vegetariane, friselle con tonno, pomodoro ciliegino e cipolla rossa o lenticchie al curry. Tutto da poter condividere per un’esperienza di gusto e socialità.

Ça Va Sans Dire - Milano

Le mise en buche possono essere ordinate anche come antipasti; si può allora continuare con le zuppe e le vellutate ma soprattutto con una o più delle 14  tartare di carne che  Ça va sans dire propone e che renderebbero entusiasta anche il più esigente in fatto di mangiar bene. La tartare Portofino con pinoli tostati e pesto al basilico, la Tartare Tokio con wasabi, petali di mandorle tostate e teriaki e la TarBonara, con tuorlo d’uovo, pancetta croccante, pepe e scaglie di pecorino romano, sono solo alcuni esempi che lasciano intuire la varietà e la bontà del piatto forte del locale.

Ça Va Sans Dire - Milano

La domenica a pranzo, come la buona norma milanese vuole, il ristorante cambia la sua proposta, ma non la sua qualità,  grazie al Dejeuner De Dimanche (il pranzo della domenica): un brunch che si divide in 7 menù dedicati a diversi posti e sapori del mondo già suggeriti dai loro nomi – come  “Mascalzone latino”, “Route 66” ed “Escobar”, solo per citarne alcuni. Filo comune di ciascuno di questi menù (eccetto quello vegetariano chiamato “Né carne né pesce”) è l’immancabile tartare di carne simbolo dell’arte “gorumet easy eating” di  Ça va sans dire.

Ça Va Sans Dire - Milano

Provate il brunch Escobar: il personale vi avviserà dicendovi che è molto piccante, ma se amate il cibo messicano non sarà certo un problema. Ad ogni menù, poi, è abbinato un calice di vino per rendere completo il piatto sotto ogni aspetto. E tra i dessert invece? Per chiudere il pasto coi fiocchi potete optare ad esempio per una mousse al cioccolato, 3 diversi gusti di semifreddo, dei cantucci con Santo Spirito, o un tiramisù, che è sempre una tentazione.

Ça Va Sans Dire - Milano

In questo magico posto, fascino francese e qualità italiana regnano indubbiamente sovrani.

Noi no, per questo condividiamo ogni settimana le miglioni esperienze
di Milano e dintorni...

Ti potrebbero interessare anche...

10 ristoranti a Milano da provare a Dicembre

Siamo giunti al rush finale dell’anno, un 2019 ricco di sorprese, emozioni e novità che il capoluogo meneghino ci ha invitato a scoprire, tra nuove insegne, vetrine accattivanti e degustazioni food&drink inedite. Dicembre è il mese dedicato alle feste: Natale e Capodanno bussano alla nostra porta, insieme a luminarie colorate, leccornie dolci e salate, regali inaspettati [...]

La Scaletta

P.le Stazione Genova, 3 20144 Milano

Un angolo di tranquillità che affaccia sull’affollatissima Porta Genova. La definizione del ristorante La Scaletta potrebbe apparire quasi un ossimoro a chi non conosce questo luogo di ristoro, dove superato un alto cancello in metallo e varcata la grande porta d’ingresso in legno, lo sferragliare dei tram, il traffico e la frenesia meneghina scompaiono, lasciando spazio a [...]

Brunch in Porta Venezia a Milano: i migliori indirizzi

Per aprire la classifica su Google Maps, clicca qui. Uno dei quartieri in grado di rappresentare al meglio l’essenza di Milano è sicuramente Porta Venezia: la signorilità dei palazzi d’epoca, gli androni eleganti e le facciate imponenti sembrano fondersi perfettamente con il mix di culture e valori che da anni arricchiscono la zona. Un luogo dove dare [...]

Camparino in Galleria

Piazza Duomo, 21 20121 Milano

Nella storica cornice della Galleria Vittorio Emanuele II, a due passi dal Duomo, dal 1915 Camparino in Galleria è stato testimone di epoche storiche e fenomeni sociali, visitatori curiosi e habituè meneghini, risollevando animi e celebrando momenti di spensieratezza grazie alla celebre formula del suo iconico aperitivo. Voluto da Davide Campari per offrire uno spazio di divertissement all’elegante città di [...]

H Club>Diana

Viale Piave, 42 20129 Milano

Nella splendida cornice liberty di Porta Venezia, il maestoso Sheraton Diana Majestic incanta gli occhi dei passanti con la sua meravigliosa facciata. Situato all’angolo con Viale Piave, a pochi passi dai Giardini Pubblici Indro Montanelli e accanto allo sferragliare milanese delle linee tramviarie, accoglie all day and night long abitanti della città e forestieri internazionali. Ma il cuore pulsante [...]