To Top
Fuori Porta

Camp di Cent Pertigh

Fuoriporta agreste tra detti e dialetto

“Sem ammò al camp di cènt pertigh!”, diceva sempre mio nonno ai suoi aiutanti contadini. Detto meneghino che di sicuro avrete sentito dire almeno una volta dai vostri nonni o dagli anziani del quartiere. E se anche non fosse così (niente nonni, siete milanesi d’adozione e non di fatto, oppure perché non lo siete affatto) non importa, voi di curiosità ne avete da vendere e di quel detto avete cercato in lungo e in largo origine e significato. È diventato persino il vostro grattacapo. Finché un bel giorno non lo avete trovato. “E dove?” vi starete chiedendo.

Camp di Cent Pertigh

Udite, udite, signore e signori! Segnate in agenda o direttamente nel navigatore: quel campo, che misura ben cento pertiche, si trova a Carate Brianza, lungo il viale Trento e Triste, al civico 63. Siete a Caràa, in dialetto brianzolo, al ristorante Camp di Cent Pertigh. Una distesa di campi raggiunge l’orizzonte davanti a voi, i vostri occhi si perdono in una variazione di smeraldi e ori preziosi. Boschi di carpini, querce, olmi e platani delimitano e indicano l’ingresso: vi trovate dentro al Parco della Valle del Lambro, in una vecchia cascina isolata, dove ora si fa ristorazione.

Camp di Cent Pertigh

Il passato è contadino, oltre a essere il fil rouge del ristorante Camp di Cent Pertigh: una cucina italiana regionale, spiccatamente lombarda, firmata dallo chef Silvano Zappa e dal suo sous-chef Daniele Caleffi, propone piatti locali e stagionali per riscoprire vecchi profumi e tutto il sapore della tradizione. Una carta dei vini rimembra storie di vincitori e vinti, con etichette italiane, europee, d’oltreoceano e dell’altro emisfero. Gli arredi, interni ed esterni, sottolineano il taglio agreste del locale, tra vecchi tavoli in legno, balle di fieno, sedute impagliate, fiori di campo, lino, cotone, finissime porcellane dipinte a mano, alzate e servizi da caffetteria in metalli ormai caduti in disuso.

Camp di Cent Pertigh

E il servizio? A cinque stelle: impeccabile e che non si scorda mai. Omaggio culinario della casa in apertura, bicchieri rabboccati, precedenza alle signore, giusta riverenza e attenzione quanto basta. Seguiti passo passo e assecondati in ogni desiderio e ambizione. Comodamente seduti nel cortile interno del ristorante su balle di fieno, fornite di cuscino in cotone misto iuta per favorirne la seduta, vi starete accorgendo che detti e dialetto fanno da padrone. Riflessi di luce di candele illuminano non solo i vostri volti ma anche un menù che narra storie di cibo, di vino, di uomini e donne che, in un campo di cento pertiche hanno vissuto, creduto e investito.

Ti potrebbero interessare anche...

Penelope a Casa

Via Giuseppe Ripamonti, 3 20122 Milano

La cucina autentica abruzzese ha trovato una nuova location nel capoluogo meneghino; in zona Ripamonti ha infatti di recente aperto Penelope a Casa, ristorante tradizionale dal tocco contemporaneo che racconta la storia gastronomica regionale con un twist scenografico ed estremamente attento ai dettagli. La storia di Penelope inizia a Sambuceto, Abruzzo, dove si trova tutt’ora la [...]

Pourquoi Pas?

Corso Garibaldi, 17 20121 Milano

Ufficialmente lo trovate in Corso Garibaldi 17, a pochi passi da Brera e dal Castello Sforzesco, nello storico edificio che ospitava il Teatro Fossati. In realtà, vi basterà entrare da Pourquoi Pas? per essere catapultati in una Parigi fuori dal tempo, costellata da tavolini di marmo, una lunga banquette di velluto rosso, libri francesi, cucina a vista [...]

Plato Chic Superfood

Via Cesare Battisti, 6 20122 Milano

La conoscenza delle idee rende l’uomo libero, diceva Platone. Un pensiero che appartiene alla classicità greca ma che rivive a Milano, da sempre pioniera di mode, tendenze e gusti, in un luogo delizioso: Plato Chic Superfood, la cui essenza e i cui capisaldi sono già contenuti nel nome. Il filosofo greco richiama infatti i concetti di conoscenza [...]

Paper Moon Giardino

Via Bagutta, 12 20121 Milano

A due passi da San Babila, nel cuore del quadrilatero della moda, si respira ogni giorno un'atmosfera speciale. Tra le fantastiche vetrine dei brand del lusso si riconosce una Milano d'altri tempi, come ci suggerisce l’Ottecenesco Palazzo Reina situato in via Bagutta, 12. Al primo piano del palazzo, recentemente ristrutturato dallo studio di design giapponese AB Concept, [...]

Lentini’s

Via Tivoli, 3 20121 Milano

Se state cercando un ristorante che abbia un menù vario ma allo stesso tempo sfizioso e di qualità, una location ricercata dal tocco vintage e situato in una delle zone più belle e centrali di Milano (in questo caso Brera, di fronte al Piccolo Teatro Strehler), allora con Lentini’s lo avete trovato. Nicola Lentini, dopo aver portato [...]