To Top
Fuori Porta

Camp di Cent Pertigh

Fuoriporta agreste tra detti e dialetto

“Sem ammò al camp di cènt pertigh!”, diceva sempre mio nonno ai suoi aiutanti contadini. Detto meneghino che di sicuro avrete sentito dire almeno una volta dai vostri nonni o dagli anziani del quartiere. E se anche non fosse così (niente nonni, siete milanesi d’adozione e non di fatto, oppure perché non lo siete affatto) non importa, voi di curiosità ne avete da vendere e di quel detto avete cercato in lungo e in largo origine e significato. È diventato persino il vostro grattacapo. Finché un bel giorno non lo avete trovato. “E dove?” vi starete chiedendo.

Camp di Cent Pertigh

Udite, udite, signore e signori! Segnate in agenda o direttamente nel navigatore: quel campo, che misura ben cento pertiche, si trova a Carate Brianza, lungo il viale Trento e Triste, al civico 63. Siete a Caràa, in dialetto brianzolo, al ristorante Camp di Cent Pertigh. Una distesa di campi raggiunge l’orizzonte davanti a voi, i vostri occhi si perdono in una variazione di smeraldi e ori preziosi. Boschi di carpini, querce, olmi e platani delimitano e indicano l’ingresso: vi trovate dentro al Parco della Valle del Lambro, in una vecchia cascina isolata, dove ora si fa ristorazione.

Camp di Cent Pertigh

Il passato è contadino, oltre a essere il fil rouge del ristorante Camp di Cent Pertigh: una cucina italiana regionale, spiccatamente lombarda, firmata dallo chef Silvano Zappa e dal suo sous-chef Daniele Caleffi, propone piatti locali e stagionali per riscoprire vecchi profumi e tutto il sapore della tradizione. Una carta dei vini rimembra storie di vincitori e vinti, con etichette italiane, europee, d’oltreoceano e dell’altro emisfero. Gli arredi, interni ed esterni, sottolineano il taglio agreste del locale, tra vecchi tavoli in legno, balle di fieno, sedute impagliate, fiori di campo, lino, cotone, finissime porcellane dipinte a mano, alzate e servizi da caffetteria in metalli ormai caduti in disuso.

Camp di Cent Pertigh

E il servizio? A cinque stelle: impeccabile e che non si scorda mai. Omaggio culinario della casa in apertura, bicchieri rabboccati, precedenza alle signore, giusta riverenza e attenzione quanto basta. Seguiti passo passo e assecondati in ogni desiderio e ambizione. Comodamente seduti nel cortile interno del ristorante su balle di fieno, fornite di cuscino in cotone misto iuta per favorirne la seduta, vi starete accorgendo che detti e dialetto fanno da padrone. Riflessi di luce di candele illuminano non solo i vostri volti ma anche un menù che narra storie di cibo, di vino, di uomini e donne che, in un campo di cento pertiche hanno vissuto, creduto e investito.

Noi no, per questo condividiamo ogni settimana le miglioni esperienze
di Milano e dintorni...

Ti potrebbero interessare anche...

Barmare L’Altro

Via Lecco 4, 20124 Milano

Prendete una mappa di Milano e cercate l’angolo tra via Lecco e via Panfilo Castaldi: è lì che dovete andare oggi. Quindi chiamate qualche amico e preparatevi a fare il pieno di chiacchiere in totale relax mentre il buon bere scandisce il tempo, a sancire il vostro patto d’amore con il partner tra qualche ostrica [...]

Barmare

Corso Lodi 12, 20135 Milano

Mentre le stagioni sono impegnate nella loro ciclica staffetta fatta di passaggi di temperature e colori diversi, Barmare se ne sta tranquillo in un isolato tra le vie meneghine ad accogliere ed esaudire i desideri di chiunque voglia sentirsi per qualche istante altrove e dimenticarsi la quotidianità metropolitana. Il ristorante bistrot di Porta Romana, infatti, traghetta la [...]

Il Baretto al Baglioni

Via Senato 7, 20121 Milano

Sembra di essere tornati indietro nel tempo, basta varcare la soglia della porta per respirare subito un’atmosfera esclusiva, come quella di un vecchio club house inglese dei primi del Novecento. L’arredamento è spiccatamente in stile British: pareti in legno scuro e carta da parati sui toni del verde e oro, quadri raffiguranti scene di caccia [...]

Ba Asian Mood

Via Raffaello Sanzio 22, 20149 Milano

I tre fratelli Liu, seconda generazione cinese in Italia, sono una certezza per quanto riguarda la ristorazione orientale di alto livello: Claudio è al comando di Iyo Taste Experience, ristorante giapponese stellato, Giulia dirige invece l’elegante ristorante cinese Gong dal 2015, mentre Marco, dal 2011, è “al timone” di BA Asian Mood altra eccellenza di famiglia per stile e gusto. [...]

Osteria del Corso

Corso Garibaldi 75, 20121 Milano

Nell’Osteria del Corso, in Corso Garibaldi a Milano, si percepisce subito un’atmosfera familiare. Entrando dalla porta a vetri sotto il tendone nero affacciato su una delle vie più belle di Milano, si è subito accolti da uno membri della famiglia dei proprietari: tutti impegnati tra fornelli, servizio e bancone. Basta girarsi e osservare il proprio vicino di [...]