To Top
Ristoranti

Carlo e Camilla in Segheria

Cenare in un ambiente caldo, inebriante e sexy con i piatti di Luca Pedata e i cocktail di Federico Volpe

“A cigarette that bares a lipstick’s traces…” Le note di Billie Holiday aleggiano nell’aria, mentre lo sguardo si perde cercando di mettere a fuoco i contorni di questo luogo insolito, fuori dal comune: Carlo e Camilla in Segheria. L’atmosfera è da subito calda, inebriante esexy. Una piccola porticina si apre su un cancello scorrevole di metallo su via Meda 24, ma conoscendo il quartiere niente lascia presagire l’incanto che si cela al suo interno.

Carlo e Camilla in Segheria

Un gioco di contrasti immediati. Il primo: lo spazio. In una Milano sempre più affollata, qui ci si perde, guardando i soffitti altissimi e cercando di capire le dislocazioni degli ambienti, così diverse dallo standard.

Carlo e Camilla in Segheria

Il secondo: il concetto. Due lunghi tavoli a “T” si intrecciano lungo la sala principale, invitando tutti i commensali ad accomodarsi l’uno a fianco all’altro, siano essi amici, compagni o semplici sconosciuti. Così attaccati alla privacy, d’impatto siamo quasi a disagio a sederci di fianco a chissà chi, sensazione subito rimpiazzata da un senso di protezione, da una disinvoltura che si prova in genere quando si esce con un gruppo di cui si conosce soltanto una persona. Quando puoi far finta di essere chi vuoi.

Carlo e Camilla in Segheria

Il terzo: l’ambiente. Una ex segheria post-industriale. Muri scrostati e travi a vista sono miscelati a un arredo minimal, curato nei minimi dettagli dall’art director Tanya Solci, compagna di Carlo Cracco in questa avventura. E così, su un tavolo spoglio, senza tovaglie, spicca un fuori produzione entusiasmante di porcellane, Richard Ginori ovviamente. Teiere numerate, piatti, posate e porta vivande di ogni tipo si distendono lungo tutta la lunghezza. Adesso capisco come deve essersi sentita Alice, nel suo paese delle meraviglie, in una casuale cena con il Cappellaio matto. Ricchi lampadari di cristallo e sedute di A.G. Fronzoni e Jasper Morrison completano la scena mescolando le carte dell’insolito.

Carlo e Camilla in Segheria

Poi c’è il bar, tempio sacro di Federico Volpe, che con le sue miscele rende uniche le sue creazioni “sfornando” cocktail da far invidia al più cool dei bar londinesi. Il quarto: l’esterno. Uno spazio arredato secondo canoni rustici che riproduce situazioni d’altri tempi, di altri luoghi, di vite diverse.

Carlo e Camilla in Segheria

Quinto, ma primo per importanza, nonché assoluto protagonista: il cibo. Sublime delizia. Ma su questo non avevamo dubbi. Luca Pedata, alla guida di una giovane squadra di cuochi entusiasti, crea meraviglie gustative che non vogliamo sminuire con improprie descrizioni. Ogni quarantacinque giorni potrete regalarvi un menù diverso e una scusa per tornare. Convinti? Noi assolutamente rapiti!

Noi no, per questo condividiamo ogni settimana le miglioni esperienze
di Milano e dintorni...

Ti potrebbero interessare anche...

10 ristoranti a Milano per la notte di Capodanno

Che siano di nostalgia o entusiasmo i sentimenti che proverete allo scoccare della Mezzanotte, una cosa è certa: il 31 Dicembre è vietato non passare una serata speciale con amici o parenti, e abbiamo selezionato dieci indirizzi a Milano dove il Cenone di Capodanno è declinato in proposte interessanti, classiche o anticonvenzionali. Tradizionali, etnici, stellati: [...]

10 ristoranti a Milano da provare a Dicembre

Per aprire la classifica su Google Maps, clicca qui. Siamo giunti al rush finale dell’anno, un 2019 ricco di sorprese, emozioni e novità che il capoluogo meneghino ci ha invitato a scoprire, tra nuove insegne, vetrine accattivanti e degustazioni food&drink inedite. Dicembre è il mese dedicato alle feste: Natale e Capodanno bussano alla nostra porta, insieme a [...]

La Scaletta

P.le Stazione Genova, 3 20144 Milano

Un angolo di tranquillità che affaccia sull’affollatissima Porta Genova. La definizione del ristorante La Scaletta potrebbe apparire quasi un ossimoro a chi non conosce questo luogo di ristoro, dove superato un alto cancello in metallo e varcata la grande porta d’ingresso in legno, lo sferragliare dei tram, il traffico e la frenesia meneghina scompaiono, lasciando spazio a [...]

Camparino in Galleria

Piazza Duomo, 21 20121 Milano

Nella storica cornice della Galleria Vittorio Emanuele II, a due passi dal Duomo, dal 1915 Camparino in Galleria è stato testimone di epoche storiche e fenomeni sociali, visitatori curiosi e habituè meneghini, risollevando animi e celebrando momenti di spensieratezza grazie alla celebre formula del suo iconico aperitivo. Voluto da Davide Campari per offrire uno spazio di divertissement all’elegante città di [...]

H Club>Diana

Viale Piave, 42 20129 Milano

Nella splendida cornice liberty di Porta Venezia, il maestoso Sheraton Diana Majestic incanta gli occhi dei passanti con la sua meravigliosa facciata. Situato all’angolo con Viale Piave, a pochi passi dai Giardini Pubblici Indro Montanelli e accanto allo sferragliare milanese delle linee tramviarie, accoglie all day and night long abitanti della città e forestieri internazionali. Ma il cuore pulsante [...]