To Top
Advertisement
Hi-Tech & Mobility Ristoranti

Garage Italia Customs

Tutto quello che amano gli italiani: motori, design e cibo

Garage Italia Custom non è solo un bar, non è solo un ristorante capitanato da uno chef stellato, ma è un hub creativo e culturale di 1700 mq, con progetti in continuo divenire. Un luogo esperienziale dove vivere, gustare e ammirare le grandi eccellenze italiane: i motori, il design e il cibo.

Garage Italia Customs - Milano

Si trova in piazzale Accursio, un indirizzo simbolo della città e del rinascimento post bellico: la stazione di servizio Agip voluta da Enrico Mattei, fondatore dell’ENI e tra i padri del miracolo economico italiano, e concepita dal grande architetto Mario Bacciocchi nel 1952. Realizzata nello stile streamline statunitense, è caratterizzata da una forma aerodinamica enfatizzata dalla grande pensilina su due livelli e si colloca alla confluenza tra due grandi strade che portavano alla Autostrada dei Laghi, la prima autostrada al mondo.

Garage Italia Customs - Milano

Nel progetto di recupero dell’edificio, che è rimasto in stato d’abbandono per più di vent’anni, sono stati coinvolti il prestigioso designer e architetto italiano Michele De Lucchi (tra le altre cose, Compasso d’Oro come “papà” della lampada Tolomeo di Artemide) e lo chef stellato Carlo Cracco, che ha ideato il menù. Lapo Elkann ha interpretato a modo suo e in chiave contemporanea un concetto coniato dal suo bisnonno Giovanni Agnelli (non l’Avvocato), fondatore della nota Fabbrica Italiana Automobili Torino: Fiat Terra Mare Cielo. In questo luogo viene rappresentata e mostrata l’eccellenza del movimento in tutti e tre gli elementi.

Garage Italia Customs - Milano

Inaugurato nel Novembre 2017, si accede dall’ingresso collocato proprio alla punta della pensilina e immediatamente si rimane con il naso all’insù ammirando quello che è un sogno per grandi e bambini. Il soffitto è stato battezzato la “nuvola d’auto”, un’esposizione di più di 1.000 modellini di tutte le auto che si possono trovare nell’industria dell’automobilismo.

Garage Italia Customs - Milano

Al piano terra ha sede il bar, con un bancone laccato di un “rosso Garage Italia” appositamente brevettato e registrato. Lo staff è in livrea con tute da corsa Sparco e si suddivide in due squadre: blu per la sala, rosse per il bar. Sempre al piano terra, poi, ha sede il corner del merchandise dove ammirare i memorabilia autografati da personaggi del mondo a due e quattro ruote. Il centro dal quale nasce tutto il processo creativo, invece, è la materioteca: una sorta di inedita biblioteca nella quale sono presentate infinite palette di colori per le verniciature delle carrozzerie, gli interni, i pattern di automobili ma anche per altri mezzi di trasporto come gli aerei privati.

Garage Italia Customs - Milano

Tramite questi dettagli e le tonalità di colore viene ripercorsa tutta la storia dell’automobile, attraverso le decadi e i brand più rappresentativi, ricreando un’antologia storica e culturale unica al mondo. L’ambizioso obiettivo è quello di riproporre e recuperare una tradizione degli anni ‘50 con il carrozziere che diventa il consulente sartoriale dell’auto, per un risultato unico e su misura. Carlo Borromeo è il responsabile creativo dell’azienda e la mente dietro questo servizio di tailor made.

Garage Italia Customs - Milano

Garage Italia Customs è innanzitutto un luogo esperienziale: qui infatti si può anche provare un simulatore di guida Ferrari all’avanguardia utilizzato per i veri piloti. Nulla è lasciato al caso, nemmeno all’interno dell’ascensore, dove troviamo la seduta in pelle, come nelle vecchie cabine, e le pareti foderate in velluto verde e blu, i colori della prima Ferrari dell’Avvocato, la 166 MM. Per finire all’apertura delle porte dell’ascensore si sente un rombo di motore a dodici cilindri.

Garage Italia Customs - Milano

Al piano inferiore si trovano le toilette. Sì, vi parliamo anche di queste perché sono un sogno: qui il tema è l’acqua e le toilette sono realizzate con i dettagli dei motoscafi Riva, modelli vintage per le signore, modelli contemporanei per i signori, entrambi con i dettagli iconici dei mitici e stilosissimi Aquarama.

Garage Italia Customs - Milano

Il ristorante è invece al primo piano, nella punta della pensilina, circondato da luminose vetrate. Il soffitto è un circuito di Formula 1, sì avete letto bene, una pista con modellini di monoposto. Al centro una Ferrari 250 GTO circondata da un bancone dove ci si può accomodare. Tutto intorno si trovano i tavoli, con sedute realizzate appositamente da Cassina, ognuna delle quali accessoriata con caricatori per smartphone e PC. Anche le luci che scendono dal soffitto, realizzate con marmitte d’auto, richiamano il mondo dell’automobilismo. All’esterno c’è invece una balconata che ricorda la prua di una nave: il Riva Privè. Il ristorante è capitanato da Carlo Cracco e gestito dal giovane chef trentenne Gabriele Faggionato.

Garage Italia Customs - Milano

Il menù a contagiri è diviso nelle sezioni di acqua, aria e terra. I nomi dei piatti sono stati battezzati, con licenza poetica, ispirandosi ai personaggi mitici del mondo dei motori, alle corse storiche o agli elementi dei motori stessi. Parigi-Dakar, Millemiglia, Maranello, Cric, Turbina, Ayrton Senna, mentre sono special guests i piatti preferiti di alcune delle icone italiane come i tortellini Enzo (Ferrari) o il risotto dell’Avvocato.

Garage Italia Customs - Milano

Infine giungiamo al cielo: la terrazza. Un giardino tropicale arredato con mobili unici creati da Unopiù, dove rimanere ipnotizzati da un aereo, vero e customizzato appositamente, che campeggia sul tetto. Non finiamo di stupirvi: se associate i motori all’inquinamento anche qui vi sconvolgeremo svelandovi che questo edificio è rinato attraverso i rigorosi crismi dell’ecosostenibilità. Tutte le vernici sono Airlite (mangia-inquinanti), per il riscaldamento si sfrutta la geotermia e per l’elettricità il fotovoltaico.

Garage Italia Customs - Milano

Garage Italia è luogo dove ammirare dei veri “toys for boys” assaporando l’eccellenza della cucina italiana. Andate a  prendervi un drink, e che ovviamente sia un Milano-Torino.

Ti potrebbero interessare anche...

VÒCE Aimo e Nadia

Piazza della Scala, 6 20121 Milano

Cucina, arte e cultura si intrecciano a Milano in un coro che canta sulla note di un’unica VÒCE: il progetto di VÒCE Aimo e Nadia nasce il 29 novembre 2018 all’interno delle Gallerie d’Italia, il polo museale promosso da Intesa San Paolo in Piazza della Scala, tra l’omonimo Teatro e Palazzo Marino. VÒCE è all’unisono libreria, caffetteria e [...]

East Market Shop

Via Bernardino Ramazzini, 6 20129 Milano

Da qualche tempo, uno degli appuntamenti preferiti dai milanesi è l’East Market, grande mercato vintage e artigianale insediatosi in Lambrate una volta al mese. Un rito della domenica, un melting pot di colori, oggetti e curiosi che passeggiano tra le bancarelle alla ricerca di un’idea originale e dal tocco hipster da inserire tra le pareti di [...]

One Off Store

Via Melzo, 36 20129 Milano

Il quartiere liberty per eccellenza di Milano è Porta Venezia: elegante, ricercato, tradizionale e aperto ad accogliere nuove tendenze e sperimentazioni. È proprio qui, in via Melzo 36, che si trova One Off Store, negozio dedicato a chi ama vivere la città liberamente in bicicletta e ai viaggiatori che vogliono essere smart nei propri spostamenti. L’idea è nata [...]

Olio Cucina Fresca

Piazzale Lavater, 1 20129 Milano

Le vetrate che si affacciano su Piazzale Lavater e una cucina che ti porta a più di 800 km a sud. Olio è un ristorante che a suon di sapori abbatte ogni logica razionale, facendoti credere che sia davvero possibile essere in due posti contemporaneamente. Se, quindi, da una parte, le strade del quartiere di Porta [...]

10 Ristoranti Industrial Chic a Milano

In principio, laboratori e vecchie fabbriche. Poi Milano ha scoperto l’industrial-chic ed è stato subito amore. D’altronde non poteva che essere un’unione di successo, quella tra lo stile d’arredamento più urban e di tendenza del momento e Milano, metropoli italiana per eccellenza. Less is more, e molti ristoratori sembrano averlo compreso e applicato: minimalismo, tonalità neutre o scure, incontro [...]