To Top
Bistrot

God Save the Food – Tortona

Menù semplice, impeccabile, bilanciato per qualsiasi dieta e con quel tocco esotico in più

Finalmente è arrivato il momento del “secondo me è più da pranzo”. Alla voce scetticismo la Treccani ritrae la mia faccia all’apertura del primo God Save The Food.

Aprì in via Tortona più di qualche anno fa. Al tempo ero un fortunato impiegato alla corte del Sig. Armani in via Bergognone 59. (#Tip) Qui l’HQ commerciale della casa di moda fondata nel 1975 dallo stilista piacentino che – per i 40 anni d’impresa – ha regalato al comune di Milano un museo sulla maison, Armani/Silos: visita decisamente Flawless.

In pochi metri, in zona Tortona, si era apparentemente installato un altro semidio, questa volta legato al cibo. All’apertura i colleghi mi spinsero ad abbandonare le abitudini Asian in favore dell’innovazione di God Save the Food. (#Tip) via Tortona 2. Basara Milano, Sushi Pasticceria. Libidine. Dietro il banco Sushi Hiro, ex Nobu. In cucina una signora Giapponese che si occupa della pasticceria e dei cibi della tradizione.

Le prime impressioni mi ingannano: sembrava asettico, freddo, affollato, lento. “Sono scettico ragazzi. Siete sicuri? A me sembra una mensa per turisti.” Mi arrendo. Entro con il petto gonfio dell’intenditore che pregusta le critiche da Sig. “Velavevodettoio”. E’ odio a prima vista. Nell’arco della mia permanenza nella zona mi sono fatto trascinare in una serie di seconde chance: il servizio migliora. La qualità cresce. Il manager è un ragazzo che non si può non notare: ci sa fare. Mi ha conquistato.

Semplici le ragioni per cui entra di diritto nella shortlist da tenere sempre a portata di mano. Le cito per priorità. Vi è mai capitato di svegliarvi alle 15:00 dopo aver generosamente elargito emozioni alla scena notturna pensando: “E ora dove vado a mangiare?. Al “God”, se hai fame, mangi. Nessuno ti dirà che è tardi, come se la fame avesse degli orari. Per me, che il sabato e la domenica sostituisco “il brunch” con l’invenzione del più originale “brinner” pomeridiano, è una risorsa preziosa.

Da God Save The Food il menù è semplice, impeccabile, bilanciato per qualsiasi dieta tu stia affrontando. E lo so, la stai affrontando, chiunque tu sia, se vivi a Milano, stai affrontando una dieta. O la affronterai. O l’hai affrontata e la riaffronterai. Rispettano i golosi dedicando una delle due mani dello chef anche a loro. Le pretese alla cassa sono un simbolo di onestà ed etica nella jungla di predoni dei sette palati che circondano Madonnina&co.

Centrifugati, insalate ricercate, Quinoa, tocchi esotici tra Wok e Fajitas. (#Tip) “pro” sono piatti proteici, veg” piatti vegetariani,om3” scorpacciata di omega 3. Concreto e senza fronzoli. Non millantano di essere interpreti delle arti figurative enogastronomiche. Offrono solidità.

Quest’estate piazza del Carmine gli ha concesso un posto d’onore per la seconda apertura di God Save the Food. Clima permettendo potrete mangiare all’aperto coccolati dal servizio e dal carisma sacro della facciata di Santa Maria del Carmine, da cui prende il nome uno degli spot più belli della città.

Se fosse una canzone sarebbe Solid Air di John Martyn.

Noi no, per questo condividiamo ogni settimana le miglioni esperienze
di Milano e dintorni...

Ti potrebbero interessare anche...

[Lù-Po]

Via Francesco Arese, 20 20158 Milano

Il lupo è una figura estremamente evocativa. È il cattivo delle favole, è l’appellativo degli uomini solitari e scostanti, in certi racconti è perfino mannaro; ma, in realtà, è anche un animale intrinsecamente da branco, leale, il cui discendente, addomesticato, è diventato il migliore amico dell’uomo. Da Lupo Milano, o meglio [Lù-Po], potrete scegliere quale [...]

Becho

Via Savona, 17 20144 Milano

Un cosmopolitan bistrot dall’offerta genuina al civico 17 di via Savona, che strizza l’occhio alla sostenibilità: questo è Becho, il bistrot, enoteca e gastronomia la cui filosofia ruota attorno al concetto di “scelta”, costruendo la propria offerta con prodotti che non intaccano il sistema alimentare, rispettando il mercato stagionale e locale. Le materie prime provengono infatti da allevamenti e territori costantemente [...]

Al Bacio – Vigevano

Via Vigevano, 32 20144 Milano

Dalle terre Parmigiane/Ducali al centro di Milano, per arrivare poi a una seconda apertura meneghina in Via Vigevano, nella zona per eccellenza della movida cittadina, abbracciata dal Naviglio. Al Bacio ne ha percorsi di chilometri, dalla centrale Emilia Romagna al cuore lombardo, conquistando clienti affezionati e curiosi sperimentatori urbani grazie a un mix bilanciato di ingredienti stuzzicanti e [...]

Belle Donne Bistrot

Via Tortona, 28 20144 Milano

L’autunno porta con sé il desiderio di ambienti intimi, raccolti, dove cenare al lume di candela stappando un’ottima bottiglia di vino rosso. Se state organizzando una serata con questo mood difficilmente troverete un luogo più indicato di Belle Donne Bistrot. Situato in via Tortona, nel cuore dell’omonimo quartiere - noto agli appassionati di design per i numerosi eventi [...]

Quinoa

Viale Beatrice d'Este, 49 20122 Milano

Forte dell’esperienza fiorentina di successo apre i suoi battenti anche nella città meneghina Quinoa, bistrot completamente gluten free. Non rinuncia per questo al gusto, riuscendo a combinare piatti orientali con piatti tipici della cucina regionale italiana, in un menù perfettamente calibrato. Quinoa Milano trova sede in Viale Beatrice D’Este, zona Bocconi, e con le sue ampie vetrate regala un [...]