To Top
Hidden City

Gucci Art Wall

La maison fiorentina incontra la street art

Tra Garibaldi e Moscova, più precisamente in Largo La Foppa, sorge un murales un po’ particolare: il Gucci Art Wall. Alzando lo sguardo verso l’alto, nei pressi del Radetzky Café, è infatti possibile scorgere l’enorme tela urbana di 176 metri quadrati che da maggio 2017 racconta l’immaginario di Gucci: unendo al marketing l’arte contemporanea e regalando periodicamente ai milanesi nuove feste per gli occhi.

gucci-art-wall-palazzo

La realizzazione della prima campagna pubblicitaria è stata creata da un’artista inglese, Angelica Hicks, scoperta su Instagram dall’attuale direttore creativo del brand, Alessandro Michele, che ha deciso di creare una collaborazione tra una nuova linea di undici modelli di t-shirt in edizione limitata e la street art. La prima illustrazione promozionale, comparsa sul muro meneghino nel mese di maggio, ha visto come protagoniste due giovani ragazze vestite Gucci, sormontate dalla scritta: “Freaks and Geeks“.

gucci-art-wall-dettaglio

Oggi la “tela bianca” vuole invece raccontare un altro prodotto della maison: la nuova fragranza Gucci Bloom. Il dipinto è stato commissionato all’artista spagnolo Ignasi Monreal con l’obiettivo di ricreare un’atmosfera campestre, dominata dai fiori e dal verde. Il murales è sviluppato in verticale e riproduce come un affresco il giardino di una tipica villa all’italiana. Sulla parte inferiore della parete si possono notare la boccetta e il packaging del profumo e un frammento in pietra di un viso capovolto, dal quale sbuca un bouquet di fiori, la vera e propria ispirazione per la creazione della fragranza.

gucci-art-wall-close-up

La creatività del brand non si esaurisce qui: il team Gucci ha ha deciso di fornire, online, un insight sulla creazione del dipinto, portando così lo spettatore “dietro le quinte” del progetto attraverso racconti inediti. Per i social addicted e tutti gli appassionati d’arte e fotografia che desiderano “catturare” personalmente il Gucci Art Wall la deadline sarà fine novembre, quando una nuova collaborazione con un nuovo artista darà nuova vita alla facciata milanese.

Ti potrebbero interessare anche...

La Briciola

Via Marsala 1, 20121 Milano

La storia inizia circa quarant’anni fa in via Solferino 25, angolo Via Marsala. La cornice d’altri tempi e l’atmosfera quasi surreale sono quelle di Brera, il cuore artistico della città meneghina. Il nostro protagonista,Gianni, è partito da molto lontano per sfidare la sorte e seguire le sue intuizioni. L’idea era quella di creare una seconda [...]

Da I Gemelli Milano

Via San Marco 26, 20121 Milano

To read this article in English, click here. A Settembre 2018 ha aperto, o forse dovremmo dire è sbarcato, a Milano il ristorante Da I Gemelli. Forti del successo avuto dal loro omonimo ristorante a Portofino, aperto circa sei anni fa, i due ragazzi, ovviamente gemelli, hanno deciso di aprire anche a Milano non solo per [...]

Fishbar de Milan – Brera

Via Montebello, 7 20121 Milano

Fino agli anni ‘30, passeggiando nel cuore di Brera, si poteva incappare nel laghetto di San Marco, un bacino artificiale alimentato dal Naviglio della Martesana, usato dai milanesi come piccolo porto per gli scambi commerciali similmente alla Darsena. Fishbar de Milan, in via Montebello 7, non poteva scegliere location più azzeccata per il suo primo indirizzo milanese, un [...]

Rosa&Co

Corso Garibaldi, 16 20121 Milano

In Corso Garibaldi ha da poco aperto le sue porte un caffè che prende ispirazione dai toni pastello del rosa, dove arredi di design, marmo e luci in led offrono quell’atmosfera cozy e al tempo stesso girlie, tanto amata oggi dal popolo dei social. Siamo da Rosa&Co, giovane spazio su due piani che si apre sul corso con una grande [...]

Il Quadrilatero del silenzio

Piazza Eleonora Duse 3, 20122 Milano

Se a tutti - sono certa - sarà capitato spesso e volentieri di perdersi durante la passeggiata domenicale tra le vie del Quadrilatero della moda, pochi invece avranno scelto di perdersi nella quiete di un altro quadrilatero milanese, a due passi dal suo fratello famoso per le vetrine internazionali di haute-couture: il Quadrilatero del silenzio. [...]