To Top
Cocktail Bar Ristoranti

Momento

Locale dalla doppia anima, ristorante e cocktail bar, per sfuggire alla frenesia dei Navigli

Un angolo di pace dalla frenesia dei Navigli: Momento, come dice il nome stesso, è l’indirizzo giusto per ritagliarsi del tempo da vivere, condividere e assaporare. In via Filippo Argelati 12, poco prima dell’angolo con via Mario Fusetti, un piccolo corso d’acqua fiancheggia la strada per sfociare del Naviglio Grande e proprio qui, in questo luogo senza tempo, il ristorante e cocktail bar vi accoglierà per farvi apprezzare fino in fondo l’idea con cui è stato creato. Un momento per staccare la spina, per godere degli attimi che ci si dedica e per apprezzare fino in fondo l’esperienza culinaria studiata per voi.

Momento - Milano

Il locale, caratterizzato da uno stile industrial chic – minimal e al tempo stesso accogliente – e dai toni del grigio, del crema e del giallo, è strutturato in due spazi e impreziosito da elementi in oro satinato che riscaldano visivamente l’ambiente. All’ingresso, a dare il benvenuto agli avventori, i colori del cemento grezzo: un importante bancone in legno – sovrastato da scenografiche lampade sospese – e dei tavolini sono a disposizione dei clienti alla ricerca di un cocktail fatto a regola d’arte. Alle pareti invece, le opere del fotografo di moda Domenico Petralia catturano subito lo sguardo aggiungendo un tocco interessante all’arredamento.

Momento - Milano

Pochi gradini e un arco di mattoni a volta dividono l’ingresso dalla sala ristorante, sul retro, decisamente più raccolta e dominata da una carta da parati a motivi geometrici che catalizza l’attenzione. La mise en place, essenziale ma curata nei minimi dettagli, fa venir voglia di accomodarsi subito e iniziare a studiare il menù, frutto dell’estro e della passione del giovane Chef Matteo Giovanoli, che è riuscito a creare dei piatti in perfetto equilibrio tra tradizione e innovazione e che ben sintetizzano la filosofia culinaria del ristorante.

Momento - Milano

Se a pranzo potete assaggiare proposte più sfiziose, come le diverse varianti di focacce gourmet, le insalate e qualche zuppa, a cena il menù si fa decisamente più interessante: suddiviso in quattro sezioni, allude a un primo appuntamento, dove a incontrarsi sono ristorante e cliente. “L’incontro”, una prima conoscenza per rompere il ghiaccio, “La scoperta”, dove l’interesse viene risvegliato dai primi piatti, “Il convivio”, quando la serata è consolidata e piacevole e si prosegue con una seconda portata e “Il dolce far niente”, la selezione di dessert a cura dello chef, che idealmente conclude l’appuntamento. Un itinerario che accompagna il cliente con garbo alla scoperta delle sue portate: assaggiate “L’Uovo di Montagna”, uovo dal cuore morbido su crema di patate, pasta kataifi e olio al tartufo e proseguite con “La bella Italia”, Carnaroli riserva in risotto mantecato al caprino e peperone crusco, con n’duja e albicocche disidratate. Se non foste ancora sazi poi, tra i secondi troverete interessanti alternative tra piatti di mare e di terra.

Momento - Milano

Aggiornato ogni tre mesi, il menù segue le stagioni, per non tradire mai la freschezza e l’origine dei suoi ingredienti. Per i più esigenti inoltre sono disponibili anche due percorsi degustazione: “Canto della Terra” e “Mare Calmo della sera”, per non rinunciare a nessun sapore e carpire fino in fondo il senso della filosofia culinaria che questo ristorante propone. Sarete conquistati dai piatti, prima con la vista e poi con il palato, che vi faranno venir voglia di tornare più volte per assaggiare tutto quello che avevate in mente.

Momento - Milano

Anche la lista dei cocktail, creata in collaborazione con il bartender Stefano Cattaneo, vi stupirà. Vere e proprie creazioni con un unico fil rouge, il loro legame con l’arte. Dodici drink ispirati ad altrettante opere e ai loro creatori, tenendo in considerazione i paesi di origine di ciascuno in una sperimentazione che non conosce limiti. Così troverete “El abrazo de amor de l’universo” di Frida Kahlo, con Tequila blanco, Vermouth chardonnay alla verbena e sciroppo al tè verde matcha – entrambi di produzione propria – bianco d’uovo e succo di limone o il “Cantico dei cantici” di Marc Chagall, con vodka, pestato di meringhe e pepe rosa, sciroppo alla menta piperita, pompelmo rosa, succo di limone e bitter ai fiori, anch’esso prodotto in casa con un misto di 30 radici amare, petali di rose, violette, camomilla e fiori eduli.

Momento - Milano

Insomma, quando siete alla ricerca dell’indirizzo giusto per staccare la spina, ricordatevi di questo locale dalla doppia anima, che sia per un pranzo, una cena romantica o qualche giro dei loro buonissimi cocktail. Non resterete delusi. Come scriveva Paulo Coelho “Le persone giungono sempre al momento giusto nei luoghi in cui sono attese”.

Noi no, per questo condividiamo ogni settimana le miglioni esperienze
di Milano e dintorni...

Ti potrebbero interessare anche...

Il catering tailor made firmato MAG Cafè Fa(r)mily

To read this article in English, click here. Quella del MAG Cafè è una famiglia davvero allargata che conta tanti fratelli: il 1930, lo speakeasy in stile anni ‘30 dove ci si accede solo con una tessera esclusiva, il Backdoor 43, il bar più piccolo del mondo, Iter, l’aeroporto gastronomico di via Fusetti, e anche Barba, l’ultimogenito innamoratissimo della musica [...]

5 locali in Porta Romana dove bere bene

To read this article in English, click here. Per aprire la classifica su Google Maps, clicca qui. “Milano da bere”. Recitava così la réclame dell’Amaro Ramazzotti alla metà degli anni ‘80; la stessa che da espressione pubblicitaria e poi giornalistica ha assunto le sembianze di un tatuaggio indelebile, sancendo l’inizio di una nuova era per questa città che aspettava [...]

The Backdoor43 Magazine

To read this article in English, click here. Davanti a un grosso pentolone, intenti a studiare e a dosare gli ingredienti giusti da versarci dentro, per poi mischiare e farne venir fuori qualcosa di eccentrico e inusuale, - come accade sempre. Ce li immaginiamo più o meno così Flavio Angiolillo e la sua crew ogni volta che [...]

Rita’s TIKI ROOM

Ripa di Porta Ticinese 69, 20143 Milano

E’ stato Ernest Raymond Beaumont Gant ad aprire il primo tiki bar tra le pieghe degli anni ‘30, sotto il sole di Los Angeles e di un’America disillusa che si lasciava alle spalle il Proibizionismo. Don The Beachcomber (così si faceva chiamare), ha per primo condito la sua proposta di ristorazione con l’esotismo raccolto nei lunghi [...]

La nuova drink list del TIBI: cocktail epici e twist nipponici

Se la gastronomia francese avesse una colonna sonora di sottofondo, quasi sicuramente s’intitolerebbe “bistrot” e sarebbe fatta di note di quiche loraine, omlette, formaggi tipici, foie gras e così via, incastonate in un pentagramma con tanto di chiave musicale - di tradizione in questo caso. Da sempre colonna portante del mondo della ristorazione d’Oltralpe, i bistrot, soprattutto i [...]