To Top
Etnici

Pokeia

Sognare le Hawaii a due passi dai Navigli

Quanti di voi hanno sognato almeno una volta di abbandonare tutto per un po’ e comprare un biglietto di sola andata per le Hawaii? Una collana di fiori come benvenuto e poi di corsa in spiaggia, fra le palme, a fare un tuffo nell’acqua cristallina. Pokeia è la risposta ideale per placare il desiderio di una vita hawaiiana vista mare.

Pokeia - Milano

L’idea è di Stefania Giotta, pugliese di nascita e milanese d’adozione, che ha deciso di abbandonare la sua carriera da business analyst in una grande azienda proprio per inseguire il suo sogno “hawaiiano”. Nel 2017 vola a New York con il compagno Marco De Crescenzio, co-founder de Il Milanese Imbruttito, per provare in prima persona uno dei trend più in voga del periodo: il pokè, un piatto tipico di origine hawaiiana a base di riso e pesce crudo marinato a cui si aggiungono frutta, verdure, alghe, semi e salse.

Pokeia - Milano

Tornati a Milano hanno intuito subito quale fosse la porta giusta a cui bussare per dare il via a questo nuovo progetto: quella di Flavio Angiolillo (co-founder del Mag Cafè1930 Secret BarBackdoor43BarbaIter Milano e la sua Fa(r)mily) che, provato il format in Francia, ha deciso entusiasta di aggregarsi all’avventura con tutto il team. Così il 22 Giugno nasce Pokeia. Il nome deriva dall’unione del nome del piatto (che letteralmente vuol dire “tagliato a tocchi”) e dalla parola “i’a” che nella lingua locale significa pesce, l’ingrediente base della ricetta. Mission: occidentalizzare il pokè nel rispetto della cultura hawaiiana.

Pokeia - Milano

Come elemento distintivo una carta da parati realizzata ad hoc per creare sin da subito una forte identità di brand, curata e seguita nei minimi dettagli dall’Art Director Giuseppe Musolino, ma soprattutto per far sentire gli ospiti veramente alle Hawaii: donne che fluttuano su avocado, vegetazione e lo Shaka Brah o Hang Loose, un gesto della mano tipico della cultura hawaiiana, oggi saluto dei surfisti. Sedute colorate, tavoli in legno, altalene e piante disseminate per i due piani del locale completano il design di quello che sicuramente diventerà uno dei locali più Instagrammati di Milano. Possiamo anticipare che presto, entrando nel bagno, oltre a essere travolti da una luce rosa, sarete allietati anche dalla musica tipica del posto. Non vi sentite già un po’ a Honolulu con un ukulele in mano pronti a ballare la danza hula?

Pokeia - Milano

Lo chef Vincenzo, firma anche del menù di Iter, ha pensato a quattro bowl signature, oltre a quelle componibili, mixando gli ingredienti su una base di riso bianco, integrale o nero, una proteina, crunch, frutta, verdura e salse (rigorosamente) homemade. Noi le abbiamo assaggiate tutte: Oahu è la bowl signature più richiesta, con riso bianco, salmone, daikon, avocado, mandorle, wakame e una deliziosa maionese al wasabi, avocado e cardamomo. La più particolare? La Kauai – a detta dello Chef – con riso integrale, polpo, finocchio, papaya, tobicco, anacardi e una salsa a base di arancia, zenzero, scalogno e pepe.

Pokeia - Milano

In menù anche alcuni antipasti da abbinare alle bowl, come il delizioso pokè toast, il rice paper roll pokè e il più goloso, il poke tacos, per chi nemmeno in questo periodo si preoccupa della dieta. A completamento dell’offerta delle freschissime smoothies bowls (frullati vitaminici a base di frutta, verdura e proteine) e morbide musse. Inoltre, ogni mese, troverete anche una special bowl, che aggiunge al pokè ingredienti italiani e stagionali. Un esempio? I fichi accompagnati a riso integrale, ricciola, porro e quinoa soffiata.

Pokeia - Milano

Per accompagnare le bowl scegliete una birra hawaiiana o i drink ideati da Flavio e la sua crew: il Negroni del marinaio, cavallo di battaglia del Mag Cafè, l’Hana Mule, una variante del Moscow Mule con aloe, il Makai sour e il Lei tonic, un twist al classico Gin tonic con fiore di ibisco. Potrete assaggiare tutte le specialità di Pokeia anche comodamente a casa vostra: è già attivo infatti il servizio di consegna su Deliveroo e Glovo, ma presto sarà disponibile anche su tutti gli altri siti di food delivery.

Pokeia - Milano

Noi siamo già più rilassati e usciamo salutando con un “aloha”, sognando spiagge e palme con un motivetto hawaiano che risuona nella mente. E voi? Non siete ancora su Google Maps a cercare Via Magolfa 25/27? #TooGoodToStayHawaii

Ti potrebbero interessare anche...

Momento

Via Filippo Argelati, 12 20143 Milano

Un angolo di pace dalla frenesia dei Navigli: Momento, come dice il nome stesso, è l’indirizzo giusto per ritagliarsi del tempo da vivere, condividere e assaporare. In via Filippo Argelati 12, poco prima dell’angolo con via Mario Fusetti, un piccolo corso d’acqua fiancheggia la strada per sfociare del Naviglio Grande e proprio qui, in questo luogo [...]

Ecliss Milano

Ripa di Porta Ticinese 73, 20143 Milano

Chiudiamo gli occhi. Li riapriamo. Li chiudiamo e li riapriamo. Siamo davanti a Ecliss, ed è subito magia. Quella di Ecliss è una magia che dura tutto l'anno. È un negozio, che definire negozio non si può. È vero che tutto quello che trovate al suo interno è in vendita. È anche vero però che non sembra un negozio, è più un [...]

Iter goes to Panama

To read this article in English, click here. “From Italy to the world” cita lo slogan di Iter e, difatti, dall'Italia si è volati prima ad Amsterdam tra tulipani e mulini a vento per arrivare, i primi di settembre, oltreoceano, sino a Panama, il paese sull’istmo che collega l’America centrale a quella meridionale e che [...]

10 indirizzi total pink a Milano

To read this article in English, click here. Per aprire la mappa della classifica tramite Google Map, cliccare qui. Nell’ultimo anno, Milano è stata colpita da una nuova epidemia: il rosa. Numerosi i locali - tra caffè, negozi e ristoranti - che hanno eletto il colore femminile per eccellenza a cornice ideale per i propri ospiti. Il [...]

Bon Wei

Via Castelvetro, 16/18 20154 Milano

Per chi è un grande appassionato di cucina orientale, cinese in primis, parlare di Bon Wei risulta facile. Spesso i ristornati cinesi sono collegati automaticamente a piatti veloci, poco creativi, di bassa qualità e in contesti non particolarmente curati che propongono anche ricette di altre nazionalità come piatti giapponesi o italiani. Da Bon Wei, che in cinese [...]