To Top
Advertisement
Etnici

Shimokita

Tapas giapponesi nel set di un fumetto anni 90

Tra gli accattivanti e modaioli locali milanesi gestiti da Luca Guelfi arriva Shimokita, in Via Archimede, zona Porta Venezia. E ci destabilizza subito, proponendo un Giappone del tutto diverso da quello a cui siamo abituati. Dimenticatevi di musiche zen, di tendaggi velati e di fiori d’acqua. Shimokita ci porta in una Tokyo molto più street, caotica, pop. Il nome infatti rimanda alla zona hipster della capitale, Shimokitawa. Poco conosciuta dai turisti, è un labirinto di piccole strade in continua evoluzione, fucina di idee innovative, di arte e di moda.

Shimokita - Milano

Il mood del quartiere si riflette interamente nel locale, che sembra il teatro di un fumetto. Le pareti sono ricoperte da graffiti e murales ispirati a icone dei manga anni ’90, curati dall’artista Mr. Wany. Un lampadario di Venini invade la sala bar, facendo quasi passare inosservati i robot, le macchinette da sala giochi e i neon rosa che spiccano nella luce soffusa.

Shimokita - Milano

Coloratissime sedute ospitano chi decide di accomodarsi al bancone, degustando dei signature cocktail d’ispirazione orientale, a base di sake o umeshu. Un esempio ne è il Fujiko, con sake, martini ambrato, succo di litchi e passion fruit. Durante l’aperitivo è possibile assaggiare quello che è il focus del locale: tapas nipponiche con contaminazioni europee, asiatiche e sudamericane.

Shimokita - Milano

Il menù è stato curato a quattro mani da Marco Fossati e Atsushi Okuda, che sono riusciti a compensare gusti diversi tra loro, sbizzarrendosi tra rolls e tapas. Tra queste, da citare assolutamente i pop corn di gamberi in tempura con salsa ponzu e gli spicy salmon tacos. La contaminazione di gusti è eccezionale anche nei rolls, che abbinano ingredienti insoliti, come astice, maionese di miso e gamberi rossi. Io, poi, ho adorato il roll al tonno con spuma di bufala e aceto balsamico.

Shimokita - Milano

Ai dolci ci ha pensato invece la maestra pasticciera Ilaria Forlani, food designer dell’anno 2017, che ha creato in esclusiva per Shimokita tre diversi abbinamenti di sushi gelato, assolutamente da provare.

Shimokita - Milano

Vi consiglio assolutamente di provarlo per un aperitivo un po’ insolito con amici, scegliendo di ordinare vari piatti e di assaggiare gli incredibili abbinamenti proposti. E, ovviamente, brindando al quartiere Shimokitawa, in attesa di visitarlo davvero!

 

Ti potrebbero interessare anche...

Agua Sancta

Corso Garibaldi, 110 20121 Milano

Chi di voi ha avuto il piacere di viaggiare in Messico, sicuramente conoscerà bene la vitalità, il colore e il calore di questa terra e del suo popolo. Ogni momento è quello giusto per fare festa e condividere con amici, famiglia, e perché no, anche sconosciuti, cibo gustoso e drink sfiziosi. Da Agua Sancta, in Corso [...]

Best of 2018

Fine dell’anno, tempo di tirare le somme. In una città dove sembra non mancare nulla e lo skyline si estende di giorno in giorno, ecco una lista di ciò che - giungendo alla conclusione di questo anno ricco di aperture - giudichiamo ora indispensabile, e di cui non potremmo più fare a meno. TRADIZIONALE | [...]

Égalité

Via Melzo, 22 20129 Milano

Per una ex parigina trapiantata a Milano, l’apertura (finalmente!) di una vera boulangerie per le vie della movida meneghina, non è solo musica per le orecchie, ma anche goduria per i sensi. Da qualche mese, infatti, tra le viuzze nascoste e affascinanti dietro Porta Venezia che tanto ricordano il Marais, ha inaugurato, già con molto successo, Égalité, boulangerie [...]

I 10 migliori cocktail bar in Porta Venezia

To read this article in English, click here. Porta Venezia è senza dubbio uno dei quartieri più eclettici e ricercati di Milano: gallerie d’arte che sono istituzioni in città, ampi spazi verdi, irresistibili negozi di moda e palazzi dalle iconiche architetture liberty. Nel suo spirito bohémien, questa zona offre anche locali unici, veri templi della [...]

Bon Wei

Via Castelvetro, 16/18 20154 Milano

Per chi è un grande appassionato di cucina orientale, cinese in primis, parlare di Bon Wei risulta facile. Spesso i ristornati cinesi sono collegati automaticamente a piatti veloci, poco creativi, di bassa qualità e in contesti non particolarmente curati che propongono anche ricette di altre nazionalità come piatti giapponesi o italiani. Da Bon Wei, che in cinese [...]