To Top
Bistrot Street Food

SlowSud – Cucine di Strada

Un’autentica celebrazione della cucina mediterranea nel cuore di Milano

Impossibile vero? Ma è ciò che si propone SlowSud, un posticino nascosto in via delle Asole 4, dove il concept di fondo è quello di abbinare lo street food a una concezione slow, il tutto in chiave meridionale. Il nome del locale, infatti, è tutto giocato su questa idea innovativa, che incuriosisce.

Slow Sud Via delle Asole - Panino

SlowSud nasce circa un anno fa da un esperimento, così amano definirlo i suoi inventori, ma la formula è in realtà semplice ed efficace: rendere conviviale anche un pasto veloce, rispettando i tempi e la qualità dei piatti. A giudicare dalla recentissima apertura di un secondo cocktail bar-cucina in Corso Garibaldi 34 “Slow Sud Muciulerie”, si può dire che l’esperimento è decisamente riuscito!

Slow Sud Corso Garibaldi - Esterno

SlowSud Corso Garibaldi

Sul menù sono presenti piatti di street food vero e proprio, opzioni più elaborate da ristorante e infine le “muciulerie”, ovvero la versione meridionale delle tapas spagnole, una sorta di piatto in miniatura come alternativa sfiziosa da sostituire al solito aperitivo e punto di forza del locale di Corso Garibaldi.

Slow Sud Corso Garibaldi - Muciulerie

L’ambiente è giovane, informale e dal design piacevole. Ciò che attira subito l’attenzione sono sicuramente i due tavolini provvisti di altalene invece che di una seduta tradizionale: se, come nel mio caso, foste in compagnia della vostra dolce metà, vi consiglio di non lasciateveli sfuggire!

Slow Sud Via delle Asole - Altalene

Slow Sud Via delle Asole – Altalene

Dopo questa doverosa introduzione parliamo della cena. L’idea era quella di assaggiare lo street food ma alla fine ci siamo lasciati tentare dai loro primi e secondi piatti, ripromettendoci di tornare per i super panini in menù, che vanno dal classico paneppanelle siciliano, ai panini con tartare o gamberoni. Il filo conduttore del menù è la “sicilianità”, ma il percorso gastronomico presenta piatti di altre regioni del sud Italia.

Slow Sud Via delle Asole - Polpo

Il nostro “viaggio in altalena” inizia quindi con una “Nuova norma” con salsa di pomodoro tirata 12 ore, e “Il gambero e la vacca”: paccheri con gamberoni saltati, stracciata di burrata, pomodorini datterini. Già dal primo avevamo intuito tutto: le materie prime erano eccellenti e lavorate secondo la tradizione ma con piacevoli e creativi elementi di novità. Il tempo di dondolarsi un po’ e arriva il secondo: “Tunnina 3.0”, tagliata di tonno leggermente scottato su crema di radicchio e accompagnata da un’insalatina di peperoni arrosto e carciofi a crudo: sublime! Un accostamento insolito, ma assolutamente promosso. Infine concludiamo con il dolce, un coloratissimo “Tris di cannolicchi”: il “classico” alla ricotta, il golosissimo ricoperto di cioccolato e farcito con ricotta e canditi e il tradizionale a base di decotto di carrubba. Veramente ottimi.

I piatti, oltre che molto gustosi, sono veramente ben presentati, cosa non scontata per un locale che si propone “street food”. Che dire? N’amu vistu, n’viriamu!

Noi no, per questo condividiamo ogni settimana le miglioni esperienze
di Milano e dintorni...