To Top
Stellati

Tokuyoshi

Le nozze celesti (e culinarie) di Italia e Giappone

Una stella Michelin appena presa, va bene, ma la curiosità è tutta per lui, Yoji Tokuyoshi, chef proprietario dell’omonimo ristorante con un passato importante. Nove anni da Massimo Bottura, di cui tre come sous-chef, non sono cosa da nulla. Le aspettative, quando si entra, sono abbastanza alte. Adesso, lo chef Tokuyoshi ha aperto il suo ristorante giapponese dove l’estremo Oriente incontra l’Italia.

Tokuyoshi

Il locale è d’atmosfera, con un grande e lungo bancone centrale. I tavoli sono pochi ma ben disposti, eleganti anche i dettagli. Ma arriviamo al sodo e parliamo del menù e degli accostamenti arditi che propone. Prima di iniziare delle olive nere, amare e salate al punto giusto, vengono servite come entrée accompagnate dal pane di lievito madre appena sfornato e dal burro nocciolato.

Tokuyoshi

Ogni portata (e dunque anche questo assaggio) è accompagnata da un bicchierino di brodo: ora di carne, ora di verdure, ora di spezie seguendo la tradizione giapponese che vuole ogni pietanza accompagnata da una bevanda calda. Fra gli antipasti, il non plus ultra è il pane con burro e alici,  una nuvola bianca, morbida e vaporosa, impastata con acqua di mare, alici marinate e burro nocciolato. Al secondo posto abbiamo il cannolo siciliano salato ripieno di baccalà mantecato seguito a ruota dalla tartare di daino e dal lardo di Wagyu.

Tokuyoshi

Per i primi piatti, invece, abbiamo una scelta assolutamente originale. La pasta Tributo a Noto consiste in spaghetti con latte di mandorle, vongole e pistacchi. Il risotto con ostriche e Wagyu è un’apoteosi gastronomica e, sempre sulla stessa linea di commistione di gastronomia italiana e giapponese, abbiamo i ravioli del plin su brodo tonkotsu, a cui manca solo la parola.

Tokuyoshi

Come secondo una buona scommessa è il piccione con finferli e porcini,  davvero buonissimo, il suo fondo di cottura è semplice ma corposo, delicato e saporito. Sempre incredibili, poi, sono la guancia di vitello brasata nel Barbaresco, la sogliola in spuma e salsa d’impepata di cozze  o la triglia alla livornese con salsa di triglia ridotta. Tutti piatti complessi e articolati che non mancheranno di sorprendervi.

Tokuyoshi

Il dessert invece è un babà inzuppato nel Sauternes Chateau d’Yquem, una incredibile variazione su un piatto famoso e tradizionale che fa ben capire tutta la carica di innovazione che lo chef Tokuyoshi mette in ogni singolo piatto della sua cucina. Un’esperienza indimenticabile.

Ti potrebbero interessare anche...

Kowa

Via Benvenuto Cellini 14, 20129 Milano

Dopo mesi di attesa, all'interno dell’ hotel 5 stelle Fifty House, ha aperto Kowa, ristorante che rispecchia appieno lo stile dell’albergo: internazionale, moderno e cosmopolita come la città che lo ospita. Kowa è stato definito panasiatico da Andrea Reitano, il suo ideatore, giovane imprenditore che ha trovato il successo a Londra ed ora vuole conquistare anche Milano. Garanzia che sia [...]

Misoya

Via Solferino 41, 20121 Milano

Quando è sabato, siete fra amici e state cercando un posto informale ma non scontato, che sia diverso dal solito sushi, potrebbe essere l’occasione perfetta per provare Misoya, in Brera. Misoya è una rinomata catena nipponica che vanta numerosi ristoranti anche in America, Canada, Thailandia e Brasile, due dei quali (Montreal e New York) costantemente inseriti nella Guida Michelin [...]

Fusho

Via Paolo Sarpi 50, 20154 Milano

Qualche anno fa la zona di via Paolo Sarpi, detta anche Chinatown, era spesso trascurata dai milanesi. Per fortuna negli ultimi tempi la situazione è cambiata e tanti nuovi locali e negozi hanno cominciato a trasformare Sarpi in un quartiere di Milano con un’anima e un’atmosfera tutta sua. L’ultimo locale ad aggiungersi alle tante novità [...]

Nishiki

Corso Lodi 70, 20139 Milano

Nishiki è l’esempio lampante di come un ristorante giapponese fusion di quartiere possa trasformarsi nel tempo in un punto di riferimento cittadino, ottenendo un meritato successo, grazie al lavoro sodo e alle ottime materie prime. Quando Nishiki ha aperto, ormai più di dieci anni fa, abbiamo iniziato a frequentarlo in modo costante sia per la sua posizione strategica che per l'ottima qualità delle sue proposte. Siamo [...]

Dou – Asian Passion

Piazza Napoli 25, 20146 Milano

Per gli amanti della cucina asiatica, e soprattutto del vastissimo mondo dei tipici ravioli cinesi, Dou - Asian Passion è il ristorante perfetto. Situato in Piazza Napoli, a pochi passi dall’artistica e modaiola zona di Tortona e Solari, il locale offre un ambiente dal design essenziale ed elegante, ideale per gustare prelibatezze della cucina asiatica [...]