To Top
Lifestyle

Unknown Places – La Triennale

Un viaggio tra i luoghi meno conosciuti e fotografati del pianeta in mostra alla Triennale di Milano

To read this article in English, click here.

Se anche voi amate l’avventura e non vedete l’ora di avere un momento libero per organizzare il prossimo viaggio dall’altra parte del globo alla ricerca di luoghi inesplorati, allora questo weekend a Milano c’è la mostra che fa per voi. In scena alla Triennale di Milano sabato 10 novembre 2018, dalle 13:30 alle 20:30, e domenica 11, dalle 10:30 alle 20:30, Unknown Places è l’esposizione che racconta un viaggio tra i luoghi meno conosciuti e fotografati del pianeta.

Vi siete mai chiesti se ci sono posti ancora da scoprire (e da scattare) in questo mondo? Non parliamo di diverse prospettive di una foto, ma di una foto unica, mai scattata prima, in un luogo inedito. Siamo abituati a vedere il Taj Mahal, la Tour Eiffel e i più importanti monumenti e paesaggi del pianeta in tutti i colori possibili, almeno tanti quanto quelli dell’arcobaleno, sicuramente nelle centinaia di combinazioni create grazie ai filtri di Instagram. Ma quanti sono i luoghi vergini da questo punto di vista? Siete mai stati i primi a scoprire un posto?

È su questi interrogativi che si apre la mostra fotografica ospitata nel Salone d’Onore della Triennale: una prima assoluta che racconta attraverso 10 scatti di luoghi inediti cosa voglia dire stupirsi ancora davanti a un’immagine rispetto al bombardamento quotidiano a cui, volenti o nolenti, ormai siamo abituati.

Luoghi magnetici, in grado di trasportare immediatamente il visitatore negli angoli più remoti, dove l’unica connessione è quella con sé stessi e con l’ambiente circostante, luoghi che provocano reazioni e che stimolano la voglia di fare “la foto”, non una tra migliaia salvata su un disco di memoria, bensì l’unica, catturata con un click e stampata per voi, per farvi assaporare il brivido della scoperta e per condividere un’emozione che probabilmente abbiamo dimenticato.

Così gli autori, nelle vesti di esploratori del nuovo millennio, vogliono raccontarvi con una serie di scatti la meraviglia di paesaggi incontaminati, in cui la natura, sbizzarrendosi, ha creato scenari surreali; ma anche luoghi dove la mano dell’uomo ha plasmato gli elementi per sopravvivere e coesistere laddove sembrava impossibile.

Un’idea riassunta alla perfezione dalle parole di uno dei fotografi, che spiega come nasce l’idea di questa mostra: “Ogni fotografia racchiude in sé l’attitudine al viaggio, alla scoperta dell’ignoto e lo stupore che proviamo capendo quanto possa essere meraviglioso il nostro pianeta. È sempre stato qui, ma siamo sicuri di conoscerlo?”

Se è vero che l’essenza di un viaggio è negli occhi di chi lo vive, lo è altrettanto che l’essenza di una foto è negli occhi di chi la guarda: i visitatori saranno catturati, trascinati a interrogarsi sulle infinite possibilità offerte dal nostro pianeta, e soprattutto sulle storie dietro quelle immagini, che aprono la porta dell’immaginazione facendo viaggiare, se non fisicamente, almeno con la mente.

Se siete appassionati di viaggi, di fotografia ma anche solo curiosi per natura questo appuntamento imperdibile vi lascerà con la voglia di fare qualcosa di nuovo, di intentato. Così, mentre vi domanderete, uscendo su viale Alemagna in un giorno di autunno inoltrato, quale possa essere il vostro posto inesplorato in questo mondo, iniziate a sbirciare su Instagram gli hashtag #UnknownPlaces #SayYesToTheWorld, vi faciliterà di molto la ricerca.