To Top
Viaggi

Weekend in Piemonte

Perché dover scegliere se si può andare in basso Piemonte…

To read this article in English, click here.

In quei mesi autunnali o primaverili di transizione come novembre o marzo è troppo presto (o tardi) per la montagna, ma anche per il mare. E quindi direte voi? Beh ovvio, la campagna. Ecco, abbiamo scoperto quella del Piemonte e non possiamo più farne a meno.

Tutto è cominciato a metà ottobre di quest’anno mentre ero alla ricerca di un posto dove andare a gustare piatti a base di tartufo bianco insieme a una comitiva di amici per cambiare rispetto alla gettonatissima, ma anche ormai frequentatissima zona delle Langhe e provare qualcosa di nuovo.

Il primo passo, su consiglio di amici e parenti, è stato cercare nella zona delle Colline del Gavi, davvero splendide, ma spesso sovraffollate, soprattutto nei weekend e per comitive allargate. Il secondo passo è stato informarmi sui prezzi del tartufo: quest’anno, causa condizioni climatiche avverse alla sua formazione e maturazione, il tartufo bianco è arrivato a costare anche 400 euro all’etto.

Dovevo dunque trovare un’alternativa. Alla fine della ricerca, ho trovato e provato due posti a dir poco affascinanti: un ristorante indicato per una bella mangiata di gruppo e una spa da godersi in coppia o con le amiche.

DEGUSTARE IN MEZZO AI VIGNETI – AGRITURISMO ALBACHIARA

Weekend in Piemonte

Nel mezzo della campagna di Carpeneto, un paese poco distante da Ovada, in provincia di Alessandria, si trova, incastonato tra le colline, un antico casale  oggi adibito ad agriturismo. In estate si può mangiare in una suggestiva veranda nel giardino della proprietà mentre nei mesi più freddi negli eleganti saloni, dove ci si sente graditi ospiti di una casa country chic. Un camino, un angolo che ricorda una cucina di altri tempi, un sofà, una vetrata affacciata sulle colline. Bastano pochi ma suggestivi dettagli per far capire quanto sia pittoresca questa location.

Oltre ad offrire servizi personalizzati come l’autista per escursioni o una speciale pet therapy con i cavalli, la vera chicca di questo posto sono i menù, non solo per l’ottimo rapporto qualità/prezzo. La cascina è gestita da una famiglia pugliese: ecco perché nelle proposte culinarie non mancano mai i classici piemontesi (ravioli del plin e filetto di fassona) affiancati da proposte pugliesi (stracciatella e cartellate) rivisitate dello chef. E se, dopo aver fatto scorpacciata di ottime pietanze vi volete fermare a dormire, la struttura dispone anche di camere.

I dintorni sono ricchi di storia. Oltre al castello del limitrofo centro di Carpeneto, nelle vicinanze troviamo altri castelli a Gavi, Castelletto D’orba, Montaldeo, Rocca Grimalda, Tassarolo, Cremolino, Molare, Tagliolo. Se siete fortunati ad Ovada potrete trovare qualche manifestazione all’aperto.

OZIARE IN UN’ANTICA CASA MONASTICA – RELAIS SANT’UFFIZIO

Weekend in Piemonte

La prima proposta è decisamente indicata per chi non si stanca mai di scoprire e assaggiare nuove pietanze ma ci sono anche momenti in cui è bene prendersi una pausa dalla frenetica routine quotidiana e staccare la spina. Per farlo cosa c’è di meglio di una spa immersa nel verde e circondata dalle Alpi? A Cioccaro, nel cuore del Monferrato, tra Asti e Casale, sorge un antichissimo monastero che è stato recentemente oggetto di ristrutturazione. Del vecchio edificio rimangono i muri esterni e molti particolari dell’interno come le porte di ferro e legno volutamente storte poiché non posizionate con le bolle moderne. Gli spazi restanti e in particolare le camere nell’ala delle scuderie e la spa sono invece moderni e all’avanguardia.

La spa offre moltissimi servizi: una piscina (interna ed esterna) con vista sui vigneti attrezzata con varianti di getti d’acqua di ogni tipo oltre che di sdraio idromassaggio, bagno mediterraneo, bagno turco e sauna vetrata con vista sull’esterno e ancora cascata di ghiaccio, doccia aromatica breeze e area relax e massaggi. E per concludere una selezione di tè e tisane da far invidia alla regina di Inghilterra.

Da notare anche il ristorante: Piccolo ma curato e molto chic con proposte locali rivisitate in chiave moderna soprattutto per quanto riguarda la presentazione. La colazione offre una grande varietà di dolci e torte fatte in casa e la veranda nella quale viene servita consente di godere di una bella vista.

La struttura è in una posizione ottimale per passeggiate a piedi tra i vigneti. I colori autunnali o primaverili rendono ancora più suggestivo il paesaggio. Non lontano dal relais si raggiunge il famoso santuario mariano di Crea, reso speciale dal sentiero quasi fiabesco nel bosco con piccole cappellette posizionate lungo il percorso. Ottimo il ristorante di Crea ai piedi del santuario.