To Top
Viaggi

Weekend in Salento: cosa fare

I nostri tips per un viaggetto sulla west coast del profondo meridione pugliese

To read this article in English, click here.

La scopri e non te ne vuoi andare e se te ne vai poi aspetti di tornare. La Puglia, se la si la ama, è una piacevole condanna, sia per chi la guarda con gli occhi curiosi di un “forestiero”, sia per chi qui ci è nato e la terra ce l’ha nel dna. 800 km di coste chiusi in un abbraccio tra due mari che custodiscono canyon, gravine, scavi archeologici e siti Unesco; uno scrigno d’arte, storia e natura. È la regione delle scogliere a picco, dei tramonti che si tuffano nelle acque salate, delle spiagge note e delle calette nascoste, degli ulivi e dei vigneti, dei profumi e dei sapori, dei segreti delle nonne sulle tavole, delle chiacchiere tra i vicoli e dei pranzi chiassosi. È un pezzo di veracità del sud a forma di tacco di stivale con un litorale variopinto, diviso tra le bellezze del nord del Gargano e della Daunia, gli echi del passato imperiale e i borghi della Terra di Bari, i trulli della Valle d’Itria, l’Arco Ionico Tarantino e i mille volti del Salento.

Il suo “profondo meridione” in particolare, che da Pilone e da Taranto si estende fino a Leuca salutando l’equatore, nel corso degli ultimi anni si è trasformato in un vero e proprio polo magnetico, attraendo turisti da ogni dove. E adesso che le vacanze sono vicine, l’idea di un weekend fuori porta comincia a far gola a tutti; e noi abbiamo qualche consiglio da darvi per un break sul west side, tra alcune province di Taranto e Lecce. Tuttavia, per mettere da parte l’idea di litorali gremiti e tirare un sospiro di sollievo alla vista delle strade sgombre di macchine, sappiate che giugno e settembre sono forse i periodi migliori: cogliendo l’attimo potrete assaporare l’autentica essenza salentina.

Insomma, accompagnati da scirocco e tramontana, menhir e dolmen ci siamo inoltrati in questa fetta di Puglia così seducente; ecco i segreti che vogliamo condividere con voi.

DORMIRE

Sogni Tranquilli da Antica Villa del Conte

Weekend in Salento: summer calling

Un piccolo paradiso silenzioso di colore bianco che strizza l’occhio al mare cristallino e alle spiagge da cartolina di sabbia finissima di Punta Prosciutto dove non vediamo già l’ora di tornare. Antica Villa del Conte, capitanata dalla famiglia Zanzico, è l’indirizzo perfetto per avere a pochi passi bellezze paradisiache, mentre dalle terrazze delle camere lo sguardo si perde verso l’orizzonte. Benito, il figlio maggiore, imprenditore e proprietario di questa chicca, combatte assieme a sua sorella e suo fratello una nobile battaglia: quella di raccontare, giorno per giorno, l’amore per la loro terra, supportando in maniera proattiva il territorio. Genuini, gentili e disponibili, i Zanzico sono pronti a regalarvi saggi consigli per un’esperienza pugliese completa a 360 gradi.

Gli appartamenti, dotati di tutti i comfort, sono stati pensati privilegiando materiali naturali; gli arredi, essenziali, ricreano un’atmosfera piacevole che avvolge gli ospiti come una sorta di mantello fatto di tranquillità. Si viene coccolati anche con servizi speciali, tra cui pacchetti privilegiati per il noleggio di ombrelloni e lettini, degustazioni di piatti di chef del posto come Luigi Giurgola (che da tempo collabora con la famiglia) e percorsi enogastronomici per cantine, masserie della zona. Infine, per festeggiare un’occasione importante – sancire ad esempio il patto d’amore con il partner – si può riservare un angolo della struttura, celebrando con fiori, torta e champagne.

Vi abbiamo convinti?

RELAX

Come ai Caraibi, ma senza fuso orario: San Pietro in Bevagna, Punta Prosciutto e Baia di Torre Lapillo

Weekend in Salento: summer calling

La west coast salentina ha tra le sue punte di diamante in fatto di mare tre località dove sventolano le 3 Vele di Legambiente, – che meritano una visita.

San Pietro in Bevagna, vicino Manduria, è un comune pittoresco che comprende l’omonima frazione balneare: qui vi troverete a passeggiare su una lunga spiaggia caratterizzata da soffici dune e basse scogliere che alterna tratti con lidi (Momà Exclusive Beach tra i più in voga) e tratti “liberi” per del relax a costo zero. Segnate nella lista dei place to be la spiaggia del Chidro dove scorre un fiume di acqua dolce e gelida che si getta in mare. Secondo la leggenda, le conchiglie che si trovano sarebbero la pietrificazione delle lacrime di San Pietro.

La già citata Punta Prosciutto è un must del Parco Naturale “Palude del Conte e Duna Costiera”: incorniciata dalla folta macchia mediterranea secolare, la sabbia bianca del litorale si lascia accarezzare da acque salate basse e cristalline. La spiaggia è meta apprezzata da sportivi, amanti di windsurf, vela e immersioni, e conta poche strutture attrezzate: tra queste non possiamo che consigliarvi la spiaggia di Antica Villa del Conte (ça va sans dire) e il Samanà Beach, per una pausa sotto ombrelloni di paglia, sorseggiando buoni drink.

Superata Punta Prosciutto e giunti lì dove sorge Torre Castiglione, potete fare tappa al Togo Bay Beach: ci si gode l’estate al fresco di palme e palmette, tra pranzi di qualità e aperitivi con musica live. E nella Baia di Torre Lapillo la spiaggia di sabbia finissima e ciottoli levigati è lunga oltre 4 km e il mare ha sfumature smeraldine; ci sono lidi più frequentati dai giovani, come il Bahia Porto Cesareo, dove il tempo è scandito da bagni ed happy hour, e altri più tranquilli, ideali anche per le famiglie.

EXPERIENCE

Into the wild: quattro passi sull’Isola dei Conigli

Weekend in Salento: summer calling

Se prendere il sole non vi basta, optate per un po’ di esplorazione nella natura selvaggia. Andando verso sud, fate tappa a Porto Cesareo – borgo altrettanto famoso fra i turisti per il bel mare – per visitare l’Isola dei Conigli. L’atollo deve il nome ai numerosi conigli allo stato brado che vi si allevavano un tempo, e dal porticciolo del paese partono quotidianamente barche di pescatori o privati che traghettano gli interessati lì. E se vi sentite in forma potete addirittura pensare di raggiungerla a nuoto (dista circa 1 km dalla riva). Una volta arrivati lo spettacolo è assicurato: ad accogliervi, i profumi di una ricca vegetazione di macchia mediterranea, una pineta di pini e cipressi e un’isolata spiaggetta.

DIVERTIMENTO E NIGHTLIFE

Gli happy hour a Porto Cesareo e il richiamo di Gallipoli

Weekend in Salento: summer calling

Tra aperitivi sul mare e incalzanti dj set, nel Salento non ci si annoia mai; a tal proposito vi consigliamo in zona, oltre al Bahia Porto Cesareo che vi abbiamo già presentato, il Togo Bay, uno degli indirizzi più in e cool con danze aperte dal venerdì alla domenica, dal tramonto fino a sera, e l’Isola Beach.

Chi avesse voglia di spingersi fino a Castro deve prendere carta e penna e segnarsi questo nome: il BluBay, uno dei club salentini più in voga (con tanto di piscine), considerato tra i più belli del sud Italia, che dall’altura su cui si trova riempie il cielo di musica e luci per tutta l’estate.  

Per i leoni della notte, poi, il divertimento di Gallipoli è a meno di un’ora di macchina. L’ ”Ibiza italiana”, soprattutto durante l’alta stagione, non vi deluderà con i beach party di Baia Verde, i numerosissimi eventi con ospiti di fama internazionale e le sue discoteche (tra queste avrete sicuramente sentito parlare di Praja, Amamè e Rio Bo). Occhio alla folla però …

FOOD

Il mare in tavola e le dolci tentazioni

Weekend in Salento: summer calling

Per pranzi e cene coi fiocchi a Porto Cesareo, Antimo e Cosimino Ristorante sono la risposta: la freschezza del mare va in tavola nella forma di piatti colorati, belli e buoni che racchiudono l’amore per le tradizioni e l’attenzione alle materie prime. E quando il sole scotta, il gelato è una tentazione a cui cedere volentieri per rinfrescarsi: quello di Principe è un’istituzione del borgo, da gustare sulla suggestiva terrazza per godersi il panorama.

A Torre Lapillo la Pescheria 3.0 vi delizia a colpi di pesce fresco cucinato al momento, e l’asporto ha tutt’un altro sapore, mentre a Santa Maria al Bagno ci pensa l’Art Nouveau: un ristorante raffinato con vista mozzafiato, incastonato in un edificio di fine ‘800.

A Santa Caterina è la volta del lido Beija Flor: rapisce vista e palato con la sua location in legno che si affaccia sullo Ionio e con le creazioni dello chef che mixa ingredienti a km0 in ricette locali e estere.

Se, infine, nel vostro programma rientra anche una visita a Lecce, la regina del Salento, non perdete l’occasione di concedervi uno sgarro dalla Pasticceria Natale – vincitrice del Certificato d’Eccellenza di Tripadvisor; provatela e fateci sapere!

SHOPPING

L’artigianato creativo Made in Puglia

Weekend in Salento: summer calling

Salento fa rima con artigianato. In tutte le località ci si sbizzarrisce tra le numerosissime botteghe che, solitamente, riescono a soddisfare i gusti di chiunque, dai curiosi agli esigenti. A Lecce, poi, l’offerta di indirizzi imperdibili si triplica. Nel centro storico, nei pressi della Piazza di Sant’Oronzo, vi segnaliamo Artègo: un negozio dedicato all’home decor che racchiude tra le sue mura idee e pezzi unici di artisti, artigiani che con le loro creazioni raccontano il territorio.